Bicentenario Antonio de Torres

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Benedetto
Messaggi: 496
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Benedetto » mar 13 giu 2017, 14:28

Condivido tutte le osservazioni de Il Marzio, tranne quella sugli spessori, non sapendo dire a che copie si riferisca. Peraltro, a una prima lettura non avevo realizzato l'errore di pagina 36, grazie della segnalazione.

Avatar utente
Fabio Castaldo
Messaggi: 135
Iscritto il: gio 11 mag 2006, 19:24

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Fabio Castaldo » mar 13 giu 2017, 16:20

Bellissima pubblicazione.
:merci:

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 451
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da ilMarzio » mer 14 giu 2017, 19:55

Benedetto ha scritto:
mar 13 giu 2017, 14:28
Condivido tutte le osservazioni de Il Marzio, tranne quella sugli spessori, non sapendo dire a che copie si riferisca. Peraltro, a una prima lettura non avevo realizzato l'errore di pagina 36, grazie della segnalazione.
Facciamo un esempio pratico:
a pag 37 di Orfeus - come già detto sopra - troviamo la Torres SE117 del 1888.
Questa stessa chitarra è stata anche descritta in dettaglio da Courtnall ("Making Masters Guitars pgg 29-49).

La SE117 ha due caratteristiche molto interessanti (almeno ai miei occhi):
1 ) non ha subito interventi estetici invasivi ed è arrivata ad oggi con gli spessori pressocchè inalterati;
2 ) è di proprietà di Josè e Marian Romanillos

Volendone fare una replica filologica e essendo piuttosto scettico su alcune delle informazioni riportate da Courtnall ho chiesto lumi al proprietario. La risposta è stata che Courtnall è stato... un po' approssimativo. Per fortuna un allievo di Josè aveva fatto degli altri rilievi molto più accurati. Dopo aver ripetutamente garantito che non avrei diffuso i disegni è stato così gentile da condividere le informazioni.

Non starò ad elencare tutte le discrepanze, ma basti dire che lo spessore del fondo indicato da Courtnall è sbagliato di... 1-2 mm!!!
Se uno pensa che almeno il 90-95% delle copie in circolazione sono basate su plan non verificati...
Chiaro che repliche che abbiano un suono realmente simile alle opere di Torres ce ne sono ben poche.
Lodevoli eccezioni, come dicevo

Qui sotto una vista della mia replica finita
Immagine
[goto=]http://www.legnofilia.it/album_pic.php? ... &user_id=5[/goto]
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

ninoram
Messaggi: 793
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da ninoram » gio 15 giu 2017, 07:18

Bella la replica! sembra molto piccola, sarebbe interessante fotografarla vicino a una chitarra "normale". Sorprendente la superficialità di Courtnall che pubblica vari guitar plans - sembra quasi impossibile che sgarri tanto! (in altre parole: quanto sono credibili questi altri plans?)

Saluti!!

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1317
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Pietro » gio 15 giu 2017, 10:53

Questa è stata fatta in casa (mia) completamente a mano come le tagliatelle. Non si sono usati plans ma ci si è basati sul testo di Romanillos e su qualche dritta del maestro Savastani al Guitar Expo 2016.
Penso che il testo sia attendibile, non so cosa ne pensi il maestro Marzio, che saluto cordialmente visto che in occasione del sopracitato Expo ho avuto il piacere di conoscerlo.

fine1 (640x353).jpg

Cordialità - Pietro -
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Benedetto
Messaggi: 496
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: Bicentenario Antonio de Torres

Messaggio da Benedetto » gio 15 giu 2017, 20:49

Belle copie, complimenti.
Senz'altro Courtnall è approssimativo in molti plan (per quanto trovi il suo testo generalmente ben fatto nella sezione della costruzione).
Ci sono anche plan fatti bene (penso alla Se 114 o alla Fe 18 o alle misure riportate da Bruné in un paio di testi) ma comunque un plan è un plan e non risolve né il problema delle alterazioni nel tempo degli strumenti né può fornire indicazioni sul processo costruttivo (umidità relativa, ordine nell'assemblamento, doming ecc.).

Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot], Francesco de Gregorio, JuriRisso, Molly e 17 ospiti