Caldo afoso e gommalacca

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
nick
Messaggi: 212
Iscritto il: gio 01 lug 2010, 12:09
Località: Melzo

Caldo afoso e gommalacca

Messaggio da nick » lun 10 lug 2017, 17:58

Scusate, ma voi riuscite a suonare con questo caldo??
Sicuramente l'argomento è già stato trattato e in tal caso mi scuso per la ripetizione.
Il mio è più che altro uno sfogo, sta di fatto che immacabilmente quando inizia l'estate ripongo la chitarra (quella bella, in gommalacca) nell'astuccio e non la rivedo che all'inizio dell'autunno.
Per sopire l'anelito creativo mi accontento di una chitarra ben più economica e con verniciatura congrua all'estate. Però che sacrificio!!
Tutto qui, riflettevo sul triste destino di uno strumento così delicato da non poter essere suonato quando c'è caldo e umido.
Beati naturalmente quelli che hanno l'aria condizionata, io non ce l'ho e dopo pochi minuti che suono con questa afa sono bagnato peggio di un maratoneta al quarantaduesimo km..
Ultima modifica di nick il lun 10 lug 2017, 20:44, modificato 1 volta in totale.
Chi fa di due uno è filosofo. Chi no, no.

Avatar utente
Isabelle Frizac
Professore
Messaggi: 324
Iscritto il: dom 01 lug 2012, 22:37
Località: France ( région parisienne)

Re: Caldo afoso e gommalacca

Messaggio da Isabelle Frizac » lun 10 lug 2017, 19:46

Un fan di fronte a un foglio di asciugamano o bagnato dà un po 'di freschezza.

Ma c'è il rumore della ventola. E 'un po' fastidioso a giocare, ma è meglio di niente. :chaud:

Proteggere la chitarra vernice (non giocare quasi nudo!) :mrgreen:
Chitarra Bastien Burlot( 2014) spéciale anniversaire 10 ans du forum et quelques autres aussi, instruments anciens ( liuto, vihuela, chitarra barocca, etc..)

Avatar utente
nick
Messaggi: 212
Iscritto il: gio 01 lug 2010, 12:09
Località: Melzo

Re: Caldo afoso e gommalacca

Messaggio da nick » lun 10 lug 2017, 20:42

:D
Chi fa di due uno è filosofo. Chi no, no.

giannini awn71
Messaggi: 464
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Caldo afoso e gommalacca

Messaggio da giannini awn71 » lun 10 lug 2017, 23:33

Personalmente sono d'accordo con te..ho acquistato da poco una chitarra artigianale, o come si dice da liuteria...e ho il tuo stesso problema...e allora.....panno alla gamba....panno sulla fascia...ecc..ecc....purtroppo questo tipo di verniciatura tipico delle chitarre artigianali, lascia l'essenza porosa (specialmente il top)e quindi lo rende facilmente attaccabile dal sudore notoriamente più o meno acido, e corri il rischio di rovinarlo.....
due/tre ore di esercizi allo strumento e sudore non vanno assolutamente d'accordo,....puoi ovviare in questo modo ..prendi un calzino(pulito)(cotone e non lana)..taglia la parte finale(tallone-piede)e lo infili al braccio....ma dopo un po specialmente con le temperature di questi giorni, lo sfili via perché non lo sopporti più, e di conseguenza meglio riporre lo strumento in custodia.....
Possiedo due strumenti , uno industriale e uno artigianale......suono con il primo....il sudore...macchia
ciao....ps fatti un pinguino (delonghi) :bye:

ninoram
Messaggi: 802
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Caldo afoso e gommalacca

Messaggio da ninoram » mar 11 lug 2017, 07:22

la climatizzazione usata con criterio è un'ottima soluzione! Confrontata con il prezzo della chitarra di liuteria costa anche poco. Uso la clima da anni e le chitarre stanno benissimo, basta controllare l'umidità (non è quasi mai un problema nei mesi afosi...) e si lavora anche molto meglio con meno umidità e temperature più basse. (non concorrere con il frigo!!)
Saluti!!

alessandro lienzo
Messaggi: 1177
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Caldo afoso e gommalacca

Messaggio da alessandro lienzo » mar 11 lug 2017, 07:57

Io non sopporto l'aria climatizzata, anche se ho questi aggeggi in ogni stanza...
Risolvo suonando spesso con una chitarra verniciata sintetica ed ogni 2 o 3 giorni prendo la mia preferita.
Indosso un calzino tagliato e un Panno sulla gamba.
Suonando dalle 8 e 30 di sera in poi {in estate studio circa 2 ore} non sudo e la vernice sta bene!
alessandro C.

Torna a “Liutai, luthiers”