Il futuro dei corsi on line.

I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.
Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Avatar utente
Paolo Romanello
Messaggi: 927
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Paolo Romanello » gio 06 apr 2017, 16:16

Mi sento in dovere di intervenire per portare la mia esperienza come ringraziamento e se possibile anche stimolo al maestro Delcamp.
Ho frequentato i corsi per diversi anni fino al termine del ciclo e per me sono stati una motivazione fondamentale per proseguire in modo autonomo nello studio della chitarra. Ora ho sentito la necessità di appoggiarmi ad un insegnante in carne ed ossa che mi sta preparando per sostenere l'esame di conservatorio, il quale ha valutato molto positivamente il lavoro svolto negli ultimi anni proprio attraverso i corsi online. Si trattava in fondo di una novità, di un vero e proprio esperimento che il maestro ha impostato con grande competenza didattica e stimolando la creatività.
Io credo che anche se i corsi rimanessero attivi così come sono, senza particolari aggiornamenti, sarebbero comunque una risorsa grande e assolutamente unica nel suo genere. La loro soppressione sarebbe la perdita di una grande opportunità per tantissime persone.
Comprendo perfettamente la crisi del maestro, che rivela un animo attivo, intelligente e curioso, assetato di novità e cambiamenti. D'altronde anch'io, pur amando la mia professione in campo scientifico, farei molta fatica a portarla avanti anche al di fuori dell'orario di lavoro. E poi anch'io sono un kayakista da sempre e so cosa significa l'amore per questa attività sportiva. Spero quindi che il maestro decida di mantenere attivi i corsi così come sono, almeno fino a quando non sentirà nuovamente il desiderio di aggiornarli. Grazie ancora per quello che ha fatto per tutti noi.
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

Avatar utente
Filippo De Bellis
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 195
Iscritto il: mer 20 gen 2010, 20:25
Località: Caluso - Torino

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Filippo De Bellis » ven 07 apr 2017, 09:48

Buona giornata a tutti.

Se si dovessere sospendere o addirittura togliere i corsi online, sarebbe per me perdere un'occasione per il proseguimento degli studi.
Se proprio il Maestro Delcamp non si sentisse più di proseguire questa attività, vorrei che si creasse un gruppo di lavoro che prosegua la didattica, sia pure divisa a livello internazionale nei vari forum.

Dai post precedenti, ho sentito proposte riguardo l'eliminazione degli esami. Per me sarebbe un errore perchè verrebbe meno lo stimolo a studiare le lezioni. Inoltre l'esame serve per misurare le proprie capacità con gli altri allievi.

Attualmente le lezioni si svolgono presentando ogni volta, le registrazioni con 2 brani. Vorrei chiedere ai maestri, se ha senso preparare le lezioni in modo tale che l'allievo possa registrare ed inviare registrazioni anche brevi, riguardanti esercizi su scale, arpeggi, armonia, mano dx, mano sx, e poi un solo brano di repertorio per ogni lezione.

Ciao..
Filippo

Andrea Gnecchi
Liutaio amatore
Messaggi: 74
Iscritto il: mar 23 ago 2016, 22:23

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Andrea Gnecchi » ven 07 apr 2017, 12:29

Maestro Delcamp,

quello che dice e' giustissimo. Nel corso della vita si cambia, si cambiano interessi e nascono nuove voglie di "fare".
Ripetere continuamente quello che si e' fatto gia' porta, poco alla volta, a perdere interesse.
Pertanto le auguro di trovare nuovi spunti in qualsiasi cosa voglia fare.
Nel contempo, pero', la prego di lasciare disponibile, come e' adesso, questo forum, con tutto quello che contiene.
Io mi sono avvicinato solo di recente, ma qui ho trovato non solo una guida esperta che mi ha permesso di riavvicinarmi al suonare la chitarra, studiando e migliorando, capendo i mie errori e superandoli, ma molto altro ancora.
I corsi in linea sono un progetto magnifico ed estremamente esteso che ha permesso e permette a tantissime persone di rstare legate allo splendido mondo della chitarra.
Io sono al secondo anno, l'anno prossimo vorrei frequentare il terzo e cosi via.
Per me sara' sempre qualcosa di nuovo, come per chiunque frequenti un corso.
Le raccolte di spartiti poi sono una fonte inesauribile di stimoli a cercare nuovi pezzi da suonare.
E nel resto del forum, per la mia passione della liuteria ad esempio, ho trovato l'aiuto di gente molto esperta che mi ha dato consigli e suggerimenti inestimabili.
Pertanto e' sicuramente giusto che lei possa usare il suo tempo libero per quello che piu' desidera.
Solo non spenga questa luce.
Sono certo che se serva ci sarebbero molti fra di moi disposti a collaborare per tenere viva scula.

Grazie ancora per tutto.
Andrea
"...pensavo...e' bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo cominciare una chitarra"
(F. de Andre' - "Amico fragile")

Avatar utente
Piero Zaninetti
Messaggi: 1042
Iscritto il: lun 22 ott 2012, 09:58
Località: Italia

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Piero Zaninetti » sab 08 apr 2017, 22:58

Innanzitutto vorrei esprimere al Maestro Delcamp i miei più sentiti ringraziamenti per la geniale idea di creare il Forum e i Corsi on line e per l'enorme mole di lavoro che ha fatto a beneficio di tanti che, come me, per impegni di lavoro e famiglia non possono permettersi le lezioni di un insegnante personale.

