D04 Lezione di chitarra classica 02

Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Avatar utente
Jean-François Delcamp
Amministrator
Messaggi: 4289
Iscritto il: dom 30 mag 2004, 20:49
Località: Brest, Francia

D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jean-François Delcamp » gio 06 ott 2016, 09:43

Buongiorno a tutti,
per favore assicuratevi di aver scaricato l'ultima versione del volume D04.
Se siete nuovi, leggete questo messaggio per prendere conoscenza delle condizioni per partecipare ai corsi.
Leggete parimenti il messaggio del primo corso, vi troverete consigli sull'impiego del tempo e le metodiche di lavoro che io vi raccomando.

Adesso cominciamo a lavorare su una serie di esercizi:
- pagina 111 Jean-François DELCAMP (1956) EXTENSIONS
Suonate questo esercizio per la mano sinistra lasciando le dita posate sulla tastiera il più a lungo possibile, come vi mostro nel video seguente. Se le distanze vi sembrano troppo grandi, potete facilitare il lavoro della mano sinistra utilizzando un capotasto, così le estensioni fra le dita saranno minori. Evitate di piegare il polso sinistro, cosa che fa male e ostacola l'azione delle dita. Cercate la posizione (del manico della chitarra, del gomito, della spalla) che vi possa permettere di suonare con la mano sn senza piegare il polso, come vi mostro nel video che segue. Suonerete meglio questo esercizio mettendo il pollice sn sotto l'anulare sn, cioè sotto il terzo tasto.

Youtube




- pagine 127-128 - improvvisazione
Lavoro di improvvisazione D04
Questo lavoro di improvvisazione va fatto molte volte a settimana per molti mesi.
Variate l'intensità (mf,pp,ff.p....), i timbri, i ritmi. Non fate mai due volte la stessa cosa, perchè non si tratterebbe più di improvvisazione, ma sarebbe composizione.

1/ Improvvisate su una sola nota ( LA ) per 20 secondi.

Youtube


Youtube


2/ Improvvisate su queste due sole note ( SOL - LA ) per 20 secondi.

Youtube


Youtube


3/ Improvvisate su queste tre sole note ( SOL - LA - SI ) per 20 secondi.

Youtube


Youtube


4/ Improvvisate su queste sole quattro note ( RE - SOL - LA - Si ) per 20 secondi.

Youtube


Youtube



5/ Improvvisate su queste sole 5 note (RE MI SOL LA SI) per 20 secondi.

Youtube


6/ Improvvisate su queste sole 6 note (RE MI SOL LA SI DO) per 20 secondi.

Youtube


7/ Improvvisate su queste sole 7 note (RE MI FA SOL LA SI DO) per 20 secondi.

Youtube




Infine, studiamo attentamente quattro pezzi, pagine 24, 30, 64, 68, 69 e 92.

- pagina 24 Anonimo - The sick tune
Questo brano è costituito da frasi di 4 misure. La seconda e la quarta frase sono delle diminuzioni della prima e della terza frase. La terza corda è accordata un semitono più basso, affinchè l'accordo della chitarra corrisponda a quello del liuto rinascimentale, per il quale questo brano è stato composto.

Youtube


- pagina 30 Losy, Jan Antonín - Capriccio, in la minore
La misura è a 3 tempi, il ritmo armonico classico è di un'armonia per misura. Alla fine di ciascuna delle due parti del Capriccio, il ritmo armonico passa alla minima: noi abbiamo 3 armonie ( 3 accordi) su 2 misure, questo cambiamento porta il nome di emiolia. Una emiolia indica l'inserzione di un ritmo ternario in un ritmo binario, o viceversa di un ritmo binario in un ritmo ternario. L'emiolia è impiegata in conclusione delle due parti delle danze rinascimentali e del periodo barocco. Nei miei PDF, io segnalo la presenza delle emiolie con delle linee punteggiate al di sopra delle misure.

Youtube


- pagina 64 Giuliani, Mauro - Valse opus 58 n°3
In questo valzer, ogni membro di frase comincia in levare sul terzo tempo. Le ottave ascendenti e il ritmo con dei valori puntati (croma col punto, semicroma ) conferiscono a questo valzer una grande tonicità.

