Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
alegrass
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 15 mar 2017, 23:23

Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alegrass » ven 17 mar 2017, 04:05

Buongiorno a tutti, sono nuovo del forum, da qualche giorno mi è arrivata questa Sanavia del 1947 con il tasto 0.
Premetto che sono un vero principiante ed ignorante di strumenti di questo tipo.
Chiedo se qualcuno del forum sia a conoscenza di altri esemplari del maestro Leone su questa linea (piccola, leggera, legni sottili, cassa relativamente poco profonda, con tasto 0).
Un' altra cosa che mi crea dei dubbi sull' intenzione con cui sia nata questa chitarra ( classica, acustica, simil manouche) sono le meccaniche usate che sembrerebbero da acustica, lo dico per via del sottile spessore dei perni su cui si arrotolano le corde ( vi garantisco che non ci sono segni di modifiche o sostituzioni). Tre catenature parallele sia sul fondo che sul top.
Ribadisco che sono davvero ignorante riguardo a strumenti di questo tipo così datati, per cui ringrazio fin da adesso chi volesse aiutarmi a capire qualcosa in più di questa chitarra e magari di quel periodo del primissimo dopoguerra in cui il maestro Sanavia riprendeva a fare strumenti.
...da dire c'è che è davvero molto risonante sia con corde da classica che con quelle da acustica con cui l' ho trovata...una vera sorpresa!!!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

alessandro lienzo
Messaggi: 1217
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alessandro lienzo » ven 17 mar 2017, 22:58

Parto dal principio, Romanillos ha la fissa per Torres, io per Sanavia.
Ne ho provate almeno 5 ed una la possiedo e ne conosco almeno 4 simili alla mia e dello stesso Anno, tutte in mano a chitarristi gelosi di possederla e di grande importanza.
Sanavia per fortuna o per mancanza non é citato nel libro di Gilardino sulla liuteria e da un lato me ne dispiace perché é uno dei migliori liutai italiani con Gallinotti e De Bonis e pochi altri dall'altro lato non ha fatto aumentare i prezzi senza motivo come é capitato con alcuni liutai.
Della sua vita sappiamo che ha lavorato come restauratore di mobili antichi in Francia e poi vicino Venezia.
Per sfida E passione ha iniziato a costruire negli anni 30 i primi violini, abbastanza stimato anche nelle aste dove troviamo una sua viola venduta a 5000 euro. Inizia a fare anche chitarre e fin ora questa del 47 che vedo da molto tempo Negli annunci e che sono felice hai preso tu, é la più vecchia di cui ho notizie.
Dalla metà degli anni 50 in poi grazie a Mario Gangi, uno dei migliori chitarristi italiani del secolo scorso, il liutaio ha raffinato i suoi strumenti e negli anni 60 ne ha costruiti di stupendi.
Sanavia era una persona umile e così sono le sue chitarre, costruite con perizia e senza sbavature ma senza neanche tanti fronzoli.
Secondo le mie ricerche si é ispirato alla scuola Italiana con Gallinotti capostipite e probabilmente avrà visionato le chitarre anche spagnole e tedesche.
purtroppo negli anni 70 fino alla cassata attività nei primi 80 ha utilizzato forme più grandi sulla scia delle Ramirez tradendo quel suono puro e lirico vicino alla scuola tedesca.
Sanavia si é concesso a volte modelli folk o ibridi, spesso modelli un po' strani come questo che hai tu. Nel tuo caso é una chitarra ottocentesca di base con una forma che si avvicina alle guadagnini. E qualche mozzani.
Puoi montate corde in ferro a tensione bassa, così come mi é stato detto da un liutaio competente, ma io preferirei il nylon. goditela e faccela sentire se puoi.
Questa chitarre però hanno il difetto di suonare bene solo con chi ha un tocco ed un attacco raffinato, costringono ad una continua attenzione e purtroppo ad ascoltarla in mani sbagliate ci si fa un idea non veritiera.
alessandro C.

davidemooo
Messaggi: 1187
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da davidemooo » sab 18 mar 2017, 12:04

alessandro lienzo ha scritto:Parto dal principio, Romanillos ha la fissa per Torres, io per Sanavia.
.
....non mi pare un paragone molto modesto!!! :wink:
La sapienza è con i modesti!

alessandro lienzo
Messaggi: 1217
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alessandro lienzo » sab 18 mar 2017, 12:23

davidemooo ha scritto:
alessandro lienzo ha scritto:Parto dal principio, Romanillos ha la fissa per Torres, io per Sanavia.
.
....non mi pare un paragone molto modesto!!! :wink:
Non é un paragone Sulle competenze, semplicemente così come Romanillos ha speso anni di ricerca su Torres a farne quasi una malattia, io nel mio piccolo sono legatissimo a questo liutaio e alla continua ricerca di informazioni.
Non so dove hai letto un mio improbabile paragone All arte di José. Piuttosto nella malattia mi ci riconosco.
alessandro C.

