Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Il luogo ideale per parlare di arte, cultura e tematiche sociali non necessariamente legate alla chitarra.
Regole del forum
II Regole di comportamento
Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 312
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Davide Pirillo » ven 04 set 2015, 17:34

Per carità!...... Può accadere per qualsiasi professione nel pubblico ...... ma forse qui si può essere più vicini al sentire di chi subisce. :?

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09 ... a/2009045/
Assunzioni precari scuola, “da Ancona a Trapani. Era la mia 91esima scelta”
“Ai miei amici per scherzo dicevo: magari mi spediscono a Caltanissetta. Invece è successo veramente”. Per Vanessa Scarano, 31 anni, di Pesaro, insegnante da quattro anni al liceo musicale di Ancona, il responso del Ministero ha quasi avverato il pronostico scherzoso. La giovane musicista non finirà a Caltanissetta ma a Trapani. Il sistema informatico del Miur, nell’assegnazione delle cattedre della fase B della riforma, martedì notte, ha fatto finire una docente del Nord al Sud (l’esodo si è verificato soprattutto in direzione opposta). E pensare che Vanessa nell’elenco delle cento province, allegato alla richiesta di assunzione, aveva messo la città siciliana al 91esimo posto.
“Dall’altro canto un computer non pensa ai problemi delle persone. E’ stato un salto nel buio, si gioca sul fatto che comunque c’è bisogno di lavorare. Siamo solo un numero per lo Stato. Guardi io ho lavorato anche in Giappone dove per percorrere 300 chilometri in treno ci metti pochissimo tempo, avessimo i loro mezzi allora sarebbe possibile pensare di andare a lavorare a distanza”. Vanessa per quest’anno ha firmato il contratto per una supplenza annuale nel liceo musicale di Ancona dove da quattro anni insegna clarinetto ma il prossimo settembre dovrà prendere la valigia e lasciare la sua famiglia, il suo compagno e la sua amata orchestra sinfonica “Rossini” alla quale ha dedicato passione e vita.
La giovane musicista non si dà pace. Dietro questa scelta del “cervellone” del Miur in realtà si nasconde l’ennesima questione burocratica tutta italiana. La classe di concorso di Vanessa non è ancora contemplata perciò fino ad oggi ha insegnato al liceo musicale di Ancona con una classe affine con il servizio specifico per i licei (allegato E). Una questione che “impedisce – spiega la professoressa Scarano – di mettere a ruolo le ore al liceo dove finora ho insegnato” ma permette di assegnarla alle medie dove andrà a Trapani.
“Al liceo di Ancona – continua – ci sarebbe bisogno di me ma per un gioco di numeri una persona deve finire a mille chilometri di distanza quando di fatto le ore nella regione ci sono. E lì, al mio posto chi arriverà? Magari una collega da fuori, senza l’esperienza che io ho accumulato in questi anni in quella scuola. Serve che il Governo si muova: a Pesaro ci sono solo tre classi di clarinetto alle medie eppure ci sono scuole che da anni vorrebbero avere l’indirizzo musicale”.
Vanessa pensa soprattutto al suo primo amore, l’orchestra “Rossini”. Non guadagna molto a fare i concerti, “poco più di quanto prende una donna delle pulizie” ma quella era la sua vita: “L’attività di insegnamento e quella di musicista sono correlate: come si può pensare ad un professore di clarinetto che non può suonare?”. La professoressa Vanessa Scarano pensa alla sua famiglia, da sempre emigrata per trovare lavoro: “Mio padre era di Scafati, i suoi genitori si trasferirono per trovare un’occupazione a Pesaro. Mio nonno andò persino lavorare in Belgio nelle miniere. Il loro sacrificio non è servito a nulla. Ieri è toccato a loro, oggi a me”.
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

cecco
Messaggi: 535
Iscritto il: mar 21 ott 2014, 00:48

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da cecco » ven 04 set 2015, 20:21

Il Belgio è più lontano della Sicilia, si consideri fortunata.
Le clarinettiste i siciliani non le mangiano, può suonare anche là se lo desidera.
Ringrazi Nostro Signore che ha trovato lavoro, ci sono tante persone non altrettanto fortunate.
Prima del concorso era specificato che poteva avere un trasferimento, bastava non farlo, e se non lo vuole può rinunciare: ci saranno altre persone ben felici di sostituirla.
A me le persone che sanno solo lamentarsi mi stanno in quel posto.