Per il resto sono completamente d'accordo con quanto scritto da Vincenzo Di Guida e posso solo sperare che il Forum non chiuda ,che il Maestro Delcamp possa continuare a seguire il Forum con minore impegno personale diretto e possa per questo avvalersi di altri docenti e collaboratori disponibili.

Pienamente comprensibile e condivisibile il Suo desiderio di percorrere nuove strade secondo i propri desideri e le proprie passioni , che cambiano nelle diverse stagioni della vita.

tante grazie Maestro :applauso: :applauso: :applauso: :applauso: :applauso:

Avatar utente
Filippo De Bellis
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 195
Iscritto il: mer 20 gen 2010, 20:25
Località: Caluso - Torino

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Filippo De Bellis » dom 09 apr 2017, 15:42

Ciao.
E' un peccato perdere anni di lavoro, conoscenza, esperienza che è stata apprezzata da tutti.

Il Maestro Delcamp potrebbe ridurre il suo impegno a supervisione di un gruppo di lavoro che si occupi di didattica, magari distribuito tra i vari forum in lingua straniera.

Ad esempio se i livelli dei corsi sono 12, e i forum sono 4 (italia, francia, spagna,inghilterra), si potrebbe suddividere i corsi in questo modo:
il forum italiano si occupa dei livelli d01 d02 d03;
quello spagnolo d04 d05 d06;
quello inglese d06 d08 d09;
quello francese d10 d011 d12.

Gli allievi di iscrivono ai corsi nei rispettivi forum internazionali. La lingua straniera non e' un problema. L'inglese più o meno lo consciamo tutti; per le altre ci si arrangia con google. In fondo bastano poche frasi.

Manterrei anche gli esami di fine anno.

Buona giornata a tutti.

Filippo

-cab
Messaggi: 24
Iscritto il: dom 05 feb 2017, 21:53

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da -cab » lun 10 apr 2017, 11:23

I programmi di conservatorio sono rimasti identici da almeno 60 anni, quindi direi che non è il caso di preoccuparsi!
Fino a che ci sarà qualche allievo ancora "non diplomato", secondo me, questi corsi devono restare, e possono solo essere di grande utilità alla chitarra.

Avatar utente
Fabrizio Cristoforetti
Messaggi: 1438
Iscritto il: sab 14 ago 2010, 15:44
Località: Avio (Trento)

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Fabrizio Cristoforetti » mar 11 apr 2017, 21:05

Caro Jean-François non abbandonare i corsi!
anche se sono gli stessi che si ripetono costituicono un punto fisso , un caposaldo per noi autodidatti, anche per chi i corsi non li segue sempre e completamente !

Personalmente ti ringrazio per avermi ravvicinato al nostro splendido strumento!
Fabrizio

Avatar utente
StefanoMenichetti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 724
Iscritto il: ven 15 feb 2013, 23:17
Località: Sesto Fiorentino (FI)

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da StefanoMenichetti » mer 26 apr 2017, 13:52

Buongiorno a tutti, durante questi anni ho sempre espresso la mia più grande soddisfazione per l'opportunità data dal forum ed anche se quest'anno ho dovuto sospendere, per cause familiari, il mio sudato D05, continuo ad accarezzare l'idea di rientrare prima o poi nel forum e proseguire negli studi.

Sono fermamente convinto, Maestro, che l'aver dato questa opportunità, sia tuttora anche per lei motivo di grande soddisfazione. Riconosco ed apprezzo il desiderio di migliorare ed innovare ma, attenzione, la sua "opera" (lezioni, forum ed organizzazione) è già mirabile in quanto a semplicità, completezza ed efficacia. Che si può fare di più ... i capolavori sono così, alla fine sfuggono forse anche ai loro autori ...

Forse dovremmo trovare il modo di contarci e conoscerci meglio dando anche maggiore evidenza dei risultati. A questo proposito, proprio per la mia attuale posizione di "esterno" suggerirei come proposta, la modifica della regola di cancellazione delle utenze per inattività.

Qualche tempo fa detti uno sguardo alle utenze "cancellate" e, non so, mi è dispiaciuto leggere lì i nomi di alcuni compagni di corso, soltanto di un paio di anni fa, o di grandi appassionati uno per tutti cito il ns. Max Banchio che animò a più riprese il ns. D02.
Al contrario, non saprei al momento come, si dovrebbe cercare di mantenere il gruppo unito magari pensando, qualcuno lo ha già detto, a degli incontri aperti, almeno nelle principali città, mensili o almeno annuali nelle vicinanze dell'esame.

Per il resto, mi unisco al coro che chiede il mantenimento dei corsi anche così come sono, nella mia personale ignoranza ho trovato il repertorio sempre molto vario e interessante. In questi pochi anni, quante cose ho sentito sulle mie dita, classica antica, barocca, romantica, valzer, tanghi, bossanova ... non saprei davvero cosa aspettarmi di meglio ...

