D05 Lezione di chitarra classica 07

I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.
Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Avatar utente
Antonio Lo Iacono
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 183
Iscritto il: mer 09 mar 2016, 10:07
Località: Carini (Pa)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Antonio Lo Iacono » gio 09 mar 2017, 22:34

Francesco Silvestri ha scritto: Bravo, il livello tecnico è veramente dignitoso, lodevole aver ridotto al minimo lo "stridulio" delle corde. :bravo:

[ Quello che segue lo dico unicamente per spronare verso l'ulteriore miglioramento, libero di mandarmi a quel paese :mrgreen: ]

E quando il livello tecnico è abbasstanza alto,
si dovrebbe puntare anche su quello che tanti chiamano il "colore".
Qui ci trovo pochissime sfumature, colori troppo netti. :|

[personalmente a "colore" preferisco "espressione", per similitudine con la lingua parlata e la lettura delle frasi di un testo/libro e soprattutto di una poesia.]

:bye:
Grazie per l'ascolto e per i suggerimenti.
Cercherò in ogni modo di impegnarmi di più sul fronte colore/espressione, dato che questa critica arriva da più fronti.
Credo però che considerando il mio livello tecnico è assolutamente prioritario "impadronirsi" del brano, e poi inserire le sfumature. Quindi, al momento, il mio è principalmente uno sforzo tecnico finalizzato a far suonare bene (o quasi) tutte le note, cercando di velocizzare i passaggi più ostici per rendere l'esecuzione più fluida.
:bye:

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Claudio Bravini » ven 10 mar 2017, 00:19

Antonio Lo Iacono ha scritto:Ed ecco la mia Lagrima.
Che dire, il brano è molto bello. Purtroppo la mia esecuzione è stata penalizzata da un unghia rotta (quella dell'indice). Avevo comunque voglia di pubblicarla lo stesso.
:bye:
Buonissima interpretazione.
La prima parte è perfetta, secondo me, al limite potresti variare un po' l'attacco dei bicordi, non farlo sempre preciso ma ritardare un po' pollice e anulare, ma comunque molto bene. Nella seconda, la parte in minore, tendi un po' ad accelerare alla fine, quando invece forse bisogna essere più lirici (la frase che va in acuto ad es.).
Nel complesso molto bene, nonostante l'unghia :bravo:
:bye:

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Claudio Bravini » ven 10 mar 2017, 00:28

Antonio Lo Iacono ha scritto: Grazie per l'ascolto e per i suggerimenti.
Cercherò in ogni modo di impegnarmi di più sul fronte colore/espressione, dato che questa critica arriva da più fronti.
Credo però che considerando il mio livello tecnico è assolutamente prioritario "impadronirsi" del brano, e poi inserire le sfumature. Quindi, al momento, il mio è principalmente uno sforzo tecnico finalizzato a far suonare bene (o quasi) tutte le note, cercando di velocizzare i passaggi più ostici per rendere l'esecuzione più fluida.
:bye:
Antonio, non fare il modesto,
il livello tecnico c'è, lo sai, i tuoi brani sono sempre veloci, puliti e scorrevoli, per questo ci permettiamo di darti impressioni e giudizi su quello che appare più migliorabile, e cioè l'espressività.
Che poi è cosa difficilissima perché non esistono regole assolute e in mancanza dell'autorità di un maestro ognuno può parlare in base ad impressioni basate sulla propria sensibilità, sul proprio bagaglio culturale, il gusto personale e via dicendo.
:bye:

Avatar utente
Antonio Lo Iacono
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 183
Iscritto il: mer 09 mar 2016, 10:07
Località: Carini (Pa)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Antonio Lo Iacono » ven 10 mar 2017, 07:56