Avatar utente
setras
Messaggi: 1525
Iscritto il: mer 06 ott 2010, 22:56

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da setras » sab 05 set 2015, 01:15

:mrgreen:

La categoria dell'insegnante è la più lamentosa per distacco
Ce sta minimo un 80 per cento che 'n sa cosa sia il mondo reale


:mrgreen:

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 312
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Davide Pirillo » sab 05 set 2015, 06:45

In effetti ....... anche una pedata nel sedere è preferibile ad un cazzotto in faccia..... ed un cazzotto in faccia è preferibile ad una coltellata....... e raccogliere pomodori ad € 8,00 al giorno è meglio che niente........ forse mi sono fossilizzato troppo anch'io con il pensiero ...... anzi sicuramente!
Non so di chi sia l'aforisma "Ci pisciano in testa e ci dicono che piove!" ...... ma sarebbe interessante sapere cosa ne pensano gli insegnanti del forum.

Comunque se è per questo anche il papà del bambino Aylan Kurdi in fuga da Kobane in Siria ha accettato di trasferirsi in gommone al Nord perchè lì c'è il lavoro ...... almeno sperava ci fosse .......... per il momento è riuscito solo a perdere una bocca in più da sfamare, di 4 anni ........ che sicuramente non sarebbe stato produttivo ancora per qualche anno ......... quando verrà ripristinato il "ius primae nocti"..... esteso a tutti e due i coniugi .... qualcuno dirà che dopo tutto è meglio che niente e che, come si dice a Milano "una lavada, una asciugada, e la par neanche aduperada". :lol:
Insomma .... un'asta al ribasso.
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 312
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Davide Pirillo » sab 05 set 2015, 07:45

setras ha scritto::mrgreen:
La categoria dell'insegnante è la più lamentosa per distacco
Ce sta minimo un 80 per cento che 'n sa cosa sia il mondo reale
:mrgreen:
Vero vero assai ........ il problema è che quel 80% non da fastidio a nessuno, mantiene un basso profilo e si mimetizza nel grigio e permette al sistema parassitario di perpetrarsi...... e da questo viene premiato ed incoraggiato.
Il problema è rappresentato dal 20% ....... ma anche meno ...... di quelli che credono nel lavoro e nella sua funzione educativa e "turbano il sistema".
Quelli vanno stroncati ...... pubblico o privato che sia...... perchè altri "si imparano come gira il mondo" :lol:

Ma forse sto andando troppo fuori dal do-re-mi-fa-sol-la-si-do ......
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

alessandro lienzo
Messaggi: 1217
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da alessandro lienzo » sab 05 set 2015, 08:53

I tempi sono quello che sono e considerando il fatto che si ottiene un trasferimento abbastanza facilmente questa lagna non la sopporto molto.
Anche mia madre faceva 160 km al giorno per insegnare ma ha avuto il ruolo all'età di 40 anni, dopo 15 anni nel privato; beata lei che insegnava già da 4 anni e ora ne ha 31!
alessandro C.

Antonio Sciortino

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Antonio Sciortino » sab 05 set 2015, 09:39

