D05 Lezione di chitarra classica 04

I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.
Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Avatar utente
Jean-François Delcamp
Amministrator
Messaggi: 4172
Iscritto il: dom 30 mag 2004, 20:49
Località: Brest, Francia

D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Jean-François Delcamp » lun 05 dic 2016, 15:43

Buongiorno a tutti,
per favore assicuratevi di aver scaricato l'ultima versione del volume D05.
Se siete nuovi, leggete questo messaggio per prendere conoscenza delle condizioni per partecipare ai corsi.
Leggete parimenti il messaggio del primo corso, vi troverete consigli sull'impiego del tempo e le metodiche di lavoro che io vi raccomando.




Adesso cominciamo a lavorare su una serie di esercizi:
- pagina 131 Jean-François DELCAMP (1956) EXTENSIONS
Suonate questo esercizio per la mano sinistra lasciando le dita posate sulla tastiera il più a lungo possibile, come vi mostro nel video seguente. Se le distanze vi sembrano troppo grandi, potete facilitare il lavoro della mano sinistra utilizzando un capotasto, così le estensioni fra le dita saranno minori. Evitate di piegare il polso sinistro, cosa che fa male e ostacola l'azione delle dita. Cercate la posizione (del manico della chitarra, del gomito, della spalla) che vi possa permettere di suonare con la mano sn senza piegare il polso, come vi mostro nel video che segue. Suonerete meglio questo esercizio mettendo il pollice sn sotto l'anulare sn, cioè sotto il terzo tasto.

Youtube


- Pag. 148 Degli arpeggi 48-98
Mauro Giuliani è stato il primo pedagogo ad aver pubblicato uno studio sistematico sugli arpeggi ( http://www.guitareclassiquedelcamp.com/ ... liani.html : Opus. 1 - Studio per la chitarra, Prima parte : 120 arpeggi). Vi raccomando di esercitarvi ogni giorno con alcuni arpeggi e variarli continuamente con l’abiettivo di studiarli tutti nel corso di un biennio. Potete ascoltare gli mp3 dei 120 arpeggi registrati da Marco Cairone qui : viewtopic.php?f=32&t=25253 .

Youtube



Non dimenticate, durante tutto l'anno, di lavorare sulle scale (pag. 136-142) più volte a settimana. A pag. 142, vi suggerisco dei ritmi variati che vi aiuteranno a raggiungere una maggiore velocità.




Oggi vediamo 5 brani.
- Pag. 8 Luys de Narvaez (ca. 1500-1555) Tres Diferencias por otra parte.
Queste diferencias o variazioni, fanno seguito alle " Diferencias sobre guardame las vacas" che abbiamo studiato durante la seconda lezione. Qui la tonalità è di Re minore e ciascuna delle 3 variazioni comprende 10 misure che si suddividono in (4) + (4 +2) misure. Le emiolie, sempre più numerose ad ogni nuova variazione, si collocano alla fine delle variazioni. I valori brevi sono presenti nella voce intermedia alla prima variazione, in quella alta nella seconda, sui bassi in tutte le voci fino a terminare.

Youtube


Youtube



- Pag. 29 Besard Jean-Baptiste (1567-1625) Ballet
Ogni frase inizia con un levare al quarto tempo. Le misure da 9 a 13 sono riprese in diminuzione nelle misure 14-18. Una diminuzione è una variazione che riprende il tema con valori più brevi, per l'aggiunta di note di ornamento fra le note originali. Nella figura seguente le note aggiunte sono cerchiate.
Immagine

Youtube



- Pag. 50 Giuseppe Antonio Brescianello (1690-1757) Allegro dalla Partita VII
Qui l'ambitus è uno dei due elementi chiave. L'altro elemento chiave di questo allegro è l'espressione a molteplici livelli della dualità; due parti (AABB), due tempi, due voci, ecc ... Ogni elemento viene ripetuto una seconda volta, alla lettera o con una piccola variazione. I primi due elementi procedono diminuendo gradualmente l'ambitus: gli acuti scendono quando i bassi salgono. Misura 1: l'ambitus è di 2 ottave, si riduce per raggiungere 1 ottava alla misura 4. Stessa cosa dalla misura 5 alla misura 8. Brescianello poi inverte il processo: parte dalla misura 9 con un unisono, quindi il basso scende quando l'acuto sale per raggiungere un ambitus più ampio . Le misure 9-16 evocano due onde successive. Nella sua ricerca di dualità Brescianello introduce nelle misure 17 e 18 una sensazione di calma. Egli conclude, misure da 19 a 23, ritrovando l'energia e l'esultanza dell'allegro. Sempre alla ricerca di dualità, Brescianello introduce la seconda tonalità di Re maggiore per la seconda parte. Seconda parte che riprende gli elementi della prima parte arricchendoli col nuovo elemento delle misure 32 – 35.

