D02 Lezione di chitarra classica 03

I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.
Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Andrea Gnecchi
Liutaio amatore
Messaggi: 76
Iscritto il: mar 23 ago 2016, 22:23

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Andrea Gnecchi » ven 18 nov 2016, 11:04

Ciao a tutti,

scusate per la prolungata assenza, ma ho avuto parecchio lavoro da fare ultimamente.
Finalmente sono riuscito a sentire le registrazioni di Valeria e di Anna.
Per Valeria concordo con quanto già detto da Claudio...ci sono degli errori sui bassi in alcune misure, che Claudio ti ha già indicato, ma per il resto il brano lo trovo ben eseguito, quindi direi che sei vicina al risultato!! :okok:

Per Anna...hai un suono molto pulito, e questa è sicuramente una qualità delle tue esecuzioni che trovo anche senza errori (note errate).
La velocità con cui li esegui, però, secondo me toglie un po' di "anima" ai brani...
In molti punti, soprattutto il Soleares, ci starebbero bene delle pause, delle note un po' prolungate.
Nei passaggi tra le falsetas e i fraseggi successivi c'è pochissimo spazio.
Il mio suggerimento, visto che tecnicamente il brano lo trovo ottimo, è di provare a lavorare un po' su questo lato...

Di seguito le mie registrazioni. Io, forse, ho un po' il problema opposto a Anna, con qualche imprecisione tecnica (che col tempo cerco di eliminare...ogni giorno mi risuono anche i brani delle lezioni precedenti :chaud: ).

Attendo commenti.
Grazie a tutti :merci:
Ciao :bye: :bye: :bye:
Andrea

P.S. Se sentite qualche rumore in sottofondo...è la lavatrice...giusto per dare un po' di atmosfera "casalinga" :lol:

Atoye

Youtube


Soleares

Youtube
"...pensavo...e' bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo cominciare una chitarra"
(F. de Andre' - "Amico fragile")

Avatar utente
Valeria Simondi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 99
Iscritto il: lun 06 giu 2016, 19:13

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Valeria Simondi » ven 18 nov 2016, 13:55

Va benissimo errato o meno perfezionare è sempre buona cosa.....tuttavia il commento di Marco mi ha fatto rammentare che qualche giorno prima avevo trovato la corda LA rotta :roll: .....e come è noto la corda appena cambiata fa fatica a tenere l'accordatura ... perciò GRAZIE a tutti!!!!! Ancora qualche giorno e mi ripresento!!!!! :bye: :bye:
Valeria

Avatar utente
Valeria Simondi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 99
Iscritto il: lun 06 giu 2016, 19:13

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Valeria Simondi » ven 18 nov 2016, 13:56

Bravissima Anna...... :okok: :okok: :okok: :casque: :casque: :casque:

Avatar utente
Valeria Simondi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 99
Iscritto il: lun 06 giu 2016, 19:13

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Valeria Simondi » ven 18 nov 2016, 13:57

Ciao Andrea.....ho visto che ci sei anche tu!!! Appena posso ascolto volentieri anche i tuoi brani!!!!

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 102
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Marco Leonardi » ven 18 nov 2016, 21:52

Ciao Andrea,
anche il tuo suono e timbro sono molto ricchi. Complimenti :bravo: . Ho apprezzato anche, non so se voluta, la posizione della mano dx più verso il ponticello nella Soleares dove ti sento più disinvolto rispetto ad Atoye che comunque è quasi pronta. Su quest'ultima cercherei solo di aumentare un pelo la velocità ed è probabile che tu debba allenare con qualche esercizio specifico la mano destra, mentre la sinistra direi che è impostata bene.
Marco L.

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 102
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Marco Leonardi » ven 18 nov 2016, 22:07

Ciao a Tutti :discussion: ,
provo anche io a cimentarmi con Atoye, un brano che vien da suonare in modo dinamico immaginandosi una danza del 1600.
Ho provato a trascrivere e quindi eseguire qualche abbellimento osservando il Maestro Delcamp.
L'argomento abbellimenti mi intriga non poco perchè permette di variare l'esecuzione ogni volta che risuoni il brano. Devo però capire quanto siano liberi ed immagino siano da collocarsi nel contesto dell'epoca di composizione del pezzo.