Claudio Bravini ha scritto:
Antonio Lo Iacono ha scritto: Grazie per l'ascolto e per i suggerimenti.
Cercherò in ogni modo di impegnarmi di più sul fronte colore/espressione, dato che questa critica arriva da più fronti.
Credo però che considerando il mio livello tecnico è assolutamente prioritario "impadronirsi" del brano, e poi inserire le sfumature. Quindi, al momento, il mio è principalmente uno sforzo tecnico finalizzato a far suonare bene (o quasi) tutte le note, cercando di velocizzare i passaggi più ostici per rendere l'esecuzione più fluida.
:bye:
Antonio, non fare il modesto,
il livello tecnico c'è, lo sai, i tuoi brani sono sempre veloci, puliti e scorrevoli, per questo ci permettiamo di darti impressioni e giudizi su quello che appare più migliorabile, e cioè l'espressività.
Che poi è cosa difficilissima perché non esistono regole assolute e in mancanza dell'autorità di un maestro ognuno può parlare in base ad impressioni basate sulla propria sensibilità, sul proprio bagaglio culturale, il gusto personale e via dicendo.
:bye:
Ma non faccio il modesto! Sono consapevole del fatto che il mio livello tecnico è decente sotto certi aspetti ma è decisamente da migliorare sotto altri! (il brano di Sagreras di questa lezione mi sta facendo penare. Io e le legature non andiamo molto d'accordo). Per quanto riguarda l'espressione poi, servirebbero dei consigli più pratici, da mettere in atto. Tu ad esempio lo hai appena fatto dandomi dei suggerimenti da provare.... Io inoltre, per mia natura, diffido un po dei giudizi generici, quelli che parlano di una sensazione (sacrosanta) ma che non suggeriscono miglioramenti da apportare. D'altronde in questo forum dovremmo essere gli uni i maestri degli altri. Quindi grazie tantissime dei consigli e ovviamente dell'ascolto
:merci:

Francesco Silvestri
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 270
Iscritto il: mer 13 apr 2016, 08:31
Località: Fiesole (Fi)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Francesco Silvestri » ven 10 mar 2017, 12:47

Antonio Lo Iacono ha scritto:
Claudio Bravini ha scritto:
Antonio Lo Iacono ha scritto: Grazie per l'ascolto e per i suggerimenti.
Cercherò in ogni modo di impegnarmi di più sul fronte colore/espressione, dato che questa critica arriva da più fronti.
Credo però che considerando il mio livello tecnico è assolutamente prioritario "impadronirsi" del brano, e poi inserire le sfumature. Quindi, al momento, il mio è principalmente uno sforzo tecnico finalizzato a far suonare bene (o quasi) tutte le note, cercando di velocizzare i passaggi più ostici per rendere l'esecuzione più fluida.
:bye:
Antonio, non fare il modesto,
il livello tecnico c'è, lo sai, i tuoi brani sono sempre veloci, puliti e scorrevoli, per questo ci permettiamo di darti impressioni e giudizi su quello che appare più migliorabile, e cioè l'espressività.
Che poi è cosa difficilissima perché non esistono regole assolute e in mancanza dell'autorità di un maestro ognuno può parlare in base ad impressioni basate sulla propria sensibilità, sul proprio bagaglio culturale, il gusto personale e via dicendo.
:bye:
Ma non faccio il modesto! Sono consapevole del fatto che il mio livello tecnico è decente sotto certi aspetti ma è decisamente da migliorare sotto altri! (il brano di Sagreras di questa lezione mi sta facendo penare. Io e le legature non andiamo molto d'accordo). Per quanto riguarda l'espressione poi, servirebbero dei consigli più pratici, da mettere in atto. Tu ad esempio lo hai appena fatto dandomi dei suggerimenti da provare.... Io inoltre, per mia natura, diffido un po dei giudizi generici, quelli che parlano di una sensazione (sacrosanta) ma che non suggeriscono miglioramenti da apportare. D'altronde in questo forum dovremmo essere gli uni i maestri degli altri. Quindi grazie tantissime dei consigli e ovviamente dell'ascolto
:merci:
Posso solo traslare con un esempio preso dalla lettura:"c'era una volta, in una terra molto lontana..." letto normalmente da te per te giusto per leggere, suona proprio come lo hai appena letto, Piatto.
Se lo vuoi leggere ad un bambino e cattturare appieno la sua attenzione come lo leggi? molto più colorito, pesando tutte le parole, aumentando gli accenti etc etc. Spero possa essere di aiuto.

