Grazie al Forum

Regole del forum
Questa sezione è dedicata alla richiesta di consigli, opinioni, suggerimenti per l'acquisto di una chitarra classica. Il forum non può svolgere il ruolo di "esperto virtuale (a distanza)", perciò per la stima di uno strumento è preferibile rivolgersi personalmente a un liutaio o a un negozio di strumenti musicali.
Gli annunci di vendita devono essere pubblicati nella sezione di Compravendita, secondo le regole della stessa.
2fast4u
Messaggi: 3
Iscritto il: ven 06 ott 2017, 08:41

Grazie al Forum

Messaggio da 2fast4u » mar 10 ott 2017, 09:17

Vorrei ringraziare pubblicamente tutti coloro che, rispondendo alle domande di noi principianti, mi hanno permesso di giungere all'acquisto della mia prima chitarra classica "seria" una Yamaha cg192s.
Adesso tocca esercitarsi... :bye:

giannini awn71
Messaggi: 464
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Grazie al Forum

Messaggio da giannini awn71 » mar 10 ott 2017, 14:21

Hai fatto la scelta migliore...manico e tastiera comoda..meccaniche con vite di blocco (Non tutte ce l'hanno in questa fascia di prezzo)(500 euro)ben rifinita e un suono davvero niente male
Ho avuto la stessa chitarra per anni e ne sono stato molto soddisfatto...tastiera in ebano molto precisa anche sulle ottave e oltre.aiutati con un accordatore elettronico e vedrai che la stessa corda a vuoto e al 12 tasto ti darà la stessa nota. .e a salire fino al 14 ed oltre...tieni presente che molte chitarre nella stessa fascia propongono la tastiera in palissandro...al massimo ebanizzata cioè palissandro verniciato in nero...es la la Salvador cortes cc 140 credo...1300 eurine ..per avere una tastiera in palissandro camuffata da ebano(pessima scelta. .per la sua fascia di prezzo) infatti non l'ho acquistata per questo motivo
Se vuoi migliorare un pelino il suono, sostituisci il suo nut al ponticello in resina con uno in avorio .se riesci a trovarlo, oppure in osso o graphtech..20 euro il primo , e 10 euro in media gli altri due
Ps quando suoni. Tira di spalla e non di polso..ti stancherai meno e usciranno note più pulite
Complimenti e tienila sempre dentro la sua custodia....rigida..naturalmente quando non la suoni
Ciao :bravo: :bye:

2fast4u
Messaggi: 3
Iscritto il: ven 06 ott 2017, 08:41

Re: Grazie al Forum

Messaggio da 2fast4u » mer 11 ott 2017, 07:25

Grazie giannini awn71,grazie mille per i tuoi consigli, il nut in osso è già pronto e la chitarra è sempre riposta nella sua custodia ovviamente rigida.
Data la tua esperienza con questo modello, che tipo di corde a tensione media ritieni più indicate per ottenere un bel suono corposo?

Alfio
Messaggi: 147
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Grazie al Forum