Youtube


- pagina 68,69 Carcassi, Matteo - Valse opus 11 n°9
Questo valzer è costituito da elementi in contrasto (forte-piano, maggiore-minore, veloce-lento). La prima parte si suona pianissimo, la melodia è sui bassi. La seconda parte comincia forte. Nella terza parte la melodia ha la parte maggiore.
Questa melodia si suona in appoggiato, l'accompagnamento si suona in pizzicato. Nella seconda pagina, i tratti barrati indicano di non far scivolare le dita sulla quarta corda, al fine di non provocare rumori parassiti.

Youtube


- pagina 925 Tàrrega, Francisco - Andantino, in la maggiore
La misura 15 è particolarmente difficile, per ottenere questa successione di terze, lasciate le dita appoggiate sulle corde e fatele scivolare da una posizione all'altra, come vi mostro in questo video dove io suono lentamente poi più veloce la misura 15.

Youtube


Youtube





Quando iniziate lo studio di una nuova opera, cominciate a lavorare molto lentamente, ricercando la precisione. Ciò che è fondamentale è che voi suoniate perfettamente la musica, che il ritmo sia esatto, che il suono sia padroneggiato, che l'esecuzione sia musicale e ricca di sfumature.
La velocità verrà con la vostra progressiva abilità, dovuta alla mole di lavoro svolto. La velocità non deve preoccuparvi quando iniziate lo studio di un'opera. Nei primi giorni tale preoccupazione non farebbe che ostacolarvi e rallentarvi nei progressi. È solo quando avrete la padronanza del pezzo, sostenuta dalla lentezza, che potrete cominciare a preoccuparvi di suonare in modo progressivamente più veloce, per raggiungere finalmente il tempo giusto.

Il lavoro che vi propongo è difficile e richiede di essere organizzato e rigoroso. È sicuro che dovrete faticare per ottenere che le vostre dita eseguano i movimenti esatti degli esercizi. Per raggiungere la correttezza di questi movimenti, dovrete ripeterli dozzine di volte ogni giorno. Lo scopo di questi esercizi è di rinforzare e stirare i muscoli delle dita, rendendole più forti e più abili. Lavorate molto ogni giorno i passaggi che sono più difficili, concentratevi su di essi e non suonate che raramente ciò che è facile.
Per ottimizzare il vostro lavoro, frazionatelo in sessioni di 15 minuti, riposate le mani per almeno 30 minuti fra una sessione e l'altra. Se le mani sono dolenti, riposatele per un'ora: è il tempo necessario a smaltire l'acido lattico, che è la principale causa del dolore muscolare.


Vi domando prima di tutto di lavorare su questi esercizi e arie per una settimana e poi di pubblicare le vostre registrazioni di:
- pagina 127 Delcamp, Jean-François Improvisation - 4/ Improvvisate su queste 4 note (RE SOL LA SI) per 20 secondi.
- pagina 24 Anonyme - The sick tune
- pagina 64 Giuliani, Mauro - Valse opus 58 n°3
- pagina 92 Tárrega, Francisco - Andantino, en la mayor


Forza e coraggio!

Vorrei ringraziare Luigi (luigib952) che hanno offerto il loro aiuto per la traduzione in italiano dei miei corsi.

Jean-François
:( + ♫ = :)


Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jesús Morote » gio 06 ott 2016, 13:13

Dice il professore Delcamp per l'esercizio d'estensioni:
Se le distanze vi sembrano troppo grandi, potete facilitare il lavoro della mano sinistra utilizzando un capotasto, così le estensioni fra le dita saranno minori.
Certo che se possiamo un capotasto, per esempio nel tasto V, si fanno piú piccole le distanze fra i tasti, longitudinalmente. Ma si fanno piú grandi le distanze "verticale" fra le corde (specialmente fra prima e sesta). Questo fa piú difficile l'ultimo esercizio, per me questo è il piú difficile: separare i diti anulare e mignolo. Come può il capotasto facilitare il lavoro della mano sinistra separando la distanza fra prima e sesta?