Vorrei curare il brano ancora un pò.....come tutti i brani che studio.....ma va !.
AToye.mp3
Attendo volentieri critiche e suggerimenti :bye:

Grazie :)
Marco L.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Anna Lepre
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 121
Iscritto il: mer 23 set 2015, 19:57

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Anna Lepre » ven 18 nov 2016, 22:18

Grazie, come sempre, per i vostri consigli. Marco il "golpe" al finale di Soleares c'è, forse non è molto forte e ti é sfuggito?!! :shock: :chaud: :bye:

Andrea Gnecchi
Liutaio amatore
Messaggi: 76
Iscritto il: mar 23 ago 2016, 22:23

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Andrea Gnecchi » sab 19 nov 2016, 08:57

Marco, grazie per i tuoi suggerimenti.
Sì, la posizione più verso il ponte della destra in Soleares è voluta. Ho visto che anche il maestro Delcamp la applicava nel video ed effettivamente si sposa bene con il suono del flamenco.

In Atoye faccio sempre un po' fatica con il tocco appoggiato. Dall'inizio di questo corso sono riuscito a migliorarlo molto, ma ancora non lo padroneggio del tutto. Questo, a volte, va a scapito dei bassi (che mi "sfuggono" un po'...) e della velocità.
Continuo ad esercitarmi però... :chaud:

La tua versione di Ayoye la trovo ottima. Bassi e melodia sono entrambi ben evidenziati e la velocità di esecuzione è perfetta sullo stile della danza dell'epoca.
In più gli abbellimenti...perciò :bravo:
Aspetto la tua Soleares

Ciao :bye:
Andrea
"...pensavo...e' bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo cominciare una chitarra"
(F. de Andre' - "Amico fragile")

Andrea Gnecchi
Liutaio amatore
Messaggi: 76
Iscritto il: mar 23 ago 2016, 22:23

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Andrea Gnecchi » sab 19 nov 2016, 09:05

Riguardando Soleares suonata da Delcamp ho notato che devo velocizzare anche quella un pochino...al lavoro...

Buon we a tutti
Andrea
"...pensavo...e' bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo cominciare una chitarra"
(F. de Andre' - "Amico fragile")

Avatar utente
Valeria Simondi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 99
Iscritto il: lun 06 giu 2016, 19:13

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Valeria Simondi » sab 19 nov 2016, 09:52

Grande Marco: è davvero molto bella la tua interpretazione di Atoye!!!! E anche Andrea ha fatto un ottimo lavoro: mi piace molto in particolare Soleares. ..si sente che l'hai interiorizzata e ne dai quindi una versione molto personale che è davvero picevole da ascoltare!! Bravi entrambi!!!!
Valeria

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 102
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Marco Leonardi » sab 19 nov 2016, 16:31

Grazie Valeria. Magnifico il tuo commento rivolto ad Andrea sull'interiorizzazione della musica. A tale proposito se si possono impegnare 9 minuti consiglio di vedere questo video "folies d'espagne danza e musica barocca" su YouTube che racconta la storia di un compositore di oggi che trovandosi bloccato sulla partitura riesce a sbloccarsi solo perchè entra nel periodo storico, e così succede che avviene una specie di miracolo......


Youtube


Ciao,
Marco L.

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 102
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Marco Leonardi » sab 19 nov 2016, 22:20

Ecco infine la Soleares che ho eseguito volutamente lenta in certe battute per evitare fosse troppo monotona, ma non sono sicuro di esserci riuscito :shock: .
Soleares.mp3
Forza con le vostre registrazioni :okok:

Ciao, Marco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Andrea Gnecchi
Liutaio amatore
Messaggi: 76
Iscritto il: mar 23 ago 2016, 22:23

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Andrea Gnecchi » dom 20 nov 2016, 12:44

