Aria A556 Opinioni

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
thlen
Messaggi: 103
Iscritto il: mer 21 gen 2009, 23:29
Località: palermo

Aria A556 Opinioni

Messaggio da thlen » sab 15 apr 2017, 13:53

Carissimi e gentilissimi amici, Vorrei quante più notizie riguardo questo strumento cioè l'ARIA A 556 con tavola in cedro perchè vorrei acquistarla e vorrei sapere se qualcuno l'ha provata e avere delle opinioni riguardo il suono , la costruziuone e se qualcuno più virtuoso e so che ci sono potesse scrivere riguardeo le differenza con yamaha della stessa categoria ne sarei grato
Gazie :bye:

boschina
Messaggi: 64
Iscritto il: mar 17 mar 2015, 10:07
Località: ostiglia(MN)

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da boschina » dom 16 apr 2017, 16:51

IO posseggo la A558, l'ho comprata usata circa 50 anni fa, il mio (ma penso non cambi molto dalla A556), è uno strumento straordinario, Ovviamente tenendo presente che non si tratta di una chitarra di liuteria, il suono non ha un grande volume anche se si fa "sentire" ha un equilibrio eccezionale fra bassi medi alti suoni, volume a parte, può competere con strumenti di ben altro valore, non sto esagerando, se qualcuno volesse provarla sono a completa disposizione, la mia non la venderei per nessun motivo, e non solo per una questione affettiva. Se puoi, sarei curioso di conoscere il prezzo che ti hanno chiesto. Ho anche una Yamaha la G245S è un buon strumento dal suono più corposo, forse la costruzione è più robusta, ma come qualità di suono è di gran lunga superiore la A558. Spero di aver chiarito i tuoi dubbi. Ciao

Alfio
Messaggi: 61
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da Alfio » dom 16 apr 2017, 19:40

Buona Pasqua.
Ultima modifica di Alfio il dom 16 apr 2017, 19:46, modificato 1 volta in totale.

Alfio
Messaggi: 61
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da Alfio » dom 16 apr 2017, 19:44

Concordo in tutto con Boschina, avevo una A 558, l'ho suonata per parecchi anni poi in un momento di follia lo venduta.
Feci un grande errore, non trovai mai più una chitarra industriale di quel livello, leggerissima suono equilibratissimo tastiera comodissima e grande proiezione.
Per il prezzo era una signora chitarra.
Penso che tra la A 558 e la A 556 non ci sia molta differenza, le Yamaha di pari valore sono buoni strumenti ma non possono competere, quindi se mi ascolti prendila al volo.
Buona Pasqua.

Alfio
Messaggi: 61
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da Alfio » dom 16 apr 2017, 19:59

Se ti può essere di aiuto, alcune informazioni su questi strumenti con allegato i due primi cataloghi.
viewtopic.php?t=19367#p169590

thlen
Messaggi: 103
Iscritto il: mer 21 gen 2009, 23:29
Località: palermo

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da thlen » lun 17 apr 2017, 05:21

Grazie infinite ad entrambi perchè siete riusciti in virtù delle vostre esperienze dirette a chiarire alcuni miei dubbi .Mi piace leggere questo tipo di risposte, mature e piene di esperienza, al contrario detesto letteralmente quegli stupidi interventi fatti per lo più da ragazzini che risultano intrisi di presunsione e assoluta ignoranza dei fatti, motivo questo che ha letteralmente fatto scappare fior fiori di professionisti dal forum, che spesso si sono trovati a discutere con gente immatura e poco umile. Grazie ve lo dico per questo, perchè siete stati freschi, semplici, appassionati e molto chiari nel riportare la vostra personale esperienza con uno strumento e questa è quella che dovrebbe essere l'anima di un forum innanzitutto un luogo pubblico dove incontrarsi tra persone piene di passione. Ho avuto nel giro di 3 anni le seguenti yamaha della serie g tutte dell'anno 1981: la g 235 II, la g 245 s la 255 sII (con il piano in cedro che poi è stata la mia preferita) e la 260 s. la cg 111s, la c80 e poi per ultima ho voluto provare un' aria, ma sono voluto partire dalla a 549 che ho trovato uno strumento molto comodo,sonoro e sicuramente adatto anche per lo studio accademico.Ora l'ho messa in vendita per soli 80 euro su mercatino perchè ho una chitarra da concerto, una splendida contreras n3 e me ne serve un'altra da portarmi dietro con più tranquillità e avendo già da tempo raggiunto un discreto livello con lostrumento visto che ho preso il diploma, ne vorrei una un po più adeguata. Avevo da tempo messo gli occhi sulle Aria e non mi sbagliavo affatto già questa che ho in mano è ottima per chi vuole studiare seriamente la chitarra e di conseguenza sto orientando alcuni dei miei allievi più maturi verso le aria del periodo d'oro dell'industria nipponica della chitarra classica in generale un po tutte le case producevano ottime chitarre da studio. Yamaha e ARIA sono rimaste le più discusse fino ad oggi. I vostri paragoni non fanno una piega e penso che prenderò questa aria 556 perchè è tenuta molto bene e a dire il vero sembra uscita dal negozio. Appena sarà in mio possesso, posterò le foto che fanno sempre piacere.. Piacere di avervi incontrato ragazzi e vi auguro una bella giornata di pasquetta, non alzate troppo il gomito!!! :D

