chitarre Di Giorgio

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
marcandrea

chitarre Di Giorgio

Messaggioda marcandrea » gio 27 lug 2006, 15:04

Ciao a tutti, qualcuno conosce e ha avuto modo di provare una chitarra Di Giorgio? Mi interessa un giudizio, possibilmente dato su modelli di fascia alta della produzione Di Giorgio (tipo mod. Master). Hanno davvero, come dicono, un suono diverso dalle chitarre di produzione industriale europea, tipo Alhambra? Grazie in anticipo per il vostro contributo.

Sensei

Messaggioda Sensei » gio 27 lug 2006, 16:58

Ho un chitarra Di Giorgio del 1986 una mod. 28 quindi da studio e ho avuto modo di ascoltare e di "suonare" anche su una Tàrrega e una Autor.
Il suono è molto bello, non ben bilanciato, risponde molto bene sui bassi e in modo minore sui cantini. La "new Di Giorgio" non ha paragoni con la "vecchia". Se vuoi acquistarne una, vai sull'usato "vintage".

Sensei.

P.s. Il link qui sotto ti porta a tre mie esecuzioni effettuate con la Di Giorgio p. 28


http://www.chitarraclassicadelcamp.com/viewtopic.php?t=3671
http://www.chitarraclassicadelcamp.com/viewtopic.php?t=3678
http://www.chitarraclassicadelcamp.com/viewtopic.php?t=3679

tumpa

Messaggioda tumpa » ven 01 set 2006, 22:30

io vorrei acquistare una chitarra con diapson 640 ho visto che le di Girogio attualmente produce tutte le sue chitarrare con qesuto diapason. Dal suono di sensei risulta una chitarra ottima con un chè di diverso dalle chitarre occidentali è come se avesse un accento severo brasiliano. Il chè non guasta anzi sa di vintage e al tempo stesso rimane armoniosa. Questo ho potuto sentire da queste belle esecuzioni ( a proposito l'esecuzione opera 60 5 e in verità l'opera 60 n. 6). Avendo un budget di 1000 euro mi sono chiesto se potevo prendere il modello tarrega tuttavia la buca ovale mi spaventa..che mi consigliate?Magari c'è un altro modello della di giorgio a questo prezzo?o il modello tarrega è buono per i pezzi classici (e non solo bossanova?)
Grazie

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6642
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggioda Giorgio Signorile » sab 02 set 2006, 08:41

Chitarre di Giorgio?
Io non fabbrico nè vendo chitarre
Giorgio

tumpa

Messaggioda tumpa » sab 02 set 2006, 10:50

Ah Ah! Però potresti iniziare a fabbricarle! Ma ne sai niente su questa Tarrega della Di giorgio Brasiliana?

professorina

Messaggioda professorina » sab 02 set 2006, 19:01

giorgiomusica ha scritto:Chitarre di Giorgio?
Io non fabbrico nè vendo chitarre
Giorgio


Infatti voleva comprare la tua...che tanto a te non serve...lo sanno tutti che non sai suonare! :lol: :lol: :lol:

Polis

Messaggioda Polis » dom 03 set 2006, 20:55

Non sapevo che ne producessero ancora. In Brasile insieme alla Giannini, chitarra dal suono ineguagliabile per il livello di costo, sono tra le più usate e conosciute. Di Giannini ne possedevo una circa 30 anni fa ed è un mistero come potesse avere un suono così dolce e poi si lasciava suonare con estrema facilità. Credo che però non ne facciano più o almeno non quelle fatte dal Giannini di 30 anni fa.

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6642
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggioda Giorgio Signorile » mar 05 set 2006, 16:48

tumpa ha scritto:Ah Ah! Però potresti iniziare a fabbricarle! Ma ne sai niente su questa Tarrega della Di giorgio Brasiliana?


