Riparazione chitarra acustica/classica

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Imago
Messaggi: 12
Iscritto il: sab 22 lug 2017, 11:38

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da Imago » sab 29 lug 2017, 15:07

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Come da lei richiesto, resto in attesa di ulteriori delucidazioni mentre inizio a programmare il lavoro che si dovrà fare.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1401
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da Pietro » sab 29 lug 2017, 16:55

Intanto si tratta di una chitarra acustica (con corde in metallo per essere chiaro) e il ponte non è il suo. Forse aveva solo il ponticello appoggiato e l'attaccacorde fissato con un paio di vitine a bordo cassa, se così è si dovrebbero vederne i segni. Lo strumento ha subito più interventi e non tutti felici, sarebbe da rifare completamente togliendo tutta quella paccottaglia che è stata applicata, riparare le crepe del multistrato vedere se ci sono scollature e via discorrendo. A volte il santo non vale la candela (come in questo caso) ma io lo strumento lo terrei buono come utile esercizio di restauro.

Cordialità - Pietro -

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da LUCA.P » dom 30 lug 2017, 12:23

Ben detto Pietro , infatti sarebbe utile mettercisi attorno anche solo con lo scopo di imparare ...( non si sa mai )!
In ogni modo è necessaria un po' di motivazione, perlomeno la passione di lavorare il legno .
Le meccaniche assomigliano a certe ferraglie della guerra di secessione che si trovano nei musei. Le fascie e il fondo sembrano in laminato, e un po di criterio sembra sia stato messo nel realizzarle . La tavola armonica dovrebbe esser di abete ,ma a vederla così com'è in foto non si capisce.
Che sia intonata o no, il problema è incentrato sulla tavola armonica e il ponte , i forellini ricordano i chiodini in acciaio ultrasottili denominati chiodini per battiscopa, usati per una moltitudine di utilizzi, probabilmente furoni aggiunti all'incollaggio del ponte , o piantati successivamente dopo che comincio a esser instabile,in ogni modo non sono serviti a niente .
Bisognerebbe considerare ( vista la tensione delle corde in metallo ,un supporto metallico portacorde come montano molte chitarre jazz, cioè si estendono alla fascia laterale .Sono avvitati alla fascia , sono piastre in metallo
piegate a L.

Imago
Messaggi: 12
Iscritto il: sab 22 lug 2017, 11:38

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da Imago » dom 30 lug 2017, 17:10

Pietro ha scritto:
sab 29 lug 2017, 16:55
Intanto si tratta di una chitarra acustica (con corde in metallo per essere chiaro) e il ponte non è il suo. Forse aveva solo il ponticello appoggiato e l'attaccacorde fissato con un paio di vitine a bordo cassa, se così è si dovrebbero vederne i segni. Lo strumento ha subito più interventi e non tutti felici, sarebbe da rifare completamente togliendo tutta quella paccottaglia che è stata applicata, riparare le crepe del multistrato vedere se ci sono scollature e via discorrendo. A volte il santo non vale la candela (come in questo caso) ma io lo strumento lo terrei buono come utile esercizio di restauro.

Cordialità - Pietro -

Dopo aver inviato le foto mi sono effettivamente reso conto che a bordo cassa (nella fascia inferiore, per intenderci) ci sono 3 fori, 2 sulla stessa linea orizzontale, ed uno più in basso centrato con i precedenti due. Quando mi è stata data questa chitarra tuttavia in quel punto non c'era assolutamente nessun componente. Per quanto riguarda le meccaniche, neanche a me sono mai piaciute, ed il paragone è del tutto azzeccato ahahahahah Visto come stanno le cose, non so se convenga davvero spenderci soldi su questa chitarra, anche perché dovrei procurarmi proprio tutto il materiale. L'idea di rendere il tutto un esercizio è stato quello che mi ha spinto a riprendere in mano questo strumento, solo non vorrei che dopo aver speso soldi mi ritrovi con uno strumento che suoni fin troppo male. Arrivato a quel punto forse sarebbe meglio metterli da parte per la prossima chitarra...