thlen
Messaggi: 103
Iscritto il: mer 21 gen 2009, 23:29
Località: palermo

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da thlen » lun 17 apr 2017, 05:23

Mi scuso per gli eventuali errori d'ortografia e grammatica, ma sono troppo stanco per scrivere, però ci tenevo a rispondervi subito altrimenti rischiavo di dimenticarmene......... Buona pasquetta a tutti.....
Ultima modifica di thlen il lun 17 apr 2017, 14:07, modificato 1 volta in totale.

Alfio
Messaggi: 61
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da Alfio » lun 17 apr 2017, 11:18

Poi se sei fortunato di trovare una Tama Giapponese anni 70 ( quasi introvabile) è ancora superiore alla Aria, gli anni 60 e 70 i Giapponesi sfornarono delle chitarre industriali e semi industriali che suonavano veramente bene.
Erano strumenti con qualità timbriche non di poco conto, comodissime da suonare, strumenti da divertimento potevi studiarci su delle ore senza affaticare le mani.
Molti marchi anni 70 Nipponici si sono istinti quindi è molto difficile trovare quelle chitarre e chi ha questi strumenti se li tiene ben stretti e non commette il mio errore di venderli.
Ho tenuto ben stretta una Sakura 70 semindustriale, strumento di ottima fattura e dal timbro tipico Giapponese.
Sakura da non confondere con la Sakurai.
Chiaramente la tua Contreras n.3 non fa testo con questo tipo di chitarre, altro pianeta.
Buone feste.

thlen
Messaggi: 103
Iscritto il: mer 21 gen 2009, 23:29
Località: palermo

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da thlen » mar 18 apr 2017, 12:40

Grazie Alfio, mi è piaciuto leggere delle altre marche. Le Sakura credevo fossero da camino onestamente,ma sicuramente anche loro hanno una linea più definita...... Grazie molto....

Avatar utente
Paolo Romanello
Messaggi: 927
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da Paolo Romanello » mar 18 apr 2017, 14:50

Io sono il fortunato possessore di una Aria 554 dal 1970 e non me ne sono mai separato. Dopo quasi 50 anni il suono è perfetto, direi ancora più bilanciato che da nuova, soprattutto con le corde di oggi (io uso le Aquila rubino).
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

Alfio
Messaggi: 61
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da Alfio » ven 02 giu 2017, 15:23

Paolo Romanello ha scritto:
mar 18 apr 2017, 14:50
Io sono il fortunato possessore di una Aria 554 dal 1970 e non me ne sono mai separato. Dopo quasi 50 anni il suono è perfetto, direi ancora più bilanciato che da nuova, soprattutto con le corde di oggi (io uso le Aquila rubino).
I legni dopo 50 anni sono stagionati al punto giusto, tienila stretta La 554 1970 è un gran bel parco dei divertimenti. :D
:okok:

Avatar utente
angelo61
Messaggi: 316
Iscritto il: sab 01 mag 2010, 15:39
Località: Bologna

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da angelo61 » sab 03 giu 2017, 12:50

Anch'io possiedo una Aria 551 comprata nel 1977. E' la chitarra che mi ha accompagnato per maggior tempo e mi accompagna ancora, ha qualche segno dell'età ma, d'altra parte, anche il sottoscritto..
Per me uno strumento eccellente, ovvio, il volume è quel che è, ma la morbidezza del suono non si discute.

Però ho avuto anche una Aria 555 e quella non mi piaceva un granché..
:bye:

Angelo

Avatar utente
Paolo Romanello
Messaggi: 927
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Re: Aria A556 Opinioni

Messaggio da Paolo Romanello » lun 05 giu 2017, 07:54

La mia A554 è una chitarra piuttosto faticosa rispetto agli strumenti attuali in quanto ha un diapason da 665 e una action notevole, però il suono è potente ed equilibrato e le note hanno una buona tenuta. Sicuramente necessita di una sistemazione da parte di un buon liutaio per renderla più morbida, ma sono abituato a suonarla e non ci faccio più caso anche se, quando mi capita di provare altri strumenti, le dita volano.
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: alessandro lienzo, CommonCrawl [Bot], Google Adsense [Bot] e 9 ospiti