Chitarra del liutaio Marco Gilioli. Aggiunto foto

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1401
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Chitarra del liutaio Marco Gilioli. Aggiunto foto

Messaggio da Pietro » dom 23 lug 2017, 21:53

Concordo. La chitarra ideale non esiste come non esiste la donna ideale... ma ci si può avvicinare e anche di molto.
Penso che il problema possa essere risolto semplicemente parlandone francamente con il liutaio che qualche altro modello in costruzione o in casa lo avrà di sicuro.

Cordialità - Pietro -

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Chitarra del liutaio Marco Gilioli. Aggiunto foto

Messaggio da LUCA.P » dom 30 lug 2017, 23:10

Leggendo questa discussione ,per quanto anch'io non sia un esperto di liuteria, vorrei esortare a portare un poco di pazienza, lo strumento è nuovo
( molto molto bello ) e il liutaio avrà sicuramente spiegato che la tavola in abete ( e immagino anche le fascie e il fondo) non suonano bene subito,
ma richiedono maturazione ... va suonata molto. Sicuramente il prossimo anno avrà un suono super.
Purtroppo l'abete richiede pazienza , poi con gli anni ha una resa fenomenale.

Alfio
Messaggi: 147
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Chitarra del liutaio Marco Gilioli. Aggiunto foto

Messaggio da Alfio » lun 31 lug 2017, 14:22

Concordo, il cedro canta subito, l'abete deve farsi OK ma stiamo parlando di uno strumento di alta liuteria italiana, e vero che il prossimo anno sicuramente migliorerà ma la scintilla deve scattare subito, le caratteristiche positive globali dello strumento devono piacerti e devi sentirle subito non ci sono Santi, lo strumento deve incantarti dopo poche ore di prova ( anzi dopo poche note) altrimenti cessa lo scopo di andar per Liutai.
Il problema di farsi costruire uno strumento su commissione è proprio quello, che poi una volta finito ti prendi quello che viene fuori.
Io sono dell'idea che è molto meglio andare da liutai che hanno a disposizione parecchi strumenti già finiti e pronti alla prova e alla vendita, sicuramente c'è quello che ci fa innamorare.

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Chitarra del liutaio Marco Gilioli. Aggiunto foto

Messaggio da LUCA.P » lun 31 lug 2017, 17:19

Alfio ha scritto:
lun 31 lug 2017, 14:22
Io sono dell'idea che è molto meglio andare da liutai che hanno a disposizione parecchi strumenti già finiti e pronti alla prova e alla vendita, sicuramente c'è quello che ci fa innamorare.
Mi sa che questo sia veramente il miglior consiglio da seguire!

Balaju
Messaggi: 655
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chitarra del liutaio Marco Gilioli. Aggiunto foto

Messaggio da Balaju » mer 02 ago 2017, 11:14

Pubblicato nel blog di Luca Manassero, che saluto e spero non se ne abbia a male, riporto questo "Dialogo tra un liutista e un liutaio - 1551 & 1993" che il liutaio David Van Edwards aveva già pubblicato sul bollettino della Lute Society nel 1993.

*****************************************
Buying a lute, 1551

Good morrow, Master Laux; I wish to buy a lute.
Good morrow, kind Sir; here are 998 for you to choose from. Would you have it large, medium or small? If the 392 large lutes in this small chest are not your liking, I have another 175 upstairs.
Thank you, Master Laux; I will take this medium-sized one.

Buying a lute, 1993

I'd like to buy a lute please.
Ah, you'd like to order a lute. Do you want a 4-course for the medieval repertoire, or a 5-course for the 15th century, or a 6-course, which covers most of the 16th century, or a 7-course for the Elizabethan repertoire, or an 8-course which gives you just that little bit more flexibility, or a 9-course, which takes you up to late Dowland, or a 10-course for the early 17th century, or an 11-course for the French repertoire, or a 12-course, which was probably much more common than most people think, or a 13-course?
Erm...
Of course, there are two different kinds of 13-course
Of course.
Now for the string length, I can do you 45cm for a treble, or 53cm in a, or 60cm in g, or 57cm if you've got small hands, or 64cm in f# (that's a g lute at aA5, of course), or 67 cm in f, or 71cm in e, or 78cm in d, or 88cm in c, or 93cm for a great bass. Or I can do you a really little one if you want to use gut strings.
Erm...
Now you can have the body after Maler, or Frei, or Bosch, or Gerle, or Hieber, or Venere, or Magno Dieffopruchar the Elder, or Magno Dieffopruchar the Younger, or Hartung, or Greif, or Hess, or Hellmer, or Langenwalder, or Buechenberg, or Unverdorben, or Mest, or Raillich, or Giogio Sellas, or Matteo Sellas, or Coch, or Tielke, or Schelle, or Eberle, or Widhalm, or Christian Hoffmann, or Martin Hoffmann, or Ian Harwood, or Zachary Taylor.
Erm...
You can have the ribs in sycamore, or Bird's-eye maple, or figured ash, or unfigured ash, or plum, or cherry, or yew, or cypress, or rosewood, or kingwood, or snakewood, or walnut, or ebony, or wenge, or cocobolo, or cryptomeria, or ecologically justifiable very realistic imitation of ivory. I don't do fibreglass these days.
Erm...
You can have the neck in the style of...
No, no, don't bother about the neck.
Well the varnish can be either three parts linseed oil...
Look, do it however you like, please. How soon can you have it finished?
Erm...

*************************
Balaju :D :D :D

Torna a “Liutai, luthiers”