Bicentenario Antonio de Torres

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
Fede
Messaggi: 128
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Fede » lun 05 giu 2017, 00:57

Segnalo, per il bicentenario dalla nascita di Antonio Torres (1817-1892), l'uscita di un numero speciale della rivista "Orfeo", magazine specializzato edito Alberto Martinez e pubblicato a Parigi proprio in questi giorni, consultabile on line nel link sottostante.
Il numero, oltre ad una analisi del contesto storico in cui Torres operò, contiene numerose ed inedite immagini, dedica alcuni approfondimenti ai vari modelli sia della prima che della seconda epoca e pubblica un'intervista a Josè Romanillos, nonché in ultimo a tre "fortunati" possessori di una Torres, ossia il M° Stefano Grondona, M° Carles Trepat e M° Wulfin Lieske.
Pubblicazione curatissima e molto interessante sebbene sul Maestro di Almeria sia stato già detto e scritto tutto.
Un saluto a tutti e Buona lettura!!
Federico :bye:
https://issuu.com/orfeomagazine/docs/orfeo_9_fr
:ouioui:
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

luigib952
Messaggi: 963
Iscritto il: dom 17 mag 2009, 15:34
Località: Tenerife (Spagna)

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da luigib952 » lun 05 giu 2017, 08:42

Interessantissimo. Grazie per la segnalazione.
Caminante, no hay camino,
se hace camino al andar.
(Antonio Machado)

mizar
Messaggi: 522
Iscritto il: mar 31 gen 2006, 14:08
Località: Torino

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da mizar » lun 05 giu 2017, 12:12

Molte grazie per la segnalazione.
Veramente interessante
Mizar

Avatar utente
nick
Messaggi: 212
Iscritto il: gio 01 lug 2010, 12:09
Località: Melzo

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da nick » mer 07 giu 2017, 13:58

Grazie mille!
Chi fa di due uno è filosofo. Chi no, no.

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 451
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da ilMarzio » gio 08 giu 2017, 17:25

Da notare che l'incatenatura mostrata nella foto di pag. 36 è di una chitarra Romanillos, NON di una Torres come fa intendere il testo.
Quella di pag. 37 invece è la piccola Torres SE117
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

Alfio
Messaggi: 111
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Alfio » dom 11 giu 2017, 13:52

Interessante da parte di Torres il non problema dei nodi sul fondo e sulle fasce delle Se 104 del 1887 e 1861 della Fe 21 del 1865 ma soprattutto della 11 corde Se 83.
Oggi, costruire strumenti con tutti quei nodi sarebbe cosa improponibile agli occhi degli acquirenti anche se il liutaio "contemporaneo" si chiamasse Antonio de Torres.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1368
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Pietro » dom 11 giu 2017, 14:26

Pure altre cosette come le tavole armoniche di abete non a specchio, i fondi asimmetrici a due, tre o più tavolette ecc. ecc.
Per non parlare della vernice che secondo il testo era "solo ad olio" anche se per molti studiosi di Torres non era proprio così ma si tratta di un difetto di traduzione o di un vizio di espressione.
Su questo non sono riuscito a farmi una precisa idea.

Cordialità - Pietro -

ninoram
Messaggi: 798
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da ninoram » dom 11 giu 2017, 16:10

e gli eredi di Torres? Oggi molti liutai si ispirano al maestro (qualcuno pure lo detesta)... esiste oggi un modello "Torres" che si avvicina veramente a Torres?

Saluti!!

alessandro lienzo
Messaggi: 1163
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da alessandro lienzo » dom 11 giu 2017, 16:36

Bisognerebbe chiedere ai vari, trepat, Grondona ecc ecc
A quanto so preferiscono gli strumenti storici meno famosi rispetto alle copie Torres Moderne.
Altro problema di queste copie recenti é che vengono fatte con materiale molto molto sottile, di conseguenza raggiungono una intonazione molto bassa, ma i cantini sono spenti e non "suonano"
Così come i bassi hanno un effetto pompa molto fastidioso.
alessandro C.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1368
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Pietro » dom 11 giu 2017, 16:40

Di una cosa sono certo: Torres è stato un grande innovatore e senza di lui forse non avremmo la chitarra classica così come la intendiamo ai nostri giorni; per questo molti liutai si ispirano ai suoi concetti costruttivi. Le cose cambiano quando si tratta di eseguire strumenti secondo i modelli di Torres in quanto ci si ispira abbastanza liberamente, forse per i motivi sopra citati da Alfio, dal sottoscritto e da Alessandro Lienzo.

