.... e della Alhambra Luthier India...?

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
delupid2
Messaggi: 66
Iscritto il: ven 09 set 2011, 15:34

.... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da delupid2 » mer 09 ott 2013, 14:11

qualcuno ha mai provato questo modello? che impressione ne avete ricevuto?

LUCA.P
Messaggi: 329
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da LUCA.P » mer 09 ott 2013, 18:30

delupid2 ha scritto:qualcuno ha mai provato questo modello? che impressione ne avete ricevuto?
Io l' aquistai nel 2006 e mi trovo bene, forse non ha i bassi con la rotondita che speravo.Il sol (la terza corda) non e' il massimo come bellezza di suono, difficile anche da intonare all'accordatura.
Rende bene per suonare Bach e musica barocca. Non so quanto costi oggi io la pagai 2700 euro nel 2006 , forse con la stessa cifra si puo' trovare di meglio.
Perché rimane comunque un prodotto di liuteria industriale. Esce verniciata a nitro ,non conosco questa vernice ,ma la casa produttrice afferma essere una vernice simile alla gommalacca. Io non lo credo affatto,ma cosi' mi scrissero pochi mesi dopo i produttori da Muro de Alcoy (SPAGNA) dopo mia lettera .Essi specificarono che dal modello 8p in su, nei loro strumenti non vi era vernice poliuretanica,ma vernicie nitro data pero' a spruzzo .
Comunque dovessi tornare indietro forse cambierei cercherei di meglio.
P3050293 (528x550).jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Campan

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da Campan » gio 10 ott 2013, 19:41

Ho avuto una Alhambra Luthier India nuova di zecca, abete tedesco e palissandro indiano: suono brillante (soprattutto i cantini) e molto equilibrato (frutto, credo -ho sbirciato all'interno- di un sistema di incatenature atipico, assolutamente simmetrico). Anche se i bassi non erano proprio il massimo della profondità, prometteva comunque un ottimo sviluppo negli anni (sperimentando anche le corde più adatte). Ma... non ho fatto in tempo :mrgreen: perché l'ho presto permutata con uno strumento già ben maturo che mi ha conquistato immediatamente, diventato oggi la mia intoccabile regina in abete. :ouioui:
Se ti capita, dunque, ne consiglio l'acquisto, ma io l'avevo pagata (al buio, certo) meno della metà del miglior prezzo on line... :wink:
:bye:

Avatar utente
setras
Messaggi: 1525
Iscritto il: mer 06 ott 2010, 22:56

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da setras » gio 10 ott 2013, 22:01

Also Sprach Curdà


Ottima recensione
Thank you very match !

LUCA.P
Messaggi: 329
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da LUCA.P » gio 07 nov 2013, 06:39

LUCA.P ha scritto:
delupid2 ha scritto:qualcuno ha mai provato questo modello? che impressione ne avete ricevuto?
Io l' aquistai nel 2006 e mi trovo bene, forse non ha i bassi con la rotondita che speravo.Il sol (la terza corda) non e' il massimo come bellezza di suono, difficile anche da intonare all'accordatura.
Rende bene per suonare Bach e musica barocca. Non so quanto costi oggi io la pagai 2700 euro nel 2006 , forse con la stessa cifra si puo' trovare di meglio.
Perché rimane comunque un prodotto di liuteria industriale. Esce verniciata a nitro ,non conosco questa vernice ,ma la casa produttrice afferma essere una vernice simile alla gommalacca. Io non lo credo affatto,ma cosi' mi scrissero pochi mesi dopo i produttori da Muro de Alcoy (SPAGNA) dopo mia lettera .Essi specificarono che dal modello 8p in su, nei loro strumenti non vi era vernice poliuretanica,ma vernicie nitro data pero' a spruzzo .
Comunque dovessi tornare indietro forse cambierei cercherei di meglio.
P3050293 (528x550).jpg
Poco dopo aver scritto questa recensione,navigando nel forum mi sono imbattuto nel problema dell'action,cosi' rimontai nella chitarra il suo ponte originale
(la chitarra viene fornita con due ponti o ossi-ma a me sembrano di plastica-), L'avevo tolto anni addietro per inserirci un mio di grafite modificato abbastanza basso per suonare piu' agevolmente. Beh,una volta tolto e rimontato una muta nuova d'Addario exp 45 normal,devo ammettere che ne uscito
un suono molto piu' bello , sia in risonanza armonica che in timbro. Devo percio' rivalutare la mia recensione precedente che e' stata un po' troppo severa.
Saluti

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 468
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da ilMarzio » dom 10 nov 2013, 07:21

La vernice alla nitrolacca è abbastanza affine alla gommalacca e può contenerne una discreta percentuale.
Però fa più spessore, specie quando data a spruzzo.
Usata così è quasi altrettanto facile e quasi altrettanto veloce da lucidare di una poliuretanica.
Era il modo in cui si verniciavano gli strumenti "di serie" nella bottega del mio primo maestro.