notarius
Messaggi: 162
Iscritto il: gio 09 set 2010, 11:26
Località: Treviso

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da notarius » sab 18 mar 2017, 17:22

Come cambia l'apprezzamento delle cose: quando ero ragazzo (fine anni 70 inizio anni 80) la gente vendeva le Sanavia per comprare le Novelli. Oggi leggo che le Sanavia sono collezionate ed apprezzate mentre le Novelli le trovi sul Mercatino a mille euro e anche meno. Come lo spieghiamo ?
Maurizio Viani

davidemooo
Messaggi: 1187
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da davidemooo » sab 18 mar 2017, 23:50

Come romanillos alle torres e lienzo a sanavia, cosi davidemooo alle novelli! Non toccatemi il povero Mario!!!
La sapienza è con i modesti!

alessandro lienzo
Messaggi: 1217
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alessandro lienzo » dom 19 mar 2017, 00:52

Le Sanavia non sono tutte di un livello eccelso, come ho già detto ed é comprensibile. Anche Gallinotti ha fatto brutte chitarre ingrandendo la plantilla.
Per fortuna il mito egemone é finito ed ora C'é una bella diversificazione.
Non posso giudicare le scelte dei chitarristi degli anni 80, evidentemente in quel momento novelli offriva qualcosa che piaceva.
La cosa che più non credo sia da sottovalutare é che questi strumenti Sono difficili da suonare, non perché scomodi o duri ma vanno toccate con cura e con un attacco sicuro. S diverso dalle kohno che suonano tonde e melodiose anche con una mano destra ignobile.
alessandro C.

Milonga del Ángel
Messaggi: 651
Iscritto il: gio 13 ott 2011, 23:14
Località: Cremona

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Milonga del Ángel » mar 21 mar 2017, 19:06

Ma mi sembra montare corde in metallo.
La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi[...]
- José Saramago -

alegrass
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 15 mar 2017, 23:23

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alegrass » gio 23 mar 2017, 03:45

Grazie alessandro lienzo per le molte informazioni e per aver risposto alla questione posta, come anche alessandro_frassi, meno agli altri...è un post che riguarda la chitarra in foto non un dibattito su chi sia il miglior liutaio.
Detto questo vi informo che con le Savarez da classica, tensione normale, suona bene e l' accordatura in ottava è di una precisione che non mi aspettavo, con Martin da acustica 0.10 però suona ancora meglio, caldissima e con un volume molto alto ( ripeto i legni sono sottilissimi e la chitarra è leggerissima) ...sento risuonare il manico come non mi era mai capitato con nessuna chitarra, tuttavia con queste corde il manico flette un po' troppo e va fuori accordatura. appena proverò con le 0.09 vi terrò informati del risultato. ho intenzione di fare un restauro conservativo, consigli su venezia-padova? grazie, saluti

Milonga del Ángel
Messaggi: 651
Iscritto il: gio 13 ott 2011, 23:14
Località: Cremona

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Milonga del Ángel » gio 23 mar 2017, 08:43

Scusa, fammi capire, forse mi sfugge qualcosa, sono state messe corde da acustica (in metallo) su una classica? In tal caso per forza il manico flette.
La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi[...]
- José Saramago -

notarius
Messaggi: 162
Iscritto il: gio 09 set 2010, 11:26
Località: Treviso

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da notarius » gio 23 mar 2017, 09:32

So che Marco Maguolo a Favaro Veneto (VE) ha già restaurato chitarre Sanavia con successo.
Maurizio Viani

alessandro lienzo
Messaggi: 1217
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alessandro lienzo » gio 23 mar 2017, 09:40

In Veneto mi affidarei a Maguolo anche io
alessandro C.

Milonga del Ángel
Messaggi: 651
Iscritto il: gio 13 ott 2011, 23:14
Località: Cremona

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Milonga del Ángel » gio 23 mar 2017, 20:10

Mi sa che quelle corde hanno fatto danni.
La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi[...]
- José Saramago -

Balaju
Messaggi: 666
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Balaju » gio 23 mar 2017, 22:36

Secondo me questa Sanavia non è stata concepita come chitarra classica. E' una chitarra acustica a tutti gli effetti, e io continuerei a montarci corde in metallo, ma a tensione extra light (cantino 010).
Balaju

Milonga del Ángel
Messaggi: 651
Iscritto il: gio 13 ott 2011, 23:14
Località: Cremona

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Milonga del Ángel » gio 23 mar 2017, 23:42

Si, ma occorre esserne sicuri, di persone che hanno montato le corde in metallo sulla classica ne ho vista più di una.
La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi[...]
- José Saramago -

Torna a “Liutai, luthiers”