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1401
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da Pietro » dom 30 lug 2017, 17:47

A dire il vero la spesa di attaccacorde + ponticello mobile + meccaniche + vernici e altro non sarebbe proprio esorbitante, quello che è tanto invece è il lavoro anche se uno è già un po' pratico di restauro. Per come suonerà... sicuramente una Torres non lo sarà mai, del resto non lo è mai stata, andrà bene comunque per una strimpellata tra amici.
Vero è che le strade sono due: lasciare perdere e affidarla al caminetto, naturalmente non ora con il ciclone africano, o andarci dietro con passione considerandolo magari un punto di partenza per futuri lavori di restauro più gratificanti.

Cordialità - Pietro -

Imago
Messaggi: 12
Iscritto il: sab 22 lug 2017, 11:38

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da Imago » dom 30 lug 2017, 19:15

Pietro ha scritto:
dom 30 lug 2017, 17:47
A dire il vero la spesa di attaccacorde + ponticello mobile + meccaniche + vernici e altro non sarebbe proprio esorbitante, quello che è tanto invece è il lavoro anche se uno è già un po' pratico di restauro. Per come suonerà... sicuramente una Torres non lo sarà mai, del resto non lo è mai stata, andrà bene comunque per una strimpellata tra amici.
Vero è che le strade sono due: lasciare perdere e affidarla al caminetto, naturalmente non ora con il ciclone africano, o andarci dietro con passione considerandolo magari un punto di partenza per futuri lavori di restauro più gratificanti.

Cordialità - Pietro -
Condivido il suo pensiero, vedrò di darmi da fare allora :)

Immagine

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1401
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da Pietro » dom 30 lug 2017, 19:59

Sono contento per lei. La decisione è saggia come è saggio il rispetto e l'amore verso gli strumenti musicali che, a quanto mi sembra di cogliere, lei nutre.
Una chitarra non è una cassapanca o un comò ma uno strumento che emettendo note musicali trasmette emozioni... peccato troncarle quando con un restauro che sicuramente costerà sudore e lagrime (come sempre del resto per noi amatori della musica e della liuteria) potrà donare emozioni anche durante il lavoro e non solo a risultato finale ottenuto che non sarà mai inferiore a quello antecedente.
Buon lavoro dunque e... lo avviso in anticipo... la liuteria è una passione contagiosa, quando prende non lascia più!

Cordialità - Pietro -

LUCA.P
Messaggi: 292
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Riparazione chitarra acustica/classica

Messaggio da LUCA.P » dom 17 set 2017, 20:52

Un Saluto ! Avevo aperto e continuato dal motore di ricerca una discussione inerente ai legni, purtroppo chi l'aveva aperta aveva sbagliato sezione ed era finita nelle presentazione nuovi arrivati... il tecnico del forum non l'ha spostata e allora sarà meglio inserirla direttamente in questa sezione che mi pare più idonea a ciò che vorrei domandare :

se togliessi il fondo laminato di un Alhambra 2c ( perché rovinata la impiellicciatura) quale tipo di legno sarebbe meglio del laminato?
Non vorrei sostituirlo per poi scoprire che andava meglio il laminato.
Nonostante credo non essere in grado in maniera perfetta di rimuovere e riposizionarlo, oltre a questo problema si aggiungerebbe il problema della reperibilità del legno.
Volevo fare da me per non sperperare ulteriore denaro ,dato che possiedo strumenti migliori.
La chitarra mi servì per fare il mio primo 'esperimento della sverniciatura , e infatti essendo impellicciata , fui imprudente e si verificarono sfondature poco belle esteticamente, non mi sono mai deciso a migliorarla o perché non incidono per il suono. ...magari questa è la volta buona.
la domanda era solo questa inerente al laminato e all'impiallicciatura.
Ringrazio chi mi fornirà utili informazioni

Torna a “Liutai, luthiers”