Youtube



- Pag. 67 Matteo Carcassi (1792-1853) Studio XVI Opus 60
Qui la melodia si sviluppa su un piccolo ambitus. La melodia si suona quasi esclusivamente sulla prima corda utilizzando il tocco appoggiato. L'accompagnamento occupa gli spazi liberi tra le note della melodia. Accompagnamento e melodia sono sempre distinti, il loro incontro sul terzo tempo dell'ultima misura, conclude lo studio.

Youtube


Youtube



Pag. 114 João Guimarães (Pernambuco) (1883-1947) Sons de carillhões
La matchiche, mattchiche ou maxixe è talvolta chiamato tango brasiliano.
La prima parte in Re maggiore è principalmente basata sull'impiego di tre accordi: Re maggiore, Mi minore e La settima. Si sollolineano le misure 13 e 14, un arpeggio di accordo diminuito. Arpeggio di accordo diminuito, come quelli che abbiamo incontrato durante la terza lezione nel Preludio in Re maggiore di Juliàn Arcas (1832-1882). La seconda parte modula in tonalità di Sol maggiore, o sottodominante di Re maggiore, tonalità principale di questo chôro. All'inizio di questa seconda parte, il ritmo che era quello dell'accompagnamento (1 croma - 2 semicrome ) diventa, nelle misure da 18 a 26, il ritmo della parte principale.

Youtube


Youtube


Youtube






Vi chiedo in primo luogo di lavorare su questi esercizi e arie per una settimana e quindi di pubblicare sul forum le vostre registrazioni di:
- Pag.50 Guiseppe Antonio Brescianello (1690-1757) Allegro de la Partita VII
- Pag. 114 João Guimarães (pernambuco) (1883-1947) Sons de carillhões



Forza e coraggio!

Vorrei ringraziare Paola che ha offerto il suo aiuto per la traduzione in italiano dei miei corsi.

Jean-François
:( + ♫ = :)


Giuseppe Maglietta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 359
Iscritto il: mar 07 mag 2013, 16:11

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Giuseppe Maglietta » dom 11 dic 2016, 11:43

divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.


Youtube


buon lavoro a tutti
G
old indians never die

Francesco Silvestri
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 183
Iscritto il: mer 13 apr 2016, 08:31
Località: Fiesole (Fi)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Francesco Silvestri » dom 11 dic 2016, 12:00

Giuseppe Maglietta ha scritto:divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.

buon lavoro a tutti
G

:bravo:
Complimenti.

Ci arriverò, mi manca ancora il postillon e l'esercizio della lezione precedente, ma questo lo voglio fare assolutamente! Con un riferimento come
Super Tatyana :ouioui: non posso lasciarlo indietro!
:bye:

Avatar utente
Paolo Barbagli
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 347
Iscritto il: mer 20 gen 2016, 00:22
Località: Riva del Garda

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Paolo Barbagli » dom 11 dic 2016, 13:42

Giuseppe Maglietta ha scritto:divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.

buon lavoro a tutti
G

Bravo. Complimenti. Non sarai Tatyana, ma il pezzo c'è. C'è delicatezza e precisione, e anche velocità tranne in due passaggi. Qualche sbavatura nel finale, ma ci può stare. Voto: 8 !!
Chitarra: J. Ramirez R2 1993
Corde: D'Addario
Software: Wave Editor
Registratore: Zoom H5

Giuseppe Maglietta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 359
Iscritto il: mar 07 mag 2013, 16:11

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Giuseppe Maglietta » dom 11 dic 2016, 19:57

Grazie Francesco e Paolo.
Qualche anno fa non ci avrei neanche provato ad affrontare un brano così.
Merito della opportunità che ci ha regalato il M.o Delcamp
old indians never die

Avatar utente
Salvatore Esposito Cavallaro
Moderator
Messaggi: 937
Iscritto il: mer 08 lug 2009, 20:34
Località: Afragola (NA)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Salvatore Esposito Cavallaro » dom 11 dic 2016, 20:57

Giuseppe Maglietta ha scritto:divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.
buon lavoro a tutti
G

Ciao Giuseppe
Io direi che, a parte qualche passaggio della seconda parte da rivedere, hai fatto un buon lavoro. la velocita' verra' con tempo la cosa importante è la qualita' del suono e la precisione.
A presto
Noi che amiamo la musica restiamo un po' bambini e speriamo nel futuro

Avatar utente
Domenico Sarchione
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 745
Iscritto il: mer 07 ago 2013, 15:13
Località: Atessa (CH)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Domenico Sarchione » lun 12 dic 2016, 08:28

Giuseppe Maglietta ha scritto:divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.

buon lavoro a tutti
G



Complimenti Giuseppe, sei anche riuscito a impararlo a memoria. :bye:

Giuseppe Maglietta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 359
Iscritto il: mar 07 mag 2013, 16:11

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Giuseppe Maglietta » lun 12 dic 2016, 10:54

