Impostare un percorso didattico

Luogo pubblico dei chitarristi classici.
Tabbi
Messaggi: 3
Iscritto il: mar 27 giu 2017, 20:23

Impostare un percorso didattico

Messaggio da Tabbi » mar 27 giu 2017, 21:00

Salve, sono un chitarrista di livello intermedio (credo). I brani più complessi che suono sono le onde, nuvole bianche ed i giorni di Einaudi, che eseguo abbastanza facilmente, quindi non escludo di riuscire a far qualcosa di più complesso, ma non ne ho realmente idea.
La mia intenzione è quella di cominciare un percorso didattico serio e strutturato che mi permetta di apprendere non solo la tecnica, ma anche la teoria musicale, improvvisazione, arrangiamento ecc. In più non so leggere lo spartito e non conosco le note sul manico (tranne quelle dei primi 4 tasti più o meno) e vorrei colmare questa grave lacuna.
Vorrei chiede consiglio su quali libri comprare, quali studi scegliere, come impostare le sessioni di studio.
Avevo pensato di partire con qualche esercizio stretching (esercizi del tipo 1-3-2-4 su ogni corda e tasto), l'esecuzione di qualche scala e poi lo studio di un brano, ma non so se sia il metodo migliore.
Grazie mille in anticipo per l'aiuto

Roberto Marcotti
Professore
Messaggi: 96
Iscritto il: mar 16 giu 2015, 16:57
Località: Carmagnola

Re: Impostare un percorso didattico

Messaggio da Roberto Marcotti » mer 28 giu 2017, 09:11

Ciao il consiglio che ti dò è di cercare un maestro con cui impostare un percorso. Il motivo principale è quello di evitare di sprecare tempo dato che i materiali musicali a disposizione sono infiniti, come pure i tipi di percorso, in modo da creare il vestito giusto per te che ti consenta anche di sviluppare le tue capacità e interessi. Inoltre suonare significa anche ascoltare e conoscere la musica. per una maturazione approfondita.
Ciao e buona chitarra.

alessandro lienzo
Messaggi: 1220
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Impostare un percorso didattico

Messaggio da alessandro lienzo » mer 28 giu 2017, 12:05

Ciao, anche io ti consiglio di seguire qualche lezione.
Da autodidatta puoi incombere in errori che non noti e rovinarti.
Inoltre è importante conoscere il pentagramma ed affrontare un repertorio magari più importante.
Ultima modifica di alessandro lienzo il ven 30 giu 2017, 00:20, modificato 1 volta in totale.
alessandro C.

Andrea Antonellini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 48
Iscritto il: dom 04 giu 2017, 15:13

Re: Impostare un percorso didattico

Messaggio da Andrea Antonellini » gio 29 giu 2017, 18:53

Roberto Marcotti ha scritto:
mer 28 giu 2017, 09:11
Ciao il consiglio che ti dò è di cercare un maestro con cui impostare un percorso. Il motivo principale è quello di evitare di sprecare tempo dato che i materiali musicali a disposizione sono infiniti, come pure i tipi di percorso, in modo da creare il vestito giusto per te che ti consenta anche di sviluppare le tue capacità e interessi. Inoltre suonare significa anche ascoltare e conoscere la musica. per una maturazione approfondita.
Ciao e buona chitarra.
Sottoscrivo nel modo più assoluto

Avatar utente
Carlo Di Casola
Messaggi: 180
Iscritto il: lun 21 lug 2014, 06:01
Località: Roma

Re: Impostare un percorso didattico

Messaggio da Carlo Di Casola » mer 05 lug 2017, 13:58

Ma nel caso non avessi le possibilità (tempo, denaro, ecc...) le lezioni del M° Delcamp contenute in questo forum sono particolarmente efficaci. poi importantissima anche è l'interazione con gli altri partecipanti del tuo stesso livello. :bye:

Danilo Fornasari
Messaggi: 179
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: Impostare un percorso didattico

Messaggio da Danilo Fornasari » ven 07 lug 2017, 07:41

Allora, premesso che l’ausilio di un Maestro è comunque praticamente indispensabile per raggiungere anche solo un discreto risultato, sicuramente il seguire i corsi di questo sito sono una valida alternativa, pur con i limiti inevitabili, per chi non ha possibilità di seguire lezioni “canoniche”dal vivo.
Tieni presente che perché queste lezioni ti diano qualche beneficio e risultato, necessitano di una grandissima forza di volontà da parte tua, perché non solo devi studiare da solo, ma anche motivarti da solo, correggerti da solo, rallegrarti da solo e sgridarti da solo.
E’ questo il motivo che, almeno credo, su 10 allievi che iniziano questi corsi solo 1 o 2 li finiscono.
Per ultimo, occorre senza dubbio che tu impari a leggere la musica e a solfeggiare e anche un pochino di teoria non ti farebbe male. In rete troverai tantissime risorse, anche gratuite, che ti aiuteranno per questo fine.
Come vedi, alla fine, dipende tutto da te; se "desideri" solamente, sicuramente mollerai; se invece vorrai e fortissemamente vorrai, allora qualcosa sicuramente otterrai, il quanto dipenderà, come sempre, da te.
Forza e dacci dentro. Se hai bisogno di una mano siamo tutti qua. :bye: :bye:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Torna a “Luogo pubblico”