Il grosso vantaggio rispetto alla poliuretanica è la facilità con cui si fanno eventuali ritocchi, paragonabile a quella della gommalacca vera e propria.
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

LUCA.P
Messaggi: 329
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da LUCA.P » dom 10 nov 2013, 12:35

Mah? Io ho sverniciato in tutto, tre chitarre compreso la luthier. Le altre due erano yamaha GC30 e Alhambra 2C(questa fu la prima ,la sverniciai per prova)
sicuramente Yamaha e Alhambra 2c erano verniciate a poliuretano. Devo dire che non ho notato nessuna agevolazione pratica nel sverniciare la luthier.
Stesso tempo ,stessa durezza titanica impenetrabile e Stesso tipo di polvere.
Poi dopo sei mesi che avevo verniciato l'alhambra luthier a gommalacca,durante un cambio corde ,vicino al ponte mi e' scivolato il cacciavite (per stringere le meccaniche)e mi aveva procurato una piccola lesione della tavola. Sverniciai in un baleno la tavola armonica ripresi il segno con stucco. Questo per dire quanto e' delicata , ma anche pratica la vernice a gommalacca

matteor13

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da matteor13 » ven 29 nov 2013, 19:08

l'alhambra è sempre stata secondo me un'ottima marca..
mi piace molto il suono e sono affidabili però secondo me con un budget di 2000 euro ci potevi trovare chitarre migliori..andando un po' più su con il prezzo secondo me potevi anche andare sulla liuteria :okok: ma comunque mi piace molto sia come suono che di estetica :ouioui:

delupid2
Messaggi: 66
Iscritto il: ven 09 set 2011, 15:34

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da delupid2 » mar 07 gen 2014, 17:12

si ok la literia.
Pertò mettetevi nei panni di uno che deve andare da un liutaio, provare solo un tipo di strumento (se lo ha disponibile) senza poterlo confrontare con altri, ordinarne uno e sperare che ciò che hai sentito sia ciò che ti arriverà dopo un pò. Inoltre in negozio puoi dare in permuta una tua chitarra, puoi effettuare un pagamento a rate.
questa è la ragione per cui alla fine si scegle il negozio e la chitarra di marca

Campan

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da Campan » mar 07 gen 2014, 18:45

E' ovvio che dal liutaio artigiano si va quando si può frequentarlo, così lo si conosce a fondo e si stabilisce anche un rapporto umano... :wink:
:bye:

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 840
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da Carmine Nobile » mer 08 gen 2014, 00:27

Campan ha scritto:E' ovvio che dal liutaio artigiano si va quando si può frequentarlo, così lo si conosce a fondo e si stabilisce anche un rapporto umano... :wink:
:bye:
Ben detto.

LUCA.P
Messaggi: 329
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: .... e della Alhambra Luthier India...?

Messaggio da LUCA.P » sab 09 set 2017, 15:30

LUCA.P ha scritto:
gio 07 nov 2013, 06:39
LUCA.P ha scritto:
delupid2 ha scritto:qualcuno ha mai provato questo modello? che impressione ne avete ricevuto?
Io l' aquistai nel 2006 e mi trovo bene, forse non ha i bassi con la rotondita che speravo.Il sol (la terza corda) non e' il massimo come bellezza di suono, difficile anche da intonare all'accordatura.
Rende bene per suonare Bach e musica barocca.
AGGIORNAMENTO....Devo rettificare ancora queste mie opinioni sullo strumento che suono, perché oggigiorno ( anno 2017) il suono è migliorato e la chitarra suona bene tutti i generi musicali , con la sonorità spagnola tipica della tavola in cedro. Si accorda bene, anche per merito dell'intonazione a 432 - 435 herz ( corde D'addario Exp 46 hard tension)
Ho però rimontato un altro ponticello più basso ( per agevolare meglio l'action) perdendo un minimo di potenza.
Sono finalmente soddisfatto!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Torna a “Liutai, luthiers”