Messaggio da Alfio » mer 11 ott 2017, 11:59

giannini awn71 ha scritto:
mar 10 ott 2017, 14:21
Hai fatto la scelta migliore...manico e tastiera comoda..meccaniche con vite di blocco (Non tutte ce l'hanno in questa fascia di prezzo)(500 euro)ben rifinita e un suono davvero niente male
Ho avuto la stessa chitarra per anni e ne sono stato molto soddisfatto...tastiera in ebano molto precisa anche sulle ottave e oltre.aiutati con un accordatore elettronico e vedrai che la stessa corda a vuoto e al 12 tasto ti darà la stessa nota. .e a salire fino al 14 ed oltre...tieni presente che molte chitarre nella stessa fascia propongono la tastiera in palissandro...al massimo ebanizzata cioè palissandro verniciato in nero...es la la Salvador cortes cc 140 credo...1300 eurine ..per avere una tastiera in palissandro camuffata da ebano(pessima scelta. .per la sua fascia di prezzo) infatti non l'ho acquistata per questo motivo
Se vuoi migliorare un pelino il suono, sostituisci il suo nut al ponticello in resina con uno in avorio .se riesci a trovarlo, oppure in osso o graphtech..20 euro il primo , e 10 euro in media gli altri due
Ps quando suoni. Tira di spalla e non di polso..ti stancherai meno e usciranno note più pulite
Complimenti e tienila sempre dentro la sua custodia....rigida..naturalmente quando non la suoni
Ciao :bravo: :bye:
Con molto rispetto ma questa non l'ho capita :D guarda che il palissandro per la tastiera e valido come l'ebano, ci sono liutai soprattutto per le chitarre flamenche che preferiscono il palissandro al posto dell'ebano e di certo non lo verniciano.
Lo preferiscono per la sua leggerezza che si sposa a meraviglia con le caratteristiche di una flamenca, non per risparmiarci sopra.
Ti parlo di strumenti di livello altissimo, dai 3.000 euro in su.
Su una cosa ti do ragione, verniciare una tastiera in palissandro di nero per farla sembrare ebano è assurdo, le venature ed il colore del palissandro è molto bello.
Ma attenzione, molte volte quello che si crede verniciato di nero non è sempre palissandro, alcune volte si nasconde il Mogano, L'aburà e altri legni della famiglia dei cacacei.
Argomento già discusso in passato sul forum.
Alfio :okok:

Fausto De Simone
Messaggi: 13
Iscritto il: sab 15 lug 2017, 09:54

Re: Grazie al Forum

Messaggio da Fausto De Simone » mer 11 ott 2017, 12:16

giannini awn71 ha scritto:
mar 10 ott 2017, 14:21
Hai fatto la scelta migliore...manico e tastiera comoda..meccaniche con vite di blocco (Non tutte ce l'hanno in questa fascia di prezzo)(500 euro)ben rifinita e un suono davvero niente male.............

Ps quando suoni. Tira di spalla e non di polso..ti stancherai meno e usciranno note più pulite
Ciao :bravo: :bye:
Cosa intendi dire per "tira di spalla"? scusa la mia ignoranza.
Il nut in osso lo si trova della stessa misura dell'originale o bisogna adattarlo?
Grazie! buon suono a tutti

Alfio
Messaggi: 147
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Grazie al Forum

Messaggio da Alfio » mer 11 ott 2017, 13:46

Osso uguale all'originale? Troppo facile, mi sa che devi limartelo scartavetrartelo e sagomarlo in modo corretto, ma soprattutto farlo dell'altezza giusta.
Di solito vendono delle sbarrettine e poi uno deve costruirselo, io di vero osso di bue non le ho mai trovate ne su internet e neanche nei negozzi di strumenti anche perchè non li ho mai cercati ma li ho sempre costruiti io, ho sempre reperito l'osso di bue da un macellaio e poi me li sono costruiti di diverse altezze.
Sicuramente su internet ci sono.
Alfio

giannini awn71
Messaggi: 464
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Grazie al Forum

Messaggio da giannini awn71 » mer 11 ott 2017, 14:18

Per prima cosa vorrei rispondere ad Alfio.
Personalmente non ho nulla contro il Palissandro,essenza dalle venature meravigliose,che tra l'altro si sposa benissimo con una chitarra con il top in abete o cedro ..quello che non mi è andato giù, è stato quando dovendo scegliere la mia seconda chitarra con il top in cedro, la mia attenzione era caduta sulla Salvador Cortes cc140,leggo le specifiche e vedo che ha la tastiera in palissandro fin qui tutto ok ma guardando fisicamente la chitarra ,all'epoca disponibile presso il mio negozio di fiducia vedo che ha la tastiera nera a questo punto ,insieme al negoziante chiamiamo il rappresentante , e questo ci ha confermato che la tastiera per un discorso di marketing era ebanizzata, ossia pitturata di nero.
Perché umiliare così un buon palissandro arrecandogli un danno(a mio parere)di questo tipo spruzzandogli sopra la vernice? in fondo l'ebano come costi rispetto al palissandro siamo su valori equipollenti, o su di li...considerato che il chitarrino in questione non costava 300 euro ma bensì 1350..l'ho lasciata dove era e ho optato per uno strumento di liuteria...più costoso di sicuro ma con le essenze in bella mostra come è giusto che sia