Oh, signori belli, le cose vanno viste nella loro interezza prima di trinciare giudizi sulla pellaccia del prossimo.
Ci sono insegnanti come il sottoscritto che da 15 anni tappano tutti i buchi di una provincia sterminata, la più grande d'ITALIA, la provincia di SASSARI. E hanno lavorato su 30 istituti, un giorno a Tempio e l'indomani ad Alghero, col telefono sul comodino. Lo farei provare a chi non lo conosce, a chi si permette giudizi facili su 80 e 20 per cento. E poi nomine su cattedre fantomatiche, anni di viaggi di 100 e 150 chilometri solo per andare al lavoro, tutto in nome di un sistema di reclutamento SU BASE REGIONALE. Mi sono abilitato in concorso qua in Sardegna, e ho accettato di lavorare anni a saggio di guadagno zero, prendevo 900 e pochi euro il primo anno che feci da supplente annuale, a fine anno mi diede 400 euro mia madre per pagare l'acconto dell'IRPEF. E ora, per un orrido ricatto di perdere per sempre 150 punti in graduatoria, sudati e rischiati sulla pelle, DOMANDA A LIVELLO NAZIONALE; piantare i miei affetti, mia madre con i suoi problemi di salute, la mia donna e la mia vita OPPURE ESSERE ESPUNTO. CACCIATO. Grazie, signor idiota, lei ha coperto i buchi, abbiamo però preso in ruolo gente con zero giorni di lavoro in quanto laureata in scienze della formazione primaria, lei, col diploma magistrale, per quanto laureato in altra facoltà è FUFFA. Signori, il trasferimento non si avrà, saremo 55 mila solo in fase C, ho 43 anni, il mio stipendio arriva massimo a 1200 euro al mese. Non ci stanno facendo un regalo, ma una polpetta avvelenata. Tante colleghe che mi precedono e curano una famiglia hanno evitato di fare domanda. Saranno scavalcate, conculcato il loro diritto ad un lavoro che hanno conquistato sul campo, solo perché non vogliono lasciare mariti e figli e genitori anziani e malati per "il posto FISSO". RICATTO. ORRENDO RICATTO. Scegliere tra la famiglia e il lavoro legittimamente sudato. Non preso a calci nel c..o. NO, sudato.
Se avessi voluto lavorare a CUNEO o a LODI sarei di ruolo da anni. Non l'ho fatto perché ho una persona non autonoma in famiglia.
Diceva un tale: sono tutti ***** col ***** degli altri.
Io vorrei vedere voi se vi cambiassero le regole del gioco durante la partita, costringendovi a mollare anni di sacrifici.
Solo noi insegnanti, solo NOI siamo quelli che piagniamo.
Quando piangerà qualcun'altro rideremo noi.
Grazie della solidarietà.

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 312
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Davide Pirillo » sab 05 set 2015, 09:41

Alessandro. Evidentemente c'è da levarsi tanto di cappello di fronte a tua mamma che non ha fatto pesare oltre misura alla famiglia il disagio che ha dovuto necessariamente accettare privando o limitando il tempo disponibile agli affetti.
Il fatto che non si possa cambiare lo stato delle cose e che lo si debba necessariamente accettare non comporta necessariamente il non esprimere le proprie emozioni e disagi. Fotografare uno stato di fatto è cosa diversa dall'esprimere una opinione. Personalmente non condivido il "funziona così è basta" ...... lo trovo limitativo.
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 312
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Davide Pirillo » sab 05 set 2015, 10:05

Antonio Sciortino ha scritto:Oh, signori belli, .....................Grazie della solidarietà.
chapeau!! :okok:

Io ho la "fortuna" di lavorare nel pubblico, ente locale, in fascia D4, e casa mia dista circa 1.3 Km dal mio posto di lavoro.
In una contorta logica del "di che ti lamenti che tanto il lavoro lo hai" dovrei accontentarmi e ...... "obtorto collo" mi considero fortunato anche se influssi astrali malefici hanno determinato un ridimensionamento professionale ..... per altri è il contrario ...... come quando in ditta ti mandano al centralino e ti dicono che lì "sei l'immagine dell'azienda" poriponziponzipo'.
Sono fortunato eccome. Mia moglie pur condividendo appieno ciò che ho fatto prima della "promozione" ed essendo orgogliosa di suo marito (avercene di mogli così :) ) fa coro unico con gli amici e questi tutti insieme mi ricordano sempre di dare un'occhiata alla busta paga appesa all'uscio di casa prima di iniziare il servizio e di non perdere mai di vista sul calendario la casella con su scritto il numero "27". ...... di mimetizzarmi nel grigio ...... OK fatto ..... mi dispiace ...... ma dispiace ancora di più che ognuno guardi il proprio orticello e considera privi di diritto di lamento chi guadagna di più che ritiene "stia" meglio e soprattutto di capire che armonia e benessere non sono solo le sette note musicali nelle più svariate combinazioni.
Domani arriveremo ad essere anche convinti che realmente con la cultura e la scuola non si mangia ..... a che serve essere laureati se vai a fare lo spazzino? ..... Giusto. A che serve la letteratura, la poesia e la musica ....... tutta spazzatura..... se c'è da menare giù il martello ed il badile si fa quello. Inutile riempirsi la testa di idee ed ideali che tanto ci si rattristisce.
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

cecco
Messaggi: 535
Iscritto il: mar 21 ott 2014, 00:48

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da cecco » sab 05 set 2015, 11:17