Domenico Sarchione ha scritto:
Giuseppe Maglietta ha scritto:divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.

buon lavoro a tutti
G



Complimenti Giuseppe, sei anche riuscito a impararlo a memoria. :bye:


Grazie Domenico ma non è difficile da imparare, la struttura è semplice 2A 2B 2A. il difficile è metterle insieme senza sbagliare :D
old indians never die

Avatar utente
StefanoMenichetti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 719
Iscritto il: ven 15 feb 2013, 23:17
Località: Sesto Fiorentino (FI)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda StefanoMenichetti » lun 12 dic 2016, 14:02

Giuseppe Maglietta ha scritto:divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.

buon lavoro a tutti
G


:bravo: Bravo Giuseppe, il pezzo è divertente :casque: e lo suoni alla grande :okok: .

João Pernambuco, mi sono letto qualcosa su wiki, lavorava in fonderia fino a 16 ore al giorno avendo in mente questi capolavori, che paese con persone fantastiche il Brasile, non ci sono mai stato ma provo sempre una profonda tristezza quando sento notizie, sempre più spesso negative sulla vita dei suoi abitanti e viaggiatori.

Saluti a tutti,

Stefano

Mirko Perin
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 270
Iscritto il: dom 24 feb 2013, 14:19

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Mirko Perin » mar 13 dic 2016, 07:03

Bravo,Giuseppe ottimo inizio. in un paio di battute non mi torna la metrica ma come hai detto tu è' un po' diverso. Non mi sembra così lento dai! Ciao bravo.

Avatar utente
Bernardino Sciarretta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1267
Iscritto il: mar 15 gen 2013, 13:25
Località: Ariccia Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Bernardino Sciarretta » mar 13 dic 2016, 08:14

Molto bene Gius
Alla grande....trascinante e coinvolgente. ..☺☺☺

Giuseppe Maglietta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 359
Iscritto il: mar 07 mag 2013, 16:11

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Giuseppe Maglietta » mar 13 dic 2016, 09:56

:merci:
grazie a tutti :ouioui:
G
old indians never die

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 225
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Claudio Bravini » mar 13 dic 2016, 12:07

Giuseppe Maglietta ha scritto:
Domenico Sarchione ha scritto:
Giuseppe Maglietta ha scritto:divertenti i carillon ma l'errore ci scappa sempre e mi arrendo.
è un pochino diverso ma mi sono divertito a scopiazzare dai video su UTube.
sarebbe bello da fare alla velocità del video di Tatyana Ryzhkova ma è impossibile.

buon lavoro a tutti
G


Complimenti Giuseppe, sei anche riuscito a impararlo a memoria. :bye:


Grazie Domenico ma non è difficile da imparare, la struttura è semplice 2A 2B 2A. il difficile è metterle insieme senza sbagliare :D


Giuseppe molto bene, ma non mi dire che l'hai imparato in cinque giorni perché non ci credo... :D
Comunque credo che alla fine non si ritornella (quasi) mai la prima parte, per cui la struttura corretta dovrebbe essere AA-BB-A.
:okok:

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 225
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 04

Messaggioda Claudio Bravini » mar 13 dic 2016, 12:36

Visto che Giuseppe ha aperto le danze, vi posto anche il mio Sons de Carillhoes.
Vi dico subito che (piccolo colpo di fortuna... :wink: ), non sapevo fosse nel programma della quarta lezione e l'avevo già registrato due mesi fa, essendo praticamente da sempre nel mio modesto repertorio.
Ovviamente la versione non è precisamente quella Delcamp, comunque più aderente della versione Maglietta (oddio, maglietta... aderente... giuro che non l'ho fatto apposta :lol: :lol: )
A parte le facezie, vedo che una delle differenze fondamentali è proprio sul ritmo, se si sentono un po' di esecuzioni ci si rende subito conto che ci sono due scuole di pensiero, quelli che suonano croma-semicroma-semicroma, come Delcamp, come la versione che ho studiato io, e quelli che suonano semicroma-croma-semicroma, come Giuseppe che si rifà alla versione Ryzhkova.
A suo tempo avevo cercato di andare a fondo della questione, di capire qual è il "giusto", ma credo sia proprio impossibile da dire. Addirittura ho trovato una registrazione d'epoca di Pernambuco stesso e ho pensato "ecco, ora vediamo come la fa", ebbene, a parte la qualità scarsissima dell'audio (del 1926), c'è un intreccio di ritmi incredibile tra la chitarra e il cavaquinho, per cui sembra facciano entrambi i ritmi.
Nella versione Delcamp questo secondo ritmo compare occasionalmente nella battuta 20, ma io ovviamente continuo ad eseguire la prima figurazione. :bye:

Youtube


Torna a “Corsi di chitarra classica in linea”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Antonio Lo Iacono, CommonCrawl [Bot], Marco Coferi e 6 ospiti