Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
alegrass
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 15 mar 2017, 23:23

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alegrass » ven 24 mar 2017, 12:55

...specfico: nn riuscendo a classificala chiaramente come acustica o classica ho provato entrambi i set di corde...non sono stati fatti danni alla chitarra. Dico che con la salatura da acustica 010 (messa provata e tolta) diventa crescente...nn ho ancora provato con 009 ma a sto punto mi fermo e mi affiderà ad un liutaio. Il fatto è che con corde in metallo rende di più....sembra quella la sua natura. Grazie a tutti per i consigli.

Balaju
Messaggi: 628
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Balaju » ven 24 mar 2017, 15:00

Con le corde in metallo tutte le chitarre diventano crescenti, a meno che non si accorci il primo tasto rispetto alla misura teorica.
Balaju

alegrass
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 15 mar 2017, 23:23

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alegrass » lun 27 mar 2017, 18:00

Balaju non ho intenzione di modificare in nessun modo quello che fece Sanavia 70 anni fa, ma solo di capire o ricostruire con l' aiuto di voi del forum quale sia o possa essere stata l'intenzione del maestro nel fare questo strumento che come classica rimane aripica.
Era usanza mettere le meccaniche così sottili in chitarre destinate a corde in nylon? qualcuno cortesemente può dirmi qualcosa su questo aspetto?...non ci sono segni di sostituzione. grazie a tutti

alegrass
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 15 mar 2017, 23:23

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alegrass » lun 27 mar 2017, 18:01

...come classica rimane atipica...sorry

Avatar utente
setras
Messaggi: 1522
Iscritto il: mer 06 ott 2010, 22:56

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da setras » mer 29 mar 2017, 01:32

La chitarra è sullo stile Posteggia tipo Calace ma montarci corde in ferro è terribbile
Monta corde in nylon tensione morbida e accordala mezzo tono sotto
Poi suonala pensando di essere un Gatto
Questi strumenti si suona così

Balaju
Messaggi: 628
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Balaju » mer 29 mar 2017, 14:49

Forse l'ottimo Setras ha inquadrato bene la chitarra in questione: chitarra "da posteggia". Considerando che è del 1947, mi pare però improbabile che sia nata per corde in nylon (casomai in budello). Ma le corde in budello costavano assai care e lo strumento non sembra essere particolarmente curato. Direi anzi che è uno strumento di classe economica, forse nato proprio per un uso "da posteggia"; e chi faceva questa attività - tranne rare eccezioni - veniva considerato al limite dell'accattonaggio.

http://www.quicampania.it/musica/la-pos ... etana.html

Pertanto non credo che su queste chitarre venissero montate le fragili e costose corde in budello. Tanto per dare un'idea, l'attuale accordatura rientrante del 'cuatro venezuelano' nasce proprio dal fatto che in passato il cantino di tale strumento costava quanto la paga giornaliera di un operaio, ed era talmente sottile e teso che si rompeva quasi subito; ecco perché i suonatori tradizionali lo hanno piano piano sostituito con una corda di calibro più grande, accordata però un'intera ottava sotto come nella tiorba.

Poiché, come già fatto notare anche in questo forum, le chitarre da posteggia venivano usate per accompagnare il canto, era normale adattarle alla propria voce abbassandone l'accordatura. Mi pare pertanto ottima l'idea di Setras di accordarla mezzo tono sotto o anche di più. Ma se è così che venivano usate, per i motivi di cui sopra ritengo più probabile che avessero corde metalliche e non in budello. Abbassando l'intonazione (e quindi la tensione delle corde) dovrebbe scomparire anche il fatto che le note tendano a crescere quando le corde vengono tastate.
Balaju

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1375
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Pietro » mer 29 mar 2017, 15:22

Balaju ha scritto:...Forse l'ottimo Setras ha inquadrato bene la chitarra in questione: chitarra "da posteggia". Considerando che è del 1947, mi pare però improbabile che sia nata per corde in nylon (casomai in budello). Ma le corde in budello costavano assai care...Balaju
Penso che Balaju abbia per il meglio inquadrato la questione e che lo strumento sia per corde in metallo, cosa tutt'altro che infrequente all'epoca; posto in tal senso un'immagine di una chitarra Monzino più o meno della stessa epoca che ho restaurato qualche tempo fa:
PICT2623 (640x383).jpg

Questa montava da sempre corde in metallo ed era stata suonata molto poco in quando essendo considerata quasi una reliquia.
Per le corde in metallo bisogna dire che spesso erano considerate un po' un ripiego in quanto le corde in budello costavano un botto e le prime corde in nylon non a tutti piacevano, ricordo un mio zio che a cavallo tra gli anni cinquanta e i sessanta del secolo scorso suonava con le corde metalliche pur preferendo quelle in budello ma... vorrei ma non posso... diceva, visto che si faticava a trovarle e il costo era proibitivo.

Cordialità - Pietro -
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Balaju
Messaggi: 628
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da Balaju » mer 29 mar 2017, 17:40

Ora che mi ci fai pensare, ricordo che il mio primo incontro ravvicinato con la "tuttacurve" fu circa 40 anni fa a casa di un mio zio che ne aveva due: una, sfondata in più punti, l'aveva probabilmente ereditata dal padre ed era tutta nera, non perché così colorata ma per la fuliggine che con il tempo si era come "crostificata" sulla superficie. L'altra, quella " buona" perché integra e più nuova (ma era già vecchia allora), mi pare fosse una Carmelo Catania (e non aggiungo altro...). Erano classiche, a fasce strette e con i pallini segnaposizione sulla tastiera, ma con il ponte da classica; entrambe però montavano corde in metallo ("le Dogal in busta verde", diceva orgogliosamente mio zio, ritenendole le migliori corde sul mercato...).
Mio zio è morto da poco. Non ho mai avuto un grande affetto verso di lui e non andavamo d'accordo. Ma forse l'amore per la chitarra me l'ha trasmesso quella volta lui, strimpellando quelle quattro note di boogie-woogie a note ribattute con il plettro, uno dei pochi brani che sapeva suonare...
Balaju

alegrass
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 15 mar 2017, 23:23

Re: Chitarra Leone Sanavia del 1947 con tasto 0

Messaggio da alegrass » mer 05 apr 2017, 08:48

Ringrazio tutti per le accurate informazioni e per i consigli. saluti

Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 8 ospiti