Grazie per il tuo bel messaggio Valeria!! :merci:
Effettivamente provando e riprovando Soleares ho cercato il modo di dare al pezzo un tono piu' personale... :chaud:
C'e' gia' l'arpeggio sul MI maggiore che viene ripetuto in tutto il brano e che rischia di dare un po' di monotonia.
Ho provato vari alti e bassi di volume, rallentamenti e riprese e alla fine...beh, e' venuta cosi.
Risentendola la trovo sicuramente migliorabile (anch'io, come Marco, faccio fatica ad accontentarmi), ma dal tuo messaggio mi sembra che un primo obiettivo l'abbia raggiunto.
Yeahhhhhh :P :D

Grazie
Ciao
Andrea
"...pensavo...e' bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo cominciare una chitarra"
(F. de Andre' - "Amico fragile")

PaoloMerola
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 42
Iscritto il: sab 12 nov 2016, 11:18

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da PaoloMerola » mer 23 nov 2016, 21:20

Ciao a tutti,
ho sentito le registrazioni di Marco e Andrea e mi paiono superbe, bravi! Non saprei davvero che consigli dare, ho solo da imparare...
Io sono davvero arrugginito e mi accorgo di avere varie difficoltà che spero di superare (forse anche tramite i vostri consigli) nel corso dell'anno.
Oltre all'esecuzione delle note, mi accorgo di avere difficoltà 1) nel tocco appoggiato, 2) nel fermare con il pollice la corda suonata in precedenza ed infine 3) nella memorizzazione delle note (io non riesco a guardare la mano, devo sempre seguire lo spartito).
Ecco intanto la mia esecuzione (un po' stentata) di atoye registrata con il telefonino
atoye.mp3
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 102
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Marco Leonardi » gio 24 nov 2016, 00:16

Ciao Paolo,
innanzitutto complimenti per la tua registrazione che si sente perfettamente. Anche io faccio molta fatica a memorizzare, del resto siamo tutti impegnati nel lavoro e forse tutti noi studiamo la sera dopo cena quando il cervello diciamo vorrebbe fare niente e riposarsi. Ho una amica chitarrista professionista che insegna a Roma al Santa Cecilia (Simonetta Camilletti) che è incredibile, oltre che eccezionale, nel mantenere a memoria diversi brani anche molto complessi. Chiaramente lei è una professionista però tutte le volte che l'ascolto resto colpito, oltre da come suona in modo meraviglioso, anche da come riesca a memorizzare tutte quelle partiture. Io invece faccio parte di quelli che sono "schiavi" della partitura, e alla fine anche io come te devo saltare con gli occhi tra tastiera e spartito con evidente perdita di concentrazione. Chiaramente questo probabilmente ha il suo lato positivo perchè a lungo andare la mano sinistra si sposta quasi in modo automatico e in un certo modo si apprende la posizione delle note un pò ovunque lungo la tastiera...è inutile dire che delle volte si prendono delle note sbagliate perchè si è "misurato" male mentalmente lo spostamento :chaud: :shock: . Quindi penso che quando un pezzo piace e lo si vuole imparare bene bene conviene impararlo a memoria, nel mio caso con fatica. Comunque questo che hai sollevato è un argoemnto molto interessante. Tornando sulla tua interpretazione di Atoye mi sento di darti un solo consiglio che probabilmente potrebbe sollevarmi qualche critica: dimenticati per qualche giorno del tocco appoggiato e di fermare in modo rigoroso tutte le note, non essere troppo severo con te, e concediti qualche "sbaglio". Ascoltandoti ho l'impressione che ti sei messo troppi paletti quando invece penso tu abbia un potenziale molto interessante a livello interpretativo (dinamica). Goditi il pezzo e lasciati andare e poi quando vedi che il pezzo ti viene più naturale ritorna sul tocco appoggiato e sul fermare le note. Cerca insomma di conciliare il tuo divertimento nel suonare la chitarra con la regola che tutti dobbiamo seguire, senza mai dimenticare che la chitarra deve farci gioire e metterci in uno stato di benessere psichico, fisico e soprattutto spirituale.
Grazie, Ciao :okok:
Marco Leonardi

Torna a “Corsi di chitarra classica in linea”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Angelo Scuderi, CommonCrawl [Bot] e 4 ospiti