chitarra accordata

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3504
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: chitarra accordata

Messaggio da Gabriele Gobbo » dom 02 ago 2015, 14:11

In definitiva, sono d'accordo con Ferdinando. Lo stress della tensione delle corde, per me, è maggiore quando si suona, che non quando la chitarra resta ferma. Dunque se regge mentre per anni è suonata regolarmente, a maggior ragione dovrebbe reggere se rimane ferma, per quanto sotto la tensione costante delle corde tese.
Altro discorso è se non suonandola la si abbandona in luoghi non adatti, magari umidi come una cantina oppure fuori dalla custodia, in balia degli sbalzi di umidità dovuti ad una giornata ventosa o al condizionatore. Insomma l'incuria la danneggerà certamente, perché condizioni sfavorevoli, in un arco di tempo lungo, prima o poi si verificano sempre. Indipendentemente dal fatto che le corde siano tese oppure no.
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 866
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: chitarra accordata

Messaggio da Marco B. » dom 02 ago 2015, 18:34

D'accordo Gabriele, a me succede che le chitarre che non suono spesso,quando lo faccio sono afone e ci vuole un po' per slegarle. Quindi lo stress non strutturale ma dovuto alle corde agisce quando si suona mettendo in moto il sistema della T.A. ecc. e quando la chitarra tace è come se fosse in stand by.

doge

Re: chitarra accordata

Messaggio da doge » mar 04 ago 2015, 12:27

Marco B. ha scritto:D'accordo Gabriele, a me succede che le chitarre che non suono spesso,quando lo faccio sono afone e ci vuole un po' per slegarle. Quindi lo stress non strutturale ma dovuto alle corde agisce quando si suona mettendo in moto il sistema della T.A. ecc. e quando la chitarra tace è come se fosse in stand by.
Questo è vero... :okok: :bye: Doge.

Avatar utente
walterkonrad
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 30 mar 2017, 12:46
Località: monza

Re: chitarra accordata

Messaggio da walterkonrad » mer 19 apr 2017, 11:10

Le corde non vanno allentate. Il legno in condizioni di umidità e temperatura corrette si stabilizza. Continuando ad allentare e tirare si aumenta l'elasticità del legno a causa di uno sfibramento interno che ne riduce la resistenza. Questa è fisica, non musica :). Anche quando si cambiano le corde, a meno di pulizie importanti, è bene cambiarle una alla volta. Pensate a degli ammortizzatori a molla di una moto... dopo tante escursioni tendono a perdere la ridigità che garantisce il confort. Basta una piccola buca e vanno a fine corse a causa delle continue escursioni che con il tempo ne hanno modificato la struttura molecolare... per il legno è la stessa cosa
"imparerò a suonare! In questa vita o nell'altra"

awana
Messaggi: 672
Iscritto il: lun 11 gen 2010, 13:20
Località: Provincia di Modena

Re: chitarra accordata

Messaggio da awana » mer 19 apr 2017, 13:54

walterkonrad ha scritto:Anche quando si cambiano le corde, a meno di pulizie importanti, è bene cambiarle una alla volta.
Non ho capito cosa significhi cambiarle una alla volta . . . :bye:

Avatar utente
walterkonrad
Messaggi: 29
Iscritto il: gio 30 mar 2017, 12:46
Località: monza

Re: chitarra accordata

Messaggio da walterkonrad » mer 19 apr 2017, 14:14

awana ha scritto:
walterkonrad ha scritto:Anche quando si cambiano le corde, a meno di pulizie importanti, è bene cambiarle una alla volta.
Non ho capito cosa significhi cambiarle una alla volta . . . :bye:
Togli una vecchia e metti quella nuova e così via... evitando di allentare totalmente la tensione
"imparerò a suonare! In questa vita o nell'altra"

Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 8 ospiti