Timbro delle chitarre

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
paolor
Messaggi: 892
Iscritto il: lun 03 mag 2010, 12:32
Località: Bologna

Timbro delle chitarre

Messaggioda paolor » lun 03 mag 2010, 15:25

Posseggo una Manuel Raimundo del 79 (senza un modello indicato, forse prodotta quando ancora la produzione era semiartigianale) e ne sono abbastanza soddisfatto. Lo strumento è intonato, il timbro è discreto ed il volume, per una chitarra da studio, è accettabile. La tastiera, forse, è il punto più dolente, ma almeno quando uso un'altra chitarra mi sembra di volare.
In ogni modo, pur essendo abbastanza soddisfatto della mia chitarra, ho iniziato a guardarmi attorno per cercare quella che le succederà. Sono stato in Spagna, con l'occasione ho provato un po' di strumenti di liuteria prodotti nella zona di Siviglia e, sorpresa, non me ne piaceva nessuno. Anche le chitarre che loro definiscono "classiche" hanno, al mio orecchio, un suono troppo da "flamenco", acuto, asciutto e privo della morbidezza che stavo cercando. (Premetto, a me non entusiasma neanche il suono della Ramirez da concerto del mio maestro).
Insomma, mi sono reso conto che il liutaio e, forse, il luogo geografico influenzano enormemente il suono dello strumento, e mi sono fatto una domanda.
Qualcuno ha mai stabilito una serie di parametri oggettivi con i quali si possa battezzare il timbro di un certo liutaio, in modo poi da poter ridurre la cerchia degli strumenti da provare per trovare quello che veramente si cerca?
Paolo.

idgold
Messaggi: 69
Iscritto il: mer 24 mar 2010, 19:03
Località: Padova

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda idgold » lun 03 mag 2010, 23:41

Sicuramente la mano del liutaio determina il timbro, ma credo che definire dei parametri come intendi tu sia comunque limitativo rispetto al concetto che si vuole esprimere, la "misura" esprime, appunto, quello che misuri ma nulla altro e così il timbro di uno strumento è più di un insieme di frequenze acustiche, è un insieme di percezioni e di emozioni, queste ultime non saprei come parametrizzarle e nemmeno lo vorrei fare.
Azzardo un paragone enologico: bianco, rosso, rosè (fino a qui è facile), dolce, secco .... fruttato ... ehm .. che altro? Meglio assaggiare e rendersi conto di persona. :)

L'argomento è molto interessante, attendo di leggere il parere di qualcuno più esperto di me.

Andrea
Andrea

Avatar utente
paolor
Messaggi: 892
Iscritto il: lun 03 mag 2010, 12:32
Località: Bologna

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda paolor » mar 04 mag 2010, 17:22

idgold ha scritto:Sicuramente la mano del liutaio determina il timbro, ma credo che definire dei parametri come intendi tu sia comunque limitativo rispetto al concetto che si vuole esprimere, la "misura" esprime, appunto, quello che misuri ma nulla altro e così il timbro di uno strumento è più di un insieme di frequenze acustiche, è un insieme di percezioni e di emozioni, queste ultime non saprei come parametrizzarle e nemmeno lo vorrei fare.
Azzardo un paragone enologico: bianco, rosso, rosè (fino a qui è facile), dolce, secco .... fruttato ... ehm .. che altro? Meglio assaggiare e rendersi conto di persona. :)

L'argomento è molto interessante, attendo di leggere il parere di qualcuno più esperto di me.

Andrea

Sul fatto che la cosa più importante, alla fine, sia la prova nessun dubbio, i parametri in gioco sono troppi e troppo difficilmente definibili. Quello che mi piacerebbe è una sorta di guida che consenta di scremare fra le migliaia di soluzioni possibili qualche decina fra le quali iniziare una ricerca mirata. Insomma, per riprendere il paragone con il vino, l'equivalente di una guida enologica che mi dica, ad esempio, che le chitarre di tizio sono asciutte e squillanti, con un attacco velocissimo ed un altrettanto rapido decadimento, mentre quelle di caio sono morbide e con molto sustain e quelle di sempronio sparano come dei cannoni ma sono povere di armonici. Poi, ovviamente, proprio come per il vino, l'assaggio.
Ciao Paolo.

chitarra

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda chitarra » mar 04 mag 2010, 21:03

Ciao, è molto difficile dire: le chitarre di tizio hanno quella caratteristica piuttosto che quell'altra. Purtroppo come tutti sanno è impossibile costruire 2 chitarre classiche uguali. Anche se rispetti al centesimo di millimetro dimensioni e misure (e chiaramente tipi di legno) la resa sarà sempre diversa
Dovrai provarne un bel po' prima di trovare quella che fa per te.
Ti consiglio però di non accanirti troppo nella ricerca, rischieresti di andare in confusione e trovare regolarmente "qualcosa che non va in tutte le chitarre che provi"
In bocca al lupo

