Il nodo al ponte

Manutenzione e corde della chitarra.
Avatar utente
StefanoMenichetti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 724
Iscritto il: ven 15 feb 2013, 23:17
Località: Sesto Fiorentino (FI)

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da StefanoMenichetti » gio 27 feb 2014, 18:22

Ciao Roberto grazie del suggerimento ma le tengo in tensione, si sfilano proprio alla fine non durante l'accordatura. Adesso non ricordo ma quel tipo di legatura l'ho ritrovato anche sulle vecchie. Probabilmente ci avevo battuto il capo anche una decina di anni fa ... ;-)

Altra idea ?

Stefano

Grazie intanto

Inviato dal mio GT-P5110 .

Avatar utente
StefanoMenichetti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 724
Iscritto il: ven 15 feb 2013, 23:17
Località: Sesto Fiorentino (FI)

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da StefanoMenichetti » gio 27 feb 2014, 23:01

Ok Roberto, su tuo consiglio prima di fare strani intrecci ;-) sono partito dalla cosa piu semplice, quindi 4 -5 giri sui cantini e corde ben in tensione durante l'avvolgimento e ... ci stanno.
Potenti i bassi Cantiga devo farci un po l'orecchio il re e' molto forte e mi suona un po metallico. Piu calsi i cantini Alliance, ma sopratutto finalmente dei suoni precisi !
Le vecchie corde perdevano quasi un mezzo tono al settimo tasto ...
Anche li uno pensa a cose complicate e invece ...

Grazie e ... Forza chitarristi !

Inviato dal mio GT-P5110 .

Roberto Fiordaliso

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da Roberto Fiordaliso » ven 28 feb 2014, 00:01

StefanoMenichetti ha scritto: Potenti i bassi Cantiga devo farci un po l'orecchio il re e' molto forte e mi suona un po metallico.
Ai bassi ho messo le Corum e poi le HT Classic, tutti tensione forte, del suono metallico, specialmente il re, me ne sono lamentato anche io.
Il maestro Barricelli mi ha detto di aspettare qualche giorno che i suoni sarebbero cambiati notevolmente, così è stato.
Quindi, aspetta anche tu... :)

Angelo Barricelli

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da Angelo Barricelli » lun 03 mar 2014, 00:41

Roberto Fiordaliso ha scritto:
StefanoMenichetti ha scritto: Potenti i bassi Cantiga devo farci un po l'orecchio il re e' molto forte e mi suona un po metallico.
Ai bassi ho messo le Corum e poi le HT Classic, tutti tensione forte, del suono metallico, specialmente il re, me ne sono lamentato anche io.
Il maestro Barricelli mi ha detto di aspettare qualche giorno che i suoni sarebbero cambiati notevolmente, così è stato.
Quindi, aspetta anche tu... :)
:okok:

maurozago

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da maurozago » mar 15 apr 2014, 14:52

Sono anni che uso stabilmente le piastrine di Luca Waldner, sulla mia Kohno.
Direi che l'unico svantaggio che ho riscontrato è un lavoro un pò più laborioso nel montaggio della corda.

I vantaggi sono un mantenimento costante dell'angolo corda-osso (pressione costante sul ponte) e una certa pulizia estetica che non guasta.
Dovrebbero anche scongiurare il colpo di frusta sul piano armonico in caso di rottura di una corda.

http://www.string-plates.com/it/home_it.html

saluti

emilio
Messaggi: 103
Iscritto il: gio 20 ago 2015, 21:11
Località: Venezia

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da emilio » dom 06 set 2015, 14:40

tullo ha scritto:Adesso utilizzo le Bridge Bone Beads (provenienti dagli USA) che sono delle piccole strutture in osso fatte a mano che consentono di bloccare le corde al ponte senza fare nessun nodo. Mi trovo molto bene e sono anche originali da vedersi. Potete dare uno sguardo al sito
http://www.bridgebonebeads.com/bridgebonebeads.html
Ciao
Mi sembra strano che nessuno abbia commentato questa soluzione, semplice intelligente ed efficace.
Facendo un nodo opportuno sulla corda e poi utilizzando una "perlina" di materiale duro, che impedisce al nodo di penetrare nel legno danneggiando il ponte e rendendo poco stabile l'accordatura, si montano le corde senza nessun nodo, semplicemente infilando la corda nel foro.
L'angolo delle corde sull'osso del ponte in questo modo si accentua (diventa più acuto) e la pressione della corda sull'osso del ponte è la massima possibile.

Ho sperimentato la soluzione su chitarre diverse. Il risultato è sempre stato buono, ottimo quando, a causa di una action bassa, l'angolo della corda sull'osso del ponte è critico (meno acuto).