Avatar utente
Antonio Lo Iacono
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 183
Iscritto il: mer 09 mar 2016, 10:07
Località: Carini (Pa)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Antonio Lo Iacono » ven 10 mar 2017, 18:35

Francesco Silvestri ha scritto:
Antonio Lo Iacono ha scritto:
Claudio Bravini ha scritto: Antonio, non fare il modesto,
il livello tecnico c'è, lo sai, i tuoi brani sono sempre veloci, puliti e scorrevoli, per questo ci permettiamo di darti impressioni e giudizi su quello che appare più migliorabile, e cioè l'espressività.
Che poi è cosa difficilissima perché non esistono regole assolute e in mancanza dell'autorità di un maestro ognuno può parlare in base ad impressioni basate sulla propria sensibilità, sul proprio bagaglio culturale, il gusto personale e via dicendo.
:bye:
Ma non faccio il modesto! Sono consapevole del fatto che il mio livello tecnico è decente sotto certi aspetti ma è decisamente da migliorare sotto altri! (il brano di Sagreras di questa lezione mi sta facendo penare. Io e le legature non andiamo molto d'accordo). Per quanto riguarda l'espressione poi, servirebbero dei consigli più pratici, da mettere in atto. Tu ad esempio lo hai appena fatto dandomi dei suggerimenti da provare.... Io inoltre, per mia natura, diffido un po dei giudizi generici, quelli che parlano di una sensazione (sacrosanta) ma che non suggeriscono miglioramenti da apportare. D'altronde in questo forum dovremmo essere gli uni i maestri degli altri. Quindi grazie tantissime dei consigli e ovviamente dell'ascolto
:merci:
Posso solo traslare con un esempio preso dalla lettura:"c'era una volta, in una terra molto lontana..." letto normalmente da te per te giusto per leggere, suona proprio come lo hai appena letto, Piatto.
Se lo vuoi leggere ad un bambino e cattturare appieno la sua attenzione come lo leggi? molto più colorito, pesando tutte le parole, aumentando gli accenti etc etc. Spero possa essere di aiuto.
E qui continui a parlare di sensazioni. Ma praticamente tu come lo suoneresti?
O meglio cosa suggerisci di accentare?
In che parti del brano?

Avatar utente
Antonio Lo Iacono
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 183
Iscritto il: mer 09 mar 2016, 10:07
Località: Carini (Pa)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Antonio Lo Iacono » ven 10 mar 2017, 18:36

Francesco Silvestri ha scritto:
Antonio Lo Iacono ha scritto:
Claudio Bravini ha scritto: Antonio, non fare il modesto,
il livello tecnico c'è, lo sai, i tuoi brani sono sempre veloci, puliti e scorrevoli, per questo ci permettiamo di darti impressioni e giudizi su quello che appare più migliorabile, e cioè l'espressività.
Che poi è cosa difficilissima perché non esistono regole assolute e in mancanza dell'autorità di un maestro ognuno può parlare in base ad impressioni basate sulla propria sensibilità, sul proprio bagaglio culturale, il gusto personale e via dicendo.
:bye:
Ma non faccio il modesto! Sono consapevole del fatto che il mio livello tecnico è decente sotto certi aspetti ma è decisamente da migliorare sotto altri! (il brano di Sagreras di questa lezione mi sta facendo penare. Io e le legature non andiamo molto d'accordo). Per quanto riguarda l'espressione poi, servirebbero dei consigli più pratici, da mettere in atto. Tu ad esempio lo hai appena fatto dandomi dei suggerimenti da provare.... Io inoltre, per mia natura, diffido un po dei giudizi generici, quelli che parlano di una sensazione (sacrosanta) ma che non suggeriscono miglioramenti da apportare. D'altronde in questo forum dovremmo essere gli uni i maestri degli altri. Quindi grazie tantissime dei consigli e ovviamente dell'ascolto
:merci:
Posso solo traslare con un esempio preso dalla lettura:"c'era una volta, in una terra molto lontana..." letto normalmente da te per te giusto per leggere, suona proprio come lo hai appena letto, Piatto.
Se lo vuoi leggere ad un bambino e cattturare appieno la sua attenzione come lo leggi? molto più colorito, pesando tutte le parole, aumentando gli accenti etc etc. Spero possa essere di aiuto.
E qui continui a parlare di sensazioni. Ma praticamente tu come lo suoneresti?
O meglio cosa suggerisci di accentare?
In che parti del brano?