Cordialità - Pietro -

Alfio
Messaggi: 111
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Alfio » dom 11 giu 2017, 17:54

Per alcuni avere dei nodi sul legno e come interrompere con un interruttore il flusso di energia elettrica per la luce, sarà verità?
Quanti hanno costruito veramente con tutti i criteri di Torres?
Lui usava molto il cipresso Spagnolo tipico delle chitarre flamenche, ma si sa che era il legno più comune in Spagna, quindi basso costo e ne poteva trovare in grande quantità con poca spesa, forse usava il cipresso in quanto era di facile reperibilità?
Questo nulla toglie alla splendida sonorità del cipresso.

Bounty
Messaggi: 27
Iscritto il: lun 29 mag 2017, 18:18

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Bounty » lun 12 giu 2017, 04:27

Grazie per la segnalazione.
( Ψ ):

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 451
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da ilMarzio » lun 12 giu 2017, 09:07

Pietro ha scritto:
dom 11 giu 2017, 14:26
Pure altre cosette come le tavole armoniche di abete non a specchio, i fondi asimmetrici a due, tre o più tavolette ecc. ecc.
Per non parlare della vernice che secondo il testo era "solo ad olio" anche se per molti studiosi di Torres non era proprio così ma si tratta di un difetto di traduzione o di un vizio di espressione.
Su questo non sono riuscito a farmi una precisa idea.

Cordialità - Pietro -
L'idea che mi sono fatto, è che usando olii naturali per far scorrere il tampone - e non olii minerali come si fa oggi - si finisca per ottenere una vernice mista gommalacca + frazione siccativa dell'olio.
Tale vernice è significativamente più elastica rispetto alla sola gommalacca diluita in alcool, ma richiede tempi più lunghi sia per la lavorazione che per essiccare in profondità. Oltre a restare appiccicosa a lungo, nei primi 6-12 mesi (a seconda di quanto olio si è usato) tende a smorzare un po' la sonorità
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 451
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da ilMarzio » lun 12 giu 2017, 09:23

alessandro lienzo ha scritto:
dom 11 giu 2017, 16:36
Bisognerebbe chiedere ai vari, trepat, Grondona ecc ecc
A quanto so preferiscono gli strumenti storici meno famosi rispetto alle copie Torres Moderne.
Altro problema di queste copie recenti é che vengono fatte con materiale molto molto sottile, di conseguenza raggiungono una intonazione molto bassa, ma i cantini sono spenti e non "suonano"
Così come i bassi hanno un effetto pompa molto fastidioso.
Hai centrato uno dei punti chiave:
la maggior parte delle copie recenti sono fatte con spessori più bassi - molto più bassi - degli originali.

Secondo me ciò accade soprattutto per tre motivi:
1) perchè le informazioni disponibili sono poco attendibili,
2) perchè quasi nessuno si interessa di esaminare i pochi strumenti che ci sono pervenuti in condizioni originali
(o comunque con spessori non ritoccati durante i "restauri" subiti)
3) perchè chi replica - con poche lodevoli eccezioni - non cerca la replica filologica, ma piuttosto la immediata vendibilità dello strumento
ninoram ha scritto:
dom 11 giu 2017, 16:10
e gli eredi di Torres? Oggi molti liutai si ispirano al maestro (qualcuno pure lo detesta)... esiste oggi un modello "Torres" che si avvicina veramente a Torres?
Poche eccezioni, come dicevo sopra...
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

alessandro lienzo
Messaggi: 1163
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da alessandro lienzo » lun 12 giu 2017, 10:23

in bottega son tutti filologi, ed in camera da letto hanno la foto di Croce!
alessandro C.

Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 10 ospiti