Sarebbe bello non "copiare" solo la spazzatura dagli USA.... sarebbe bello poter avere il loro senso imprenditoriale: nessun posto fisso.
Tutti precari. Nessuno escluso.
(Un sogno, solo un sogno, invece qui vogliamo solo sicurezze, la copertina di Linus, un biberon possibilmente da un'amministrazione pubblica, ma così facendo siamo destinati ad una fine certa)

Antonio Sciortino

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Antonio Sciortino » sab 05 set 2015, 12:36

Non capisco cosa ci azzecchi questo ultimo post. Sarebbe bello copiare dai tedeschi non solo l'austerity, ma la voglia e il desiderio di informarsi invece di scrivere la prima cosa che ci passa nel cervello. E invece, caro cecco, ti permetti di criticare gente che ha svolto una vita di precariato, perché ci sono persone con 25 anni di supplenze sul gobbo, senza malattia, senza ferie, pagati per nove mesi e licenziati in estate che avrebbero preferito il precariato alla deportazione lontano dalla famiglia, e poi te ne esci con questo post campato per aria.
Francamente ti avrei fatto provare la medicina per sei mesi, dopodiché avrei accettato qualsiasi tuo parere, e le tue idee di biberon.
Sono tutti XXXXX col XXXX degli altri.

cecco
Messaggi: 535
Iscritto il: mar 21 ott 2014, 00:48

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da cecco » sab 05 set 2015, 13:31

Antonio Sciortino ha scritto:Non capisco cosa ci azzecchi questo ultimo post. Sarebbe bello copiare dai tedeschi non solo l'austerity, ma la voglia e il desiderio di informarsi invece di scrivere la prima cosa che ci passa nel cervello. E invece, caro cecco, ti permetti di criticare gente che ha svolto una vita di precariato, perché ci sono persone con 25 anni di supplenze sul gobbo, senza malattia, senza ferie, pagati per nove mesi e licenziati in estate che avrebbero preferito il precariato alla deportazione lontano dalla famiglia, e poi te ne esci con questo post campato per aria.
Francamente ti avrei fatto provare la medicina per sei mesi, dopodiché avrei accettato qualsiasi tuo parere, e le tue idee di biberon.
Sono tutti XXXXX col XXXX degli altri.
Tu non sai nulla di me, non sai se sono precario o se lo sono stato. Non sai quanto ho tribolato o tribolo nella vita per mantenermi.
Rispetto la tua idea ma non la condivido.
Penso che l'idea di un posto di lavoro fisso non sia ne' un diritto ne' la risoluzione della situazione economica attuale.
(Per esperienza, se vuoi continuare il dialogo, evita le offese: arriva un amministratore e chiude il topic! :D
Io ho le spalle larghe e mi puoi insultare quanto ti pare, anche se non credo che con gli insulti si può andare tanto lontano.... :wink: )

Antonio Sciortino

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Antonio Sciortino » sab 05 set 2015, 13:37

Io non ti ho offeso e non ho intenzione di farlo. Di te so che non conosci la situazione di un supplente breve che cambia 80 classi in un anno partendo alla ventura e scoprendo il posto dove andrà a spaccarsi le corna la mattina stessa. È angosciante da morire, se hai disabili in famiglia che devi parcheggiare la mattina o il pomeriggio e non sai quando tornerai. E da dove. Se ti ammali ti danno il 50% dello stipendio meno cinque euro, cioè 15 euro al giorno fino a 30 giorni all'anno. Poi TI CACCIANO. LICENZIATO. Le ferie non te le concedono e non te le pagano. Finta. In estate una pedata e fuori. Non servi.
Se tu avessi provato questo, non parleresti come parli.
Io ho le spalle strette, accetto i pareri motivati ma sono stufo di gente che parla del gusto del vino essendo astemio. Prova e mi dirai.
Io trovo che tu non abbia titolo per criticare. E lo hai fatto. E meriti di essere corretto. Ma non a parole.
Prova la medicina oppure non criticare.
A me le persone che criticano ciò che non conoscono stanno addirittura su due posti.

Antonio Sciortino

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Antonio Sciortino » sab 05 set 2015, 13:47

Aggiungo che il CONCORSO era su base regionale. La legge cosiddetta della "buona scuola" ha costretto tutti a fare domanda di assunzione, perché era specificato che le graduatorie piene del nostro SANGUE sarebbero state abolite. Invece verranno esaurite, cosa che si è saputa dopo la scadenza del termine suicida, perché il MIUR vi è stato costretto dal consiglio di stato, che in caso diverso avrebbe mandato a monte tutto.
Quindi io vinco un concorso in Sardegna nel 1995, nel 2015 una legge pretende che io debba fare domanda di assunzione in tutta ITALIA, e un tale se ne esce con questa affermazione.

