Raccolta studi di Abner Rossi

Luogo pubblico dei chitarristi classici.
Avatar utente
Gianluca Trotta
Moderator
Messaggi: 1419
Iscritto il: gio 18 giu 2009, 11:53
Località: Trento

Re: Raccolta studi di Abner gRossi

Messaggio da Gianluca Trotta » gio 12 gen 2017, 15:08

Se ti riferisci ai libri di Hal Leonard, direi proprio di sì. La stessa descrizione che puoi trovare nelle librerie online informa che è pensato in generale per la chitarra, sia acustica che elettrica.
Oh Lord, please don't let me be misunderstood!

Avatar utente
Umberto Quintarelli
Messaggi: 23
Iscritto il: lun 09 gen 2017, 13:25

Re: Raccolta studi di Abner Rossi

Messaggio da Umberto Quintarelli » ven 13 gen 2017, 08:42

Grazie mille per la risposta! :)

Avatar utente
Francesco Meatta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 115
Iscritto il: mer 19 feb 2014, 18:26
Località: Roma

Re: Raccolta studi di Abner Rossi

Messaggio da Francesco Meatta » sab 21 gen 2017, 17:49

Il primo volume l'ho completato e,secondo il mio modesto parere, può essere suonato tranquillamente anche con l'acustica. Il libero di Abner Rossi, almeno i volumi inerenti l'impostazione tecnica per il jazz, non li ho studiati. Se sei all'inzio il Leavitt è decisamente buono, fermo restando che un bon maestro è sempre la miglior cosa. Ma questo già lo sai.

vincent
Messaggi: 36
Iscritto il: ven 30 dic 2016, 12:11

Re: Raccolta studi di Abner Rossi

Messaggio da vincent » gio 16 feb 2017, 15:26

Ricordo i miei primi passi mi fu fatto comprare Canzoni napoletane facili trascrizioni per chitarra di Abner Rossi... L'unica cosa che mi è passata tra le mani

apv
Messaggi: 450
Iscritto il: sab 21 mar 2009, 15:50

Re: Raccolta studi di Abner Rossi

Messaggio da apv » mar 21 feb 2017, 18:49

Scusa Umberto ma è un po' che non mi collego e mi era sfuggita la tua domanda.
Circa il Metodo Berklee ovviamente è una mi opinione ma il fatto stesso che tratti quasi unicamente di esercizi melodici da più l'idea del suonarli con plettro e chitarra elettrica. Ovviamente volendo si possono suonare su un'acustica.
Direi che il Met Ber da delle valide e precise indicazioni di impostazione che poi ognuno deve ampliare e rifinire con un percorso tipico della chitarra jazz.
Se vuoi suonare l'acustica "con le dita" (fingerpicking) allora ti si apre un mondo di metodi, autori, tavolature, stili, registrazioni e quant'altro.
Io ho provato questi metodi in vari momenti del mio sviluppo musicale (spero) ma ho trovato distante la chitarra elettrica e tra impiegare parte del già poco tempo per l'acustica e concentrare tempo ed energie sulla classica ho preferito questa strada. Questo non toglie valore ed interesse ai metodi citati.

Torna a “Luogo pubblico”