Francesco Silvestri
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 270
Iscritto il: mer 13 apr 2016, 08:31
Località: Fiesole (Fi)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Francesco Silvestri » ven 10 mar 2017, 23:59

Antonio Lo Iacono ha scritto:
Francesco Silvestri ha scritto:
Antonio Lo Iacono ha scritto:
Ma non faccio il modesto! Sono consapevole del fatto che il mio livello tecnico è decente sotto certi aspetti ma è decisamente da migliorare sotto altri! (il brano di Sagreras di questa lezione mi sta facendo penare. Io e le legature non andiamo molto d'accordo). Per quanto riguarda l'espressione poi, servirebbero dei consigli più pratici, da mettere in atto. Tu ad esempio lo hai appena fatto dandomi dei suggerimenti da provare.... Io inoltre, per mia natura, diffido un po dei giudizi generici, quelli che parlano di una sensazione (sacrosanta) ma che non suggeriscono miglioramenti da apportare. D'altronde in questo forum dovremmo essere gli uni i maestri degli altri. Quindi grazie tantissime dei consigli e ovviamente dell'ascolto
:merci:
Posso solo traslare con un esempio preso dalla lettura:"c'era una volta, in una terra molto lontana..." letto normalmente da te per te giusto per leggere, suona proprio come lo hai appena letto, Piatto.
Se lo vuoi leggere ad un bambino e cattturare appieno la sua attenzione come lo leggi? molto più colorito, pesando tutte le parole, aumentando gli accenti etc etc. Spero possa essere di aiuto.
E qui continui a parlare di sensazioni. Ma praticamente tu come lo suoneresti?
O meglio cosa suggerisci di accentare?
In che parti del brano?

Antonio, certo che sono sensazioni e vanno bene tutte, possiamo mettercene tante o poche, sta a noi. Praticamente ? sto ancora "cercando"...

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 220
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Angelo Scuderi » sab 11 mar 2017, 11:24

Claudio Bravini ha scritto:Pubblico anche la mia lezione.
Devo dire che Lágrima l'avevo già registrata qualche mese fa, per cui stavolta ho fatto presto. :D



Nella registrazione più "vecchia" purtroppo non avevo le corde che monto di solito, con i bassi più "lisci", e quindi si sente molto lo sfregamento dovuto allo scorrimento delle dita, spero non sia troppo fastidioso.
:bye:
Caro Claudio sei molto bravo e mi piace ascoltarti perche' metti tanta espressione e qualita' tecnica. Non sono bravo a dare consigli perche' sono molto piu' indietro di te ma ti devo dire che mi sei arrivato come suono dinamiche e soprattutto delicatezza di tocco . Un bel tocco della mano destra.Mi hai emozionato. Spero di poter suonare come te andando avanti con lo studio. :bravo: :bravo: :bravo: :bye: :bye: Angelo del D03

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Claudio Bravini » sab 11 mar 2017, 20:58