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4021
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda Massimo Di Coste » mer 05 mag 2010, 04:59

la lista che cerchi non esiste! devi conoscere i liutai e sentire i loro strumenti! Il progetto costruttivo determina il timbro, come anche i legni usati, quindi è bene che tu ti faccia un pò di giri...ma anche parlando al telefono con un liutaio questo ti può dire che tipo di suono realizza sul suo strumento! tu cerchi, da quello che capisco, un suono più rotondo, più avvolgente, più sentimentale (sei come me :) ), e quindi devi muoverti di conseguenza. In Italia ci sono fior di liutai, molti dei quali (se non addirittura la maggior parte) costruiscono perseguendo il tipo di suono che piace a te. Di nomi te ne potrei fare, non hai che da chiedere, ma poi se tu che devi sperimentare con le tue orecchie....

saluti! :bye:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Avatar utente
paolor
Messaggi: 892
Iscritto il: lun 03 mag 2010, 12:32
Località: Bologna

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda paolor » mer 05 mag 2010, 12:19

Massimo Di Coste ha scritto:la lista che cerchi non esiste! devi conoscere i liutai e sentire i loro strumenti! Il progetto costruttivo determina il timbro, come anche i legni usati, quindi è bene che tu ti faccia un pò di giri...ma anche parlando al telefono con un liutaio questo ti può dire che tipo di suono realizza sul suo strumento! tu cerchi, da quello che capisco, un suono più rotondo, più avvolgente, più sentimentale (sei come me :) ), e quindi devi muoverti di conseguenza. In Italia ci sono fior di liutai, molti dei quali (se non addirittura la maggior parte) costruiscono perseguendo il tipo di suono che piace a te. Di nomi te ne potrei fare, non hai che da chiedere, ma poi se tu che devi sperimentare con le tue orecchie....

saluti! :bye:

Sì, cerco proprio un suono caldo (anche se un buon attacco della nota non mi fa schifo). Ti sarei grato dei nomi, ed anche, se le hai mai sentite, di un commento sulle chitarre di Paolo Coriani, che non ho mai avuto occasione di sentire ma che, oltre ad essere relativamente in zona per me, mi sembra una ottima persona (perchè secondo me non basta saper fare buoni strumenti, mi aspetto anche che un liutaio sia in grado di interagire con l'acquirente per indirizzarlo nel modo giusto).
Grazie, Paolo.

maxber
Messaggi: 508
Iscritto il: lun 04 dic 2006, 22:20
Località: Bologna

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda maxber » mer 05 mag 2010, 14:52

Per esperienza diretta posso dirti che le chitarre di Paolo Coriani rispondono alle caratteristiche che tu cerchi

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4021
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda Massimo Di Coste » mer 05 mag 2010, 15:51

Le chitarre di Paolo Coriano non le ho mai viste, se non in foto...ne parlano bene ma non posso esprimere giudizi! se vuoi qualche nome ti posso dire: Gabriele Lodi (emilia), Luciano Maggi (Toscana-Arezzo), Maurizio Foti (Milano), Roberto Ceretti (Cuneo), Silvia Zanchi (Bergamo), Emanuele Marconi (Milano)...e poi ci sono i più blasonati, ma purtroppo anche carissimi, come Luca Waldner e Enrico Bottelli, ed altri che che ora non rammento....Insomma ne hai di scelta per quel tipo di suono che cerchi tu, altro che Spagna!!!!! :)

:bye:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....

(preghiera andalusa)

Avatar utente
paolor
Messaggi: 892
Iscritto il: lun 03 mag 2010, 12:32
Località: Bologna

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda paolor » gio 06 mag 2010, 01:06

maxber ha scritto:Per esperienza diretta posso dirti che le chitarre di Paolo Coriani rispondono alle caratteristiche che tu cerchi

Tu ne hai una? Non è che hai registrato qualcosa?
Grazie, Paolo.

maxber
Messaggi: 508
Iscritto il: lun 04 dic 2006, 22:20
Località: Bologna

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda maxber » gio 06 mag 2010, 08:14

paolor ha scritto:
maxber ha scritto:Per esperienza diretta posso dirti che le chitarre di Paolo Coriani rispondono alle caratteristiche che tu cerchi

Tu ne hai una? Non è che hai registrato qualcosa?
Grazie, Paolo.


No, ho solo potuto provarle, condivido comunque la lista di liutai inserita da Massimo, e poi cerca nell'usato ci sono in giro ottime occasioni. Credo che sia ancora in vendita su questo sito una Maurizio Foti nuova a un prezzo molto interessante

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4021
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: Timbro delle chitarre

Messaggioda Massimo Di Coste » gio 06 mag 2010, 08:47

se cerchi uno strumento dal suono davvero ma davvero intimo, avvolgente e ricco di sentimento, posso consigliarti Ceretti Roberto come liutaio! le sue chitarre suonano esattamente così...hanno un grande sentimento, ed il costo è davvero tra i più onesti in assoluto...dovresti sentirne qualcuna, se vuoi in privato ti segnalo dei video su you tube dove alcuni interpreti suonano sue chitarre, puoi farti un'idea anche se dal vivo è tutta un'altra cosa (fidati)!!!! :)
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....

(preghiera andalusa)


Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot], GiovanniDS, JJBB, Pasquale Mamone e 4 ospiti