Il professore non suona questo ultimo esercizio, con la prima, nel suo video. Ma credo che bisogna fare anche questo ultimo esercizio.

Qualche oppinione?
Allievo D05

Avatar utente
Gioacchino Faranna
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 193
Iscritto il: sab 06 feb 2016, 23:22
Località: Palermo

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Gioacchino Faranna » ven 07 ott 2016, 09:14

:chaud: :aide: Wow Lezione Moolto Impegnativa
le distanze dividono la musica unisce. Gioacchino, per gli Amici Marcello. Chitarra Alhambra 5p corde D'Addario

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jesús Morote » gio 13 ott 2016, 12:39

Ciao a tutti.

Ecco la mia prima registrazione di questa seconda lezione, "The Sick Tune".


Youtube


Chitarra: Paulino Bernabé (padre) 1971 Chitarra di studio
Corde: Savarez Alliance-Cantiga 510ARJ (Cantini, tensione normale; bassi, tensione forte)


Qualche osservazione:

-Il passaggio piú difficile, credo, non è quello inquadrato nello spartito (battute 3 e 4), ma il primo tempo della battuta 15, col subito passo dell'accordo Do-La al Sol-Do, con le medesime dita 1-3.

-Nella battuta 8, inizio, il Si della seconda corda in vuoto non si può tenere: il Re# sulla medesima corda ferma il suono. Si può fare un'altra diteggiatura, con un barrè nel secondo tasto, il Si nella terza corda e il Re# nella seconda. Ma è una posizione difficile e non c'è grande profitto sonoro, tenendo il Si. Ho seguito la diteggatura del professore Delcamp.

Aspetto le vostre registrazioni e le vostri commenti.
Ultima modifica di Jesús Morote il gio 13 ott 2016, 21:58, modificato 1 volta in totale.
Allievo D05

Avatar utente
Gioacchino Faranna
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 193
Iscritto il: sab 06 feb 2016, 23:22
Località: Palermo

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Gioacchino Faranna » gio 13 ott 2016, 20:55

Congratulazioni Jesùs , brano molto difficile, ma lo hai suonato, a parte una piccola indecisione nel finale, molto bene.
Complimenti :bravo: :okok:
le distanze dividono la musica unisce. Gioacchino, per gli Amici Marcello. Chitarra Alhambra 5p corde D'Addario

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jesús Morote » gio 13 ott 2016, 22:05

Grazie, Gioacchino. Ci sono due o tre cambiamenti di accordi molto impegnativi. È difficile dare continuità alla frase... La maledetta battuta 15.

Aspetto le tue registrazioni.
Allievo D05

Avatar utente
Gioacchino Faranna
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 193
Iscritto il: sab 06 feb 2016, 23:22
Località: Palermo

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Gioacchino Faranna » ven 14 ott 2016, 11:30

:chaud: Ecco le mie registrazioni, lezione con moltissime difficoltà, manca solo l'improvvisazione che proverò a caricare al più presto :chaud:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
le distanze dividono la musica unisce. Gioacchino, per gli Amici Marcello. Chitarra Alhambra 5p corde D'Addario

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jesús Morote » ven 14 ott 2016, 19:22

Quanta fretta, Gioacchino! Io sono ancora di pieno con il Valse da Giuliani e appena ho iniziato il Tárrega.

Osservazione generale:
Accelleri negli passaggi semplice e rallenti negli passaggi difficili. Credo che è importante portare sempre lo steso tempo; lento o piú presto, secondo il minore o maggiore dominio del brano, ma sempre lo steso tempo.

The Sick Tune:
Nelle battute 9 e 10 c’è una cattiva medizione del tempo. Sono tutte otto crome e fai una medizione irregolare.

Valse Giuliani:
Battuta 5: Non fai tutti i Mi gravi della sesta corda; la prima volta solo fai uno (il primo) e in la ripetizione fai solo due, ma non l’ultimo Mi.
Battuta 12: legatura delle crome del terzo tempo. Attacchi con il dito della mano destra l'ultimo Do, ma dovei farlo con il dito della mano sinistra (legatura).