Angelo Scuderi ha scritto:
Claudio Bravini ha scritto:Pubblico anche la mia lezione...
:bye:
Caro Claudio sei molto bravo e mi piace ascoltarti perche' metti tanta espressione e qualita' tecnica. Non sono bravo a dare consigli perche' sono molto piu' indietro di te ma ti devo dire che mi sei arrivato come suono dinamiche e soprattutto delicatezza di tocco . Un bel tocco della mano destra.Mi hai emozionato. Spero di poter suonare come te andando avanti con lo studio. :bravo: :bravo: :bravo: :bye: :bye: Angelo del D03
Grazie Angelo,
troppo buono!
:merci: :bye:

Francesco Silvestri
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 270
Iscritto il: mer 13 apr 2016, 08:31
Località: Fiesole (Fi)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Francesco Silvestri » sab 11 mar 2017, 21:12

:mrgreen: Angelo coraggio!!, Claudio è bravo si, ma già che ci sei Spera più forte e mira più in alto!!! : :mrgreen: :mrgreen:
:bye: :bye:

Ovviamente sto scherzando!
Saluti!

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Claudio Bravini » sab 11 mar 2017, 23:42

Francesco Silvestri ha scritto::mrgreen: Angelo coraggio!!, Claudio è bravo si, ma già che ci sei Spera più forte e mira più in alto!!! : :mrgreen: :mrgreen:
:bye: :bye:
Ovviamente sto scherzando!
Saluti!
Francesco, quoque tu... :o

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 220
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Angelo Scuderi » dom 12 mar 2017, 12:57

Come dice Francesco provo ad andare piu' in alto e vi propongo col beneficio d'inventario il mio tarrega lagrima scusandomi in anticipo per l'orrore ed anche per gli errori.Un caro saluto a tutto il gruppo D05.Angelo
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Francesco Silvestri
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 270
Iscritto il: mer 13 apr 2016, 08:31
Località: Fiesole (Fi)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Francesco Silvestri » dom 12 mar 2017, 14:56

Angelo Scuderi ha scritto:Come dice Francesco provo ad andare piu' in alto e vi propongo col beneficio d'inventario il mio tarrega lagrima scusandomi in anticipo per l'orrore ed anche per gli errori.Un caro saluto a tutto il gruppo D05.Angelo
Perdonami. :?
Le prime quattro battute sono buone.
Il buon Bravini è ancora un puntino all'orizzonte.
Ti suggerisco quanto meno uno studio a tempi più lenti. Accompagnato dal metronomo.
Inoltre,A mio avviso, dovresti prima provare a Gustare tutte note al loro posto , anziché trangugiarle in fretta senza sentirne i sapori.
C'è tanta tanta frenesia e non ce ne vuole affatto. Tutto deve essere più calmo e sereno.

Ciao.

Francesco Silvestri
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 270
Iscritto il: mer 13 apr 2016, 08:31
Località: Fiesole (Fi)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Francesco Silvestri » dom 12 mar 2017, 15:01

Francesco Silvestri ha scritto:
Angelo Scuderi ha scritto:Come dice Francesco provo ad andare piu' in alto e vi propongo col beneficio d'inventario il mio tarrega lagrima scusandomi in anticipo per l'orrore ed anche per gli errori.Un caro saluto a tutto il gruppo D05.Angelo
Perdonami. :?
Le prime quattro battute sono buone.
Il buon Bravini è ancora un puntino all'orizzonte.
Ti suggerisco quanto meno uno studio a tempi più lenti. Accompagnato dal metronomo.
Inoltre,A mio avviso, dovresti prima provare a Gustare tutte note al loro posto , anziché trangugiarle in fretta senza sentirne i sapori.
C'è tanta tanta frenesia e non ce ne vuole affatto. Tutto dovrebbe essere più calmo e sereno.

Ciao.

Torna a “Corsi di chitarra classica in linea”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot], Valeria Simondi e 4 ospiti