Informazioni su una chitarra classica

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 307
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da Vincenzo Di Guida » mer 20 set 2017, 23:23

D'Addario o Augustine.
Entrambe costano circa 10 euro la intera muta.
Ricordati di chiedere delle hard tension poiché sia le D'Addario che le Augustine sono disponibili con diverse tensioni.
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

Leonardo Caputo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 15
Iscritto il: mar 12 set 2017, 09:15

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da Leonardo Caputo » gio 21 set 2017, 10:22

Perfetto, le ordino proprio ora!

Leonardo Caputo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 15
Iscritto il: mar 12 set 2017, 09:15

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da Leonardo Caputo » lun 09 ott 2017, 22:11

Alla fine ho montato le corde hard tension, ma il problema non si è risolto. Ho come l impressione che bisogna regolare l altezza del ponte o del capotasto. Il punto in cui frusta è all' altezza del secondo tasto, li la sesta e la quinta corda sono quasi attaccate.

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 307
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da Vincenzo Di Guida » lun 09 ott 2017, 23:07

Buona sera Leonardo.
L'utilizzo di una muta di corde hard tension è utile nei casi lievi di corde che frustano e, in ogni caso, le corde vanno comunque cambiate con una certa frequenza e il loro costo è abbordabile. Ecco perché più persone, concordemente, ti hanno invitato a esplorare in primis questa strada.
Ovviamente, se le corde sono praticamente vicinissime ai tasti come solo ora tu riferisci, la questione va risolta diversamente.
Ti consiglio senza meno il passaggio dal un liutaio della tua zona che, credo gratuitamente, ti potrà indicare l'intervento più giusto coi relativi costi.
Poi ti regolerai di conseguenza.
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

cecco
Messaggi: 537
Iscritto il: mar 21 ott 2014, 00:48

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da cecco » mar 10 ott 2017, 01:46

Leonardo Caputo ha scritto:
ven 15 set 2017, 10:34
La ringrazio molto. Che cosa mi consiglia di fare per associarle un valore ? Sto decidendo se venderla oppure tenerla.
Quando le chitarre sono proprie allora si sottolinea la qualità timbrica, le ragioni storiche, la rarità costruttiva... e il prezzo lievita. Quando le chitarre sono degli altri è sempre un cattivo affare, legni non pregiati, imitazioni dozzinali, finiture industriali..... e il prezzo cala.
:lol:

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1424
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da Pietro » mar 10 ott 2017, 15:30

Concordo sul consiglio del cambio corde che sono una delle possibili cause di anomalie. Se le corde sono troppo vicino ai tasti come alla fine sembra se si scrivono le distanze forse è possibile una diagnosi più concreta:
1 - Distanza al dodicesimo tasto tra la corde e la sommità del tasto rilevate alla prima e alla sesta corda.
2 - Distanza al secondo tasto (dove in sostanza sembrano attaccate) tra la sommità del tasto e la corda rilevate sempre alla prima e alla sesta corda.
3 - Provare a tastare le corde al primo, al secondo, al terzo e al quarto tasto e rilevare dove ci sono le anomalie.
Questo per ora, poi si vedrà in base ai risultati delle prove, sicuramente se è possibile farla vedere da un liutaio o da un musicista esperto tanto meglio, loro sono sicuramente in grado di identificare da subito l'anomalia.

Cordialità - Pietro

giannini awn71
Messaggi: 479
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da giannini awn71 » mar 31 ott 2017, 12:01

Se frusta ai primi tasti...vuol dire che....1..il manico è troooppooo dritto.e che comunque avresti dovuto risolvere con le corde hard..2...i tasti sono assemblati male..disomogenei.3.. devi agire sul capotasto
Per toglierti qualche dubbio..prendi un righello...oppure una barra di metallo...appoggiala sulla tastiera... con una torcia oppure con una qualsiasi fonte di luce artificiale diretta posizionala in modo diametralmente opposto al tuo punto di osservazione.in modo orizzontale parallelo alla tastiera
Posizionati in modo che tu possa vedere i tasti ad altezza visiva...se...da qualche tasto passa la luce vuol dire che la tastiera è assemblata a caxxo di cane...in caso contrario l'unica alternativa che hai è quella di agire sul capotasto
Ma qui nasce un problema di costi.....ne vale la pena???

Leonardo Caputo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 15
Iscritto il: mar 12 set 2017, 09:15

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da Leonardo Caputo » sab 04 nov 2017, 15:09

Grazie mille per i consigli, ora non ho la chitarra sottomano. Settimana prossima ci provo. In ogni caso a breve andrò da un liutaio e mi farò fare un preventivo. Vorrei tanto iniziare a fare gli audio per il corso D03, per ora mi sto esercitando sull'elettrica e sulla acustica ma è molto fastidioso il fatto che ho sta classica che sbatteee!!

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 876
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Informazioni su una chitarra classica

Messaggio da Marco B. » dom 19 nov 2017, 14:21

Mi permetto di intervenire. Agire sul capotasto quando le barrette sono disomogenee non serve , occorrerebbe invece riallineare i tasti o il tasto che risulta più alto degli altri. Mai avuto problemi per un manico troppo dritto, semmai per l'esatto contrario ed è solo un fatto di equilibri di altezze . Se i tasti sono a posto, potrebbero essere anche i solchi , le sedi delle corde al capotasto che sono troppo basse. Basta un colpetto secco ma calibrato, dato con un pezzetto di legno e da un martelletto e il capo si stacca . In seguito puoi mettere uno spessore tra il manico e l'osso e vai a tentativi fino a quando il buzz non lo senti più. Prima di fare questa operazione con legno e martello, con un cutter incidi tutto intorno all'osso del capotasto, questo per evitare rotture. Quando hai trovato l'altezza giusta puoi sempre rivolgerti a un liutaio per la costruzione di un nuovo osso oppure cercarlo nei vari negozi di articoli musicali.

Torna a “Liutai, luthiers”