‪Risonanza di Helmholtz‬

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Franco Marino
Messaggi: 199
Iscritto il: mar 06 ott 2015, 14:25

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da Franco Marino » gio 27 apr 2017, 21:05

Non capisco a cosa ti serve sapere della risonanza Helmholtz...credo che sia piu importante conoscere i legni e le varie caratteristiche che lo differenziano, se e" meglio costruire con doppia controfascia in rapporto allo spessore delle fasce e del fondo, se e dove togliere al piano armonico e alle catene,il rapporto del volume d"aria con il diametro della buca etc... considera che una buca piccola ti da bassi molto presenti, a discapito dei cantini e viceversa, tutto sta a trovare il giusto rapporto per un buon equilibrio...anche la rigidita e la porosita del legno influiscono al risultato finale..se posso darti un consiglio, per me queste sono cose importanti..lascia stare le formule fisiche, se impari a conoscere il legno, vengono in automatico...

alessandro lienzo
Messaggi: 1219
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da alessandro lienzo » gio 27 apr 2017, 23:30

Non ho elementi da dare, empiricamente é una cosa che mi affascina perché ho notato differenze tra gli strumenti e caratteristiche comuni con il variare di questa frequenza.
Tant'é che in genere gli strumenti che più mi piacciono. E mettono una frequenza totale che sta sul fa diesis sol.

X Davide:col mi cantina ci fai poco, forse ti ci vuole una corda di contrabasso
alessandro C.

davidemooo
Messaggi: 1187
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da davidemooo » ven 28 apr 2017, 06:01

Venite a Brescia e vi cucino uno spaghettino da paura! Altro che Risso e compagnia bella! Nel frattempo potete gustarvi la mia collezione di alhambra e yamaha vintage che non ha nulla da invidiare alle cianfrusaglie del cuoco! Se poi la sera il carpintero si degnasse di ospitarci qui a due passi da me avrete l'opportunità di assaporare la novelle cuisine bresciana direttamente dalle sue abili mani da 'imperatore' dei cuochi ed io l'occasione unica di tastare macchia nera che si rifiuta di mostrarmi! :-)
La sapienza è con i modesti!

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 365
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da JuriRisso » ven 28 apr 2017, 07:52

io la macchia nera l'ho vista e ne sono rimasto impressionato... gran chitarra fatta da un grande personaggio. é proprio lui che mi ha suggerito di mettere più legno nelle mie prossime chitarre...

Benedetto
Messaggi: 509
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da Benedetto » ven 28 apr 2017, 10:44

Ognuno ha la sua esperienza.
A mio modo di vedere se vuoi migliorare è importante n modello che ti consenta di valutare oggettivamente i tuoi strumenti e i progressi - il che necessariamente comporta misurazioni, qualche formula e capire un po' di fisica.
Sicuramente avere un modello sarà necessario per dare consistenza ai risultati dei tuoi strumenti.
Quel che però ti suggerisco per il momento è di fare delle scelte.
Mi spingo in paragoni arditi, porta pazienza: Immagina di voler eccellere in una certa ricetta. Puoi accontentarti di leggerla (e qui è interessante discutere dell'autorevolezza della fonte: ti accontenti di internet?) e provare a riprodurla. Per tentativi ti avvicinerai al risultato.
Oppure potrai provare a reinterpretarla, ma per farlo sarebbe meglio conoscere a fondo la versione originale del piatto. Altrimenti i tuoi clienti potrebbero avere a che ridire.
Se decidessi di eccellere - posto che i piatti pronti analoghi sono a basso costo ed alto standard (chitarre di fabbrica) - la strada sarà di assaggiare diversi piatti d'autore, capire dove vuoi/puoi arrivare e stabilire come farlo, scegliendo gli ingredienti giusti (legno) e la lavorazione più appropriata.
Fuori di metafora (per fortuna) il mio consiglio è: prova e scegli un certo modello di chitarra. Stabilisci cosa ti piace e dove vuoi arrivare e approfondisci la conoscenza di metodi e materiali per arrivarci.
Helmoltz e Chandli patterns vanno anche bene ma sono spravvalutati: considerarli come la Bibbia è cosa da liutai di continenti giovani; efficienti finché vuoi, ma generalmente con poca cultura storica e con poco gusto.

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 365
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da JuriRisso » ven 28 apr 2017, 11:38

bello! grazie per questo tuo parere. la strada è lunga e poco segnata.

Andai alla ricerca della mia arte
spesso con pericolo della mia vita
e non ho mai avuto vergogna di imparare nozioni utili
fosse anche da un vagabondo un barbiere o un carnefice....

tutti sanno quale lungo cammino può percorrere l'innamorato
per incontrarsi con la donna che ama
e che cosa non farebbe l'innamorato della saggezza (liuteria)
per andare alla ricerca della sua
divina amante?

Paracelso

davidemooo
Messaggi: 1187
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da davidemooo » ven 28 apr 2017, 12:02

Cuoco e liutaio. ....adesso anche poeta?
La sapienza è con i modesti!

Avatar utente
Cristiano Cuomo
Messaggi: 101
Iscritto il: ven 07 mar 2014, 07:44
Località: Arcore

Re: ‪Risonanza di Helmholtz‬

Messaggio da Cristiano Cuomo » dom 21 mag 2017, 19:48

Iuri è , e sarà sempre anche se costruisce qualche chitarra uno "Chef" di prima categoria.
Si definisce cuoco e questo indica la sua modestia ma è uno chef.

Riguardo alla risonanza di Helmholtz devi considerarla un controllo finale sul tuo personale modello,
non un obiettivo da raggiungere

Torna a “Liutai, luthiers”