per quanto riguarda il nut in osso difficilmente lo troverai della giusta misura,di solito vendono le listarelle già fatte ma ti consiglio di portare il tutto da un liutaio e fargli fare il lavoro,in quanto se magari con la carta vetrata .(.e non ci vuole molto) superi il punto di non ritorno, avrai rovinato il pezzo e sarai costretto ad acquistare altro nut ex novo..la limatura deve essere esatta alla frazione di millimetro.
Per quanto riguarda le corde..ognuno ha i suoi santi....la tua 192 per caratteristiche di incatenatura e spessore top regge tranquillamente una muta hard tension..cosa che personalmente ti sconsiglio almeno al momento, avrai un volume maggiore ma con il prezzo che ti stancherai in metà tempo rispetto ad una normal tension (non tutte le marche hard tension hanno lo stesso tiraggio)
Ti consiglierei le alliance carbon savarez rosse morbide il giusto e ti permetteranno di sfruttare al massimo le qualità della tua yamaha...ma ripeto la ricerca delle corde giuste è un discorso di gusto personale..
Tirare di spalla significa che,al posto di usare la forza delle dita o del polso nel caso di un barrè...si chiama cosi no?..usa la muscolatura della spalla e tira indietro tutto il braccio. .devi sentire la resistenza del manico e delle corde sotto le dita, userai in misura inferiore la piccola muscolatura del polso e dei tendini e avrai più libertà e facilità di movimento eventualmente nel giocare con il mignolo nel caso di qualche accordo..scomodo. .degno dell'uomo gomma dei fantastici 4
ciao

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 301
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Grazie al Forum

Messaggio da Vincenzo Di Guida » sab 14 ott 2017, 18:17

Buona sera a tutti.
Quando si parla della Yamaha CG192S mi sento coinvolto poichè, come giannini, anche io ho questo bellissimo strumento dal rapporto qualità / prezzo davvero molto buono.
Non starò qui a elencare nuovamente le sue qualità tranne che è una chitarra con la quale, al pari di quelle più costose, si riesce a tirar fuori delle sfumature timbriche diverse a seconda del tocco (insomma, ti consente di riscontrare la tua crescita come chitarrista).
Chiaramente NON È una chitarra di liuteria (e non vuole esserlo) ma solo un ottimo strumento da studio.
Per le corde, io mi affido alle D'Addario Pro-Arte high tension che sicuramente fanno vibrare di più la tavola e rendono la chitarra più sonora ma vanno bene anche quelle a tensione normale (anzi, credo che di fabbrica le chitarre Yamaha escano con cordiere tipo D'Addario normal tension).
Il nut al punte (la lamina in urea, materiale che il buon giannini a ragione chiama plasticazza) lo sostituisci al primo pit-stop (ehm, al primo cambio di corde): atteso che gli elefanti (giustamente) non sono più disposti a cedere le zanne per farci costruire i nut e i capotasto col loro avorio, prendine una in tusq o in osso e vivi sereno come se fosse avorio. Analogo pensiero pui fare per il capotasto al manico ma sembra che la sua sostituzione migliori la resa della chitarra meno evidentemente. Se non sei in grado di fare un lavoro perfetto (è molto importante che il nut aderisca bene al ponte) fai fare il lavoro da un liutaio: non costa molto e sarai sicuro.
Bene per la custiodia rigida o, al massimo, quelle semirigide (sono in polistirolo ricoperto di tessuto. Tra le rigide, secondo me, da preferire quelle in polimeri, più leggere ma egualmente protettive, che quelle tradizionali in legno.
In definitiva direi che la chitarra che hai acquistato va più che bene per lo studio e se non fosse per la GAS (la Guitar Acquisition Syndrome) che talvolta attanaglia il chitarrista nostrano, direi che sarebbe una chitarra utilizzabile per anni prima di passare alla liuteria.
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Grazie al Forum