Un caro saluto a tutti,

Stefano

Avatar utente
Francesco Meatta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 104
Iscritto il: mer 19 feb 2014, 18:26
Località: Roma

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Francesco Meatta » gio 27 apr 2017, 11:45

Gentile Maestro Delcamp,
non finirò mai di esserle riconoscente per aver fatti riemergere in me l'amore per la chitarra con cui da bambino, circa all'età di dodici anni, mi ero sentito costretto ad interrompere quasi ogni tipo di rapporto comunicativo.
Così, all'età di 40 e passa anni mi sono trovato, per caso, ad imbattermi sul suo forum e grazie ai suoi video e alle entusiasmanti lezioni ho ripreso quel percorso emotivo che si era interrotto di fatto tanti anni prima.
Se non fosse che nutro troppo rispetto per la Libertà, al punto da non desiderare neanche lontanamente di condizionarla, la pregherei di cuore di continuare ad essere il faro musicale per quanti non hanno tempo o risorse per prendere lezioni privatamente.
Ma tutto ha un inizio ed una fine, sicchè comprendo bene il suo stato d'animo e mi auguro che Lei possa conciliare l'amore profondo per la musica con ogni altra passione da cui è avvinto.
La natura, le relazioni interpersonali, gli impegni professionali sono tutti legati ad un dato comune: in ogni rapporto c'è un elemento fondante di comunicazione. Dico questo perché l'arte che lei diffonde attraverso il forum da tanti anni prescinde dal dato accademico relativo alla ripetitività delle lezioni dei vari livelli proposti di anno in anno.
Sono certo che a livello didattico Lei ha sviluppato altri e più innovativi metodi, ma, mi creda, per chi vive la musica al "margine", i suoi suggerimenti didattici sono quanto di più incredibilmente prezioso ci si possa attendere per una graduale crescita musicale: grazie alle sue lezioni anche noi, nel nostro piccolo, esprimiamo emozioni con la nostra amata chitarra.
Mi scuso per essermi dilungato, ma quanto detto proviene dal cuore.
Grazie e sempre grazie, qualunque sia la sua scelta.

Danilo Fornasari
Messaggi: 128
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Danilo Fornasari » gio 27 apr 2017, 13:00

Carissima PAOLA, ci puoi dire se, anche grazie ai contributi dagli altri forum esteri (a proposito cosa è emerso?) è venuto fuori qualcosa e se ci sono dei progetti in embrione per il futuro?
:merci: :merci: :merci: :merci:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Avatar utente
Paola Liguori
Moderator
Messaggi: 7784
Iscritto il: dom 29 mar 2009, 00:27
Località: ROMA

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Paola Liguori » sab 29 apr 2017, 23:40

Veramente ho seguito poco la discussione sugli altri forum, ma per quel che ho visto c'è da parte di tutti molto interesse e gradimento verso i corsi. Il M.Delcamp non ha comunicato ancora nulla, ma io credo che si continuerà con la formula attuale che ha funzionato così bene. Non credo ci sia da parte sua l'intenzione di sopprimere i corsi, si è trattato più che altro di un suo scrupolo di professionalità, in quanto dopo sette anni sente l'esigenza di fare qualche aggiornamento, senza peraltro avere più il tempo per dedicarcisi come prima. In my opinion... è solo una mia supposizione non suffragata da alcun elemento ufficiale.

Avatar utente
Claudio Tortonesi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 133
Iscritto il: mer 10 set 2014, 20:32
Località: roma

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Claudio Tortonesi » dom 30 apr 2017, 14:31

Maestro diamo un brivido a tutto. facciamo l'esame live. :guitare: :ouioui:

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Claudio Bravini » lun 01 mag 2017, 17:49

Claudio Tortonesi ha scritto:Maestro diamo un brivido a tutto. facciamo l'esame live. :guitare: :ouioui:
Ma per carità... :shock:

Avatar utente
Bernardino Sciarretta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1313
Iscritto il: mar 15 gen 2013, 13:25
Località: Ariccia Roma

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Bernardino Sciarretta » ven 05 mag 2017, 11:29

Claudio Bravini ha scritto:
Claudio Tortonesi ha scritto:Maestro diamo un brivido a tutto. facciamo l'esame live. :guitare: :ouioui:
Ma per carità... :shock:

...perchè no ...ottima idea... un mini concerto.... adrenalina pura... :D :D

Avatar utente
Paolo Barbagli
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 489
Iscritto il: mer 20 gen 2016, 00:22
Località: Riva del Garda

Re: Il futuro dei corsi on line.

Messaggio da Paolo Barbagli » ven 05 mag 2017, 23:00

Non abbiamo più l'età per gli esami live di una volta: rischiamo l'infarto
Chitarra: J. Ramirez R2 1993
Corde: D'Addario
Software: Wave Editor
Registratore: Zoom H5

Torna a “Corsi di chitarra classica in linea”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot], Google Adsense [Bot] e 4 ospiti