Non ho riscontrato nessun inconveniente (male che vada, il suono rimane uguale).
Apparentemente non si capisce perché ci ostiniamo a fare quei laboriosi nodi sulla torretta (forse per motivi ...estetici).

L'idea non è mia (non sono così bravo), ma è suggerita da più di un liutaio.

Notevoli gli studi del liutaio Giussani, che si è spinto a studiare chitarre con le corde (dotate di perlina) infilate dall'interno della chitarra stessa, che escono attraverso fori sulla tavola armonica e vanno direttamente sull'osso del ponte.
Il ruolo del ponte cambia (non deve più sostenere la tensione delle corde) e potrebbe quindi cambiare forma e dimensioni per ottimizzare il suono.
Anche la posizione dei fori sulla tavola potrebbe essere più o meno distante dal ponte, con inevitabili conseguenze sul suono.
Questo è un riferimento:
https://youtu.be/c0LWr1xgK9g

Le "perline" devono essere rigide, altrimenti rischiano di smorzare la vibrazione della corda.
Qualcuno suggerisce di usare addirittura acciaio armonico, io ho usato comuni perline da bigiotteria con risultati ottimi.

Mi piacerebbe molto che venisse aperta una discussione in proposito.

Calabrone

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da Calabrone » dom 06 set 2015, 15:17

Il ponte di Giussani è veramente interessante, i buchi che vanno a finire nella tavola armonica aprono nuovi orizzonti.
la prossima chitarra che costruirò sarà con questo nuovo ponticello.
Grazie Emilio per questo video. :okok: :merci:
Scalabrun

Avatar utente
Masetto
Messaggi: 204
Iscritto il: sab 12 ott 2013, 19:51

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da Masetto » dom 06 set 2015, 20:11

emilio ha scritto:
tullo ha scritto:Adesso utilizzo le Bridge Bone Beads (provenienti dagli USA) che sono delle piccole strutture in osso fatte a mano che consentono di bloccare le corde al ponte senza fare nessun nodo. Mi trovo molto bene e sono anche originali da vedersi. Potete dare uno sguardo al sito
http://www.bridgebonebeads.com/bridgebonebeads.html
Ciao
Mi sembra strano che nessuno abbia commentato questa soluzione, semplice intelligente ed efficace.
se parli delle placchette se n'è parlato tantissimo qua :bye:

viewtopic.php?f=48&t=31649

per il ponte invece qui viewtopic.php?f=48&t=31541

Calabrone

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da Calabrone » lun 07 set 2015, 17:42

Si, effettivamente Giussani non ha inventato nulla, comunque rimane sempre una bella invenzione. :okok:

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 866
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da Marco B. » mer 09 set 2015, 21:25

Infatti basta guardare le vecchie chitarre fine 800/inizi 900 ( Mozzani per es.) Spesso con i fori sul ponte a baffo . In liuteria nulla si crea e nulla si distrugge ma spesso si dimentica... :) :bye:

emilio
Messaggi: 103
Iscritto il: gio 20 ago 2015, 21:11
Località: Venezia

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da emilio » dom 28 mag 2017, 18:00

tullo ha scritto:
gio 25 ago 2011, 09:19
Adesso utilizzo le Bridge Bone Beads (provenienti dagli USA) che sono delle piccole strutture in osso fatte a mano che consentono di bloccare le corde al ponte senza fare nessun nodo. Mi trovo molto bene e sono anche originali da vedersi. Potete dare uno sguardo al sito
http://www.bridgebonebeads.com/bridgebonebeads.html
Ciao
Sono d'accordo. soprattutto quando l'osso del ponte è basso e le corde rischiano di non avere un angolo abbastanza chiuso.
Ho però utilizzato delle perline da collana (l'ho visto fare da un liutaio...), reperibili in qualunque bigiotteria a un costo ridicolo.
Ciao.

Avatar utente
Domenico D'Antuono
Messaggi: 508
Iscritto il: gio 01 giu 2006, 21:44
Località: Ravenna

Re: Il nodo al ponte

Messaggio da Domenico D'Antuono » dom 28 mag 2017, 18:50

StefanoMenichetti ha scritto:
gio 27 feb 2014, 18:22
......Altra idea ?

Stefano

Quando mi è capitato ho risolto passando carta vetrata sulla parte terminale della corda destinata all'aggancio sul ponte, e poi ho fatto la "pallina" fondendo l'estremità. Ma mi è successo raramente e non ricordo con quale marca di corde; di solito attorcigliando la corda due o tre volte non ci sono sfilamenti né cali di tensione.
Con i bassi montati come nella foto non ho mai avuto problemi.

:bye:
Domenico

Torna a “Corde della chitarra”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 3 ospiti