Andantino Tárrega:
Battute 11 e 15: il Sol nella seconda corda è naturale, e tu lo fai diesi.

Forza Gioacchino, ancora restano molti giorni per finire questa Lezione e puoi migliorare molto le tue esecuzioni.
Allievo D05

Avatar utente
Gioacchino Faranna
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 193
Iscritto il: sab 06 feb 2016, 23:22
Località: Palermo

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Gioacchino Faranna » ven 14 ott 2016, 21:20

Grazie Jesus per i tuoi preziosi consigli, ci riproverò senz'altro, a presto
le distanze dividono la musica unisce. Gioacchino, per gli Amici Marcello. Chitarra Alhambra 5p corde D'Addario

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jesús Morote » dom 16 ott 2016, 17:16

Ecco il mio Valse da Giuliani.


Youtube

Chitarra: José Ramírez 2008 Chitarra di studio 5P
Corde: Savarez Alliance Corum 500AJ (tensione forte)


Come a detto un allievo nel corso spagnolo: il professore Delcamp non a marcati nello spartito uno o due passaggi come difficili... perche tutti i passaggi sonno difficili!
Allievo D05

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jesús Morote » mer 19 ott 2016, 18:23

Questo Andantino è propiamente una Mazurka. Io la conoscevo nella edizione di Biblioteca Fortea con piccole differenze con questa del professore Delcamp, e in una versione per due chitarre. Se ho un poco di tempo, mi piacerebbe fare una registrazione e postarla nell'argomento del foro per brani per due e tre chitarre. È molto divertente suonare il brano con due chitarre.

Ma "la obligación antes que la devoción".

Francisco Tárrega: Andantino en La mayor

Youtube


Chitarra: Paulino Bernabé (padre) 1971 Chitarra di studio
Corde: Savarez Alliance-Cantiga 510ARJ (Cantini, tensione normale; bassi, tensione forte)


Grazie per ascoltare ed opinare.

Ciao.
Allievo D05

Avatar utente
Antonio Lo Iacono
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 185
Iscritto il: mer 09 mar 2016, 10:07
Località: Carini (Pa)

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Antonio Lo Iacono » gio 20 ott 2016, 15:38

Ciao a tutti. Ecco le mie registrazioni della seconda lezione. Ammetto di avere commesso qualche errore, ma per ora non riesco a trovare il tempo di registrare nuovamente i brani. Ogni commento è ben accetto.

Ciao a tutti
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Jesús Morote » sab 22 ott 2016, 20:50

Dice il professore Delcamp per l'esercizio d'estensioni:
Se le distanze vi sembrano troppo grandi, potete facilitare il lavoro della mano sinistra utilizzando un capotasto, così le estensioni fra le dita saranno minori.

Ma, come non c'è nessuna nota al vuoto, il capotasto è innecesario. Si può facilitare il lavoro della mano sinistra solo con il dito 1 nel tasto sei, e gli altri nei tasti correspondenti, summando cinque tasti. Ciò è uguale a utilizzare un capotasto nel tasto cinque. E molto piú commodo!!
Allievo D05

Leonardo Porzio
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 321
Iscritto il: ven 13 dic 2013, 16:59
Località: Brescia

Re: D04 Lezione di chitarra classica 02

Messaggio da Leonardo Porzio » dom 23 ott 2016, 14:30

Complimenti Jesùs, ottima lezione. Hai suonato tutto molto bene :bravo:
Mi è piaciuto come hai gestito le variazioni timbriche in "The Sick Tune".

Gioacchino, i brani ce li hai tutti. Qualche rifinitura qua e là, ma il lavoro che hai fatto è decisamente buono :bravo:

Antonio, lezione davvero suonata bene :casque: . Mi sono particolarmente piaciuti The Sick Tune e il capriccio di Losy.
Lezione di alto livello :bravo:

:bye:

Torna a “Archivio Corsi di chitarra classica in linea”