Messaggio da LUCA.P » sab 14 ott 2017, 19:01

Alfio ha scritto:
mer 11 ott 2017, 13:46
Osso uguale all'originale? Troppo facile, mi sa che devi limartelo scartavetrartelo e sagomarlo in modo corretto, ma soprattutto farlo dell'altezza giusta.
Di solito vendono delle sbarrettine e poi uno deve costruirselo, io di vero osso di bue non le ho mai trovate ne su internet e neanche nei negozzi di strumenti anche perchè non li ho mai cercati ma li ho sempre costruiti io, ho sempre reperito l'osso di bue da un macellaio e poi me li sono costruiti di diverse altezze.
Sicuramente su internet ci sono.
Alfio
Qui sembra che lo vendano ( però capotasto) ,il punto è non sarà di plastica?
provo a mettere il link
http://www.strumentimusicalionline.org/ ... 20classica

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 301
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Grazie al Forum

Messaggio da Vincenzo Di Guida » sab 14 ott 2017, 20:15

Beh, è scritto che è in osso.
Dunque dovrebbe essere in tale materiale naturale.
Tuttavia è comunque da sagomare (io non ne sarei capace).
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

giannini awn71
Messaggi: 464
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Grazie al Forum

Messaggio da giannini awn71 » sab 14 ott 2017, 23:08

Ri-buonasera...ho letto l'intervento di Luca-p per quanto riguarda il capotasto, e la sua sostituzione con uno in osso..
In prima analisi ,avendo visto la foto del ricambio in questione non mi sembra in osso ma materiale sintetico...
In seconda analisi ,quando si trattò di sostituire il nut, avevo anche la possibilità di cambiare il capotasto, mi è stato sconsigliato, per una questione di costi globali non proporzionati alle eventuali migliorie timbriche che lo strumento avrebbe avuto..
Nel mio caso ho avuto la fortuna di reperire in un negozio come fondo di magazzino, un nut in avorio, e solo con quello i vantaggi furono indiscutibili e i costi proporzionati,ma alla fine della fiera sostituire anche il capotasto non ne vale la pena.
La 192 è una gran bella chitarra e va bene già cosi settata dalla yamaha,e sono sicuro che al nostro amico darà buone soddisfazioni, e anche se oggi possiedo strumenti superiori, onestamente rimpiango la mia amica, venduta solo per il fatto che mi sarei ritrovato con due chitarre di identica costruzione in fatto di essenze, ma ovviamente di classe diversa
Mi manca la sua estrema comodità e pur essendo uno strumento con fasce e fondo in laminato...la sua timbrica davvero notevole :bye:

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Grazie al Forum

Messaggio da LUCA.P » dom 15 ott 2017, 14:31

si infatti di solito Yamaha non necessita aggiustamenti ,io perlomeno non no mai sentito il bisogno, mai abbassato e cambiato niente !

giannini awn71
Messaggi: 464
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Grazie al Forum

Messaggio da giannini awn71 » dom 15 ott 2017, 17:13

Il nut in osso ..serve solo per migliorarla ..e nulla più.....la chitarra va già bene così come esce dalla factory....
Ciao :bye:

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Grazie al Forum

Messaggio da LUCA.P » dom 15 ott 2017, 18:35

La CG 192s a quale modello corrisponde?
La ( s) sta per spruce = abete giusto?
Posto delle specifiche di un catalogo del 2002( sperando che il rimpicciolimento dei pixel permetta la lettura) ... non mi sembra che allora fosse in produzione .
da notare che la CG201S monta le meccaniche YTM81 che dovrebbero essere le stesse che montano le categoria Grand Concert
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Grazie al Forum

Messaggio da LUCA.P » dom 15 ott 2017, 18:56

La mia è una GC 30 non compare più nel catalogo del 2002 evidentemente era in negozio da tempo perché io la comprai nel 2002...
ecco le specifiche delle GC di allora:
da notare anche la voce della finitura nei tipi di vernice
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Torna a “Consigli per l'acquisto di una chitarra”