Posizione del Ponte nella Chitarra Barocca

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
DeGreiff
Messaggi: 11
Iscritto il: gio 05 gen 2017, 00:18

Posizione del Ponte nella Chitarra Barocca

Messaggio da DeGreiff » ven 28 lug 2017, 14:38

Ciao a tutti :)
sto costruendo una chitarra barocca ed ho alcuni dubbi sulla posizione del ponte, perche' non un ponte con l'osso che alza le corde (come nelle chitarre classice): è un ponte barocco. Ho fatto un disegno, in modo che si possa capire meglio il mio dubbio. Vorrei avere un diapason di 620 mm. Guardando il disegno, mi chiedo: dove posiziono il ponte per avere un diapason di 620 mm?

- da "Inizio scala" fino ad "A"=620mm?

oppure

- da "Inizio scala" fino a "B"=620 mm?

il dubbio mi viene perchè legando la corda al ponte si crea quel nodo prima di arrivare al ponte...


Grazie a tutti :merci:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Liuteria d'insieme
Messaggi: 43
Iscritto il: gio 03 ott 2013, 09:42
Località: Milano

Re: Posizione del Ponte nella Chitarra Barocca

Messaggio da Liuteria d'insieme » sab 29 lug 2017, 10:52

Io in genere posiziono il ponte inmodo che il bordo sia alla distanza che voglio e poi calcolo la scala dei tasti sottranedo qualche millimetro per la compensazone ma in generale il problema esiste solo sui tasti fissi e se vuoi essere preciso fissali provando le note con un accordatore.
Tieni conto che non credo ci siano al mondo due chitarre barocche con lo stesso esatto diapason al millimetro e le misure vasriano anche di molto per cui no ci sono standard cui aderire, nei rilievi in generele la distanza indicata è quella capotasto/ponticello e amen per il nodo.
Stefano Zanderighi, Marco Golinelli - Liuteria d'insieme - Milano

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1401
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Posizione del Ponte nella Chitarra Barocca

Messaggio da Pietro » dom 30 lug 2017, 22:15

Solitamente è questa:
- da "Inizio scala" fino a "B"=620 mm -
Da tenere presente che il nodo può anche essere diverso e su questo si giocava in passato per regolare l'altezza della corda: livello foro - livello intermedio - livello massimo alla sommità del ponticello.
Per i tasti mobili sul manico non ci sono problemi in quanto si possono spostare essendo legacci, per quelli fissi sulla cassa armonica prima di incollarli una controllatina con l'accordatore è sempre utile.
Se posso una piccola curiosità: come mai una lunghezza vibrante così corta quando in genere le chitarre barocche hanno un diapason più lungo del normale (per le classiche) 650 mm. per via del ponticello incollato in posizione molto più arretrata?

Cordialità - Pietro -

Torna a “Liutai, luthiers”