Prima del concorso era specificato che poteva avere un trasferimento, bastava non farlo, e se non lo vuole può rinunciare: ci saranno altre persone ben felici di sostituirla.
La legge è stata pubblicata il 16 luglio, domande da prodursi entro il 14 agosto, con specificazioni arrivate DOPO, come la storia delle province a coda e a pettine.

Le regole fatte DOPO la domanda.

DOPO DOPO DOPO il concorso

e poi se ci incazziamo arriva qualcuno che ci insulta, TROLL su internet o semplici utenti che detestano gli insegnanti perché odiavano la scuola, e si mettono a CRITICARE NOI, senza sapere cosa ci è stato fatto, solo perché volevamo il rispetto DELLE REGOLE.

O ALMENO REGOLE CERTE.

INFORMARSI PRIMA DI PARLARE.

e parlare a ragion veduta.

IO non critico ciò che non conosco.

Pretendo ALTRETTANTO.

Antonio Sciortino

Re: Insegni musica a Pesaro? .. Bene vai a Trapani!!

Messaggio da Antonio Sciortino » sab 05 set 2015, 14:13

Volevo editare ma aggiungo:

Ho l'abilitazione presa in concorso, che ho superato. Quindi il concorso l'ho fatto, non mi sono infilato in GRADUATORIA perché sono bello, non lo sono. Con regole cervellotiche hanno assunto molto prima di me gente che concorsi non ne ha fatto ne' tantomeno superato MAI. Non essendo stato assunto nonostante il concorso, ho avuto titolo a fare il supplente. Ogni anno 12 punti. Se non lavori ti passando davanti. Ne discende che devi pigliare tutto, ti convenga o ti costringa a stare un anno in un isoletta con le capre. Dopo 25 anni di questa meravigliosa situazione, e dopo che le varie riforme ti piazzavano davanti in graduatoria i neolaureati, perché la loro abilitazione valeva 4 volte la tua, chissà perché DIAVOLO, e chi lavorava a 2 km da casa ma a 600 metri di altezza, col doppio punteggio, MOLTI che avevano maturato anni di esperienza e competenze SUDATE col SANGUE in scuole DIFFICILI e trascurando LA PROPRIA VITA, eccoli esclusi magicamente. Per fortuna il miur è stato costretto a non abolire le graduatorie provinciali, ma chi resterà escluso non lavorerà per anni, perché esiste un vincolo che limita il servizio a 36 mesi. E questi ne hanno 200 di mesi di servizio.
E tutto ciò si sapeva a morsi e a pizzichi, perché il maxiemendamento è arrivato a ridosso della pubblicazione, senza circolari e senza FAQ. Abbiamo prodotto domanda alla cieca, sulla base di affermazioni Del ministro e dei sottosegretari che si smentivano a vicenda.
Non lo sapevano manco loro, per molti versi, cosa diavolo sarebbe successo.
E allora, chi è finito a UDINE da TRAPANI in base ad un maxiemendamento scritto su due piedi e specificato a BABBO MORTO deve essere felice? Non credo io, deve ricorrere e vincerà, perché molti aspetti della riforma sono quantomeno dubbi, sul piano della certezza del diritto e dei principi della pubblica amministrazione.
Volere stravolgere qualcosa per dire di aver fatto una riforma è già discutibile di per sé. Farlo senza aver previsto il caos che sta succedendo è anche peggio. Riuscire a fare passare un qualcosa di forzoso e ingiusto per lacrimevolità di una categoria di LAUREATI; ABILITATI e costretti a sudarsi il punteggio CORRENDO COME LE FORMICHE che incassano quanto un apprendista, beh, un tantino fa venire i giramenti, e non alla testa.
I docenti precari delle GAE pretendono rispetto e che la loro situazione sia conosciuta prima di DARE FIATO AI POLMONI.
Altrimenti, e noi siamo una milionata, gli insegnanti in ITALIA, aspettatevi solidarietà altre categorie quando verranno conculcati i vostri diritti.
SOLO CON NOI ci si accanisce.

Torna a “Art Cafè”