Onestamente non credevo che il marchio Di Giorgio esistesse ancora. Ho un allievo di 2 media che ne ha ereditata una dal nonno, avrà circa 40 anni, la chitarra, non il nonno. Ai tempi c'era una buona diffusione di questo strumenti, piuttosto grandi però, come cassa armonica, e un pò pesanti come ornamenti...ma non so ora che evoluzione abbiano avuto

Avatar utente
giano
Messaggi: 619
Iscritto il: dom 12 giu 2005, 18:22

Messaggioda giano » mar 05 set 2006, 19:09

Sinceramente neanche io sapevo che producessero più chitarre, ne ho sentito molto parlare bene anche dal mio maestro, ma non le ho mai provate.

tumpa

Messaggioda tumpa » mar 05 set 2006, 21:08

si le producono ho sentitio degli mp3 su questo sito di vecchie di giorgio ed è caratterizzata da bassi molto morbidi, ma la moderna produzione mi è stata sconsigliata per i pezzi classici e indicata solo per il bossanova.(da un noto musicista) Purtroppo ci debbo credere anche se i legni di queste chitarre sembrano buoni e il design è veramente molto carino e originale (vedere in particolare le studio). Inoltre le professional arrivano fino a 5432 euro un motivo ci sarà? Il diapason 640e un'ottima tastiera in ebano. Purtroppo però non ne so un accidenti di niente su queste chitarre (odierna produzione) mi rifaccio solo al parere di questo notissimo musicista italiano di bossanova che ho contattato personalmente. Chi però possiede queste chitarre soprattutto se sono dell'odierna produzione magari potrebbe dire la sua.
Il sito della Di giorgio è questo
http://www.digiorgio.com.br
Immagine
Immagine

tumpa

Messaggioda tumpa » mar 05 set 2006, 21:09

cmq penso anche io che sia più adatta al bossanova ,però la student 18 e la Signorina hanno di prezzi molto accessibili

Sensei

Messaggioda Sensei » mer 06 set 2006, 10:33

La New Di Giorgio è molto diversa da quella "storica".
Si possono acquistare ancora le ecchie Di Giorgio in Brasile con ***I siti che fanno attività commerciale sono censurati in questo forum***. Anche i prezzi sono vantaggiosi.

Sensei

Gian

Messaggioda Gian » ven 27 ott 2006, 19:03

il suono è effettivamente bello e particolare
ma va bene per suonare e studiare un repertorio prettamente classico???

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 454
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: chitarre Di Giorgio

Messaggioda Marco B. » lun 28 dic 2009, 00:14

Io ho avuto una Di Giorgio autor 3, del 1976. Non sono un chitarrista classico, ma ricordo che era fortemente sbilanciata sui bassi e i cantini erano poco presenti. Può darsi che fosse quella chitarra , perchè nel negozio dove l'ho comprata c'era solo quella e non ho potuto fare paragoni. Quando l'ho portata da un amico liutaio mi ha fatto notare che il palissandro brasiliano del fondo e delle fasce, a suo avviso era lastronato e non massello. Effettivamente le trame all'esterno non coincidevano col disegno interno e questo mi aveva messo qualche dubbio. Ho avuto anche Giannini degli anni 70, una classica e una dodici corde dalla forma strana a liuto con spalla mancante, che mi fa ancora compagnia oggi e la tengo come una reliquia. Secondo me sono migliori delle Di Giorgio, per chi non suona solo bossanova,anche se rifinite in modo più sobrio. Saluti Marco

Campan

Re: chitarre Di Giorgio

Messaggioda Campan » mer 27 gen 2010, 13:15

Ai miei tempi (trent'anni fa) le Giannini e le Di Giorgio erano chitarre per principianti di scarsa sonorità: le Giannini più accurate nella scelta dei materiali (ne ho avuta una, bella, ma non la rimpiango), le Di Giorgio molto squilibrate tra i bassi (più sonori) e i cantini (quasi afoni). Il mio liutaio sostiene che l'unica Di Giorgio che suonava era quella di Baden Powell. Assolutamente controindicate per la musica classica


Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 4 ospiti