Futuro della chitarra

Luogo pubblico dei chitarristi classici.
SandroII
Messaggi: 13
Iscritto il: mar 23 gen 2018, 10:30

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da SandroII » gio 01 mar 2018, 05:47

Non devo proprio iniziare da zero... devo iniziare gli accademici quest'anno (purtroppo prima di finire le superiori non è possibile in italia, ho saltato solo un anno per problemi personali). Ho già studiato chitarra classica per 3 anni... poi l'ho lasciata per 5 anni per dedicarmi all'elettrica... ora l'ho ripresa per entrare al conservatorio e dedicarmi completamente alla chitarra.
Sì so bene dei direttori d'orchestra a 20 anni, e un po' questo fatto mi demoralizza... infatti spero ci sia un modo per dare più esami e accorciare i tempi. Ho già iniziato a studiare diversi libri di teoria, anche riguardanti l'ambito orchestrale...
Nel caso fosse possibile, spero di finire gli studi entro i 25 anni... e di trovare un occupazione come direttore anche a quell'età, estero o italia che sia...

SandroII
Messaggi: 13
Iscritto il: mar 23 gen 2018, 10:30

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da SandroII » gio 01 mar 2018, 05:59

Non ho la minima intenzione di finire a insegnare, non fa proprio per me... ho provato una volta con il fratellino di un mio amico e penso di averlo terrorizzato (giustamente) presentandogli i Ditones per chitarra elettrica il primo giorno di lezione. Per quanto possa essere difficile raggiungere (e spero che questa difficoltà non sia segnata dall'età) l'obiettivo, vorrei fare il concertista o il direttore...
Poi amen, se non avrò la minima scelta insegnerò a malincuore.

Livio82
Messaggi: 78
Iscritto il: lun 04 dic 2017, 17:24

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da Livio82 » gio 01 mar 2018, 16:45

Per Lienzo, non c'è problema :D

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6974
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da Giorgio Signorile » gio 01 mar 2018, 16:50

SandroII ha scritto:
gio 01 mar 2018, 05:59
Non ho la minima intenzione di finire a insegnare
Detto cosi pare una punizione divina :mrgreen:

Livio82
Messaggi: 78
Iscritto il: lun 04 dic 2017, 17:24

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da Livio82 » gio 01 mar 2018, 17:18

Scusa, ma un direttore d' orchestra una delle cose principali che deve saper fare è insegnare! Se poi come ripiego devi insegnare a malincuore, meglio neppure iniziare! :D

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 372
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da Davide Pirillo » gio 01 mar 2018, 19:25

Beh! ...... Diciamo che gli insegnanti di questo forum sono dotati di spirito :mrgreen:
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Avatar utente
Alma Steiner
Moderator
Messaggi: 3992
Iscritto il: mar 12 feb 2008, 15:58

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da Alma Steiner » gio 01 mar 2018, 22:15

La Gibson non sta fallendo perché non comprano le chitarre, ma per complesse operazioni finanziarie! Lunga vita alla chitarra e alla chitarra Gibson :chitarrista:
:::===(o| )

SandroII
Messaggi: 13
Iscritto il: mar 23 gen 2018, 10:30

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da SandroII » ven 02 mar 2018, 14:51

Livio82 ha scritto:
gio 01 mar 2018, 17:18
Scusa, ma un direttore d' orchestra una delle cose principali che deve saper fare è insegnare! Se poi come ripiego devi insegnare a malincuore, meglio neppure iniziare! :D
È diverso però! Ammetto che ora come ora non so nulla di direzione d'orchestra, quindi la mia idea di direzione d'orchestra può essere un po' utopistica. Per il momento solo iniziato a studiare le basi (partendo dalla conoscenza degli archi) da un libro di Walter Piston, per pura curiosità; però, in quanto direttore, almeno da quel che ho visto, sei a contatto principalmente con un mondo più adulto e circondato da musicisti con una certa esperienza. Per me questo significherebbe già tanto. Oltretutto dev'essere magnifico stare di fronte a un'orchestra e prendersi quella marea di frequenze e timbri a una distanza così ravvicinata... se "insegnare" è il prezzo da pagare, in quel caso sarei più che disposto a farlo!
Ovviamente queste non sono le uniche ragioni per cui provo interesse nel farlo comunque...

SandroII
Messaggi: 13
Iscritto il: mar 23 gen 2018, 10:30

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da SandroII » ven 02 mar 2018, 14:53

Giorgio Signorile ha scritto:
gio 01 mar 2018, 16:50
SandroII ha scritto:
gio 01 mar 2018, 05:59
Non ho la minima intenzione di finire a insegnare
Detto cosi pare una punizione divina :mrgreen:
Ahahahahahahahahahaha! Effettivamente 😁

alessandro lienzo

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da alessandro lienzo » ven 02 mar 2018, 16:26

SandroII ha scritto:
ven 02 mar 2018, 14:51
Livio82 ha scritto:
gio 01 mar 2018, 17:18
Scusa, ma un direttore d' orchestra una delle cose principali che deve saper fare è insegnare! Se poi come ripiego devi insegnare a malincuore, meglio neppure iniziare! :D
È diverso però! Ammetto che ora come ora non so nulla di direzione d'orchestra, quindi la mia idea di direzione d'orchestra può essere un po' utopistica. Per il momento solo iniziato a studiare le basi (partendo dalla conoscenza degli archi) da un libro di Walter Piston, per pura curiosità; però, in quanto direttore, almeno da quel che ho visto, sei a contatto principalmente con un mondo più adulto e circondato da musicisti con una certa esperienza. Per me questo significherebbe già tanto. Oltretutto dev'essere magnifico stare di fronte a un'orchestra e prendersi quella marea di frequenze e timbri a una distanza così ravvicinata... se "insegnare" è il prezzo da pagare, in quel caso sarei più che disposto a farlo!
Ovviamente queste non sono le uniche ragioni per cui provo interesse nel farlo comunque...
L'iter della direzione è lunghissimo:
Composizione, pianoforte, lettura della partitura, ed infine direzione.
Si giustifica con le grandi capacità richieste.
Nulla vieta di dirigere anche senza possedere questi titoli ma ci vuole la guida di un maestro che indirizzi.
A me insegnare piace moltissimo, più di insegnare io credo che si studi assieme perché eseguire certi esercizi serve sempre..
Però capisco che se non si è votati a questa pratica meglio non inguaiare chi ha voglia di apprendere.

SandroII
Messaggi: 13
Iscritto il: mar 23 gen 2018, 10:30

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da SandroII » ven 02 mar 2018, 18:57

Beh... ma in 5 anni sarà fattibile, no? Metti che passo tutta la giornata a fare pratica e la sera a studiare... più o meno quello che già faccio...

alessandro lienzo

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da alessandro lienzo » ven 02 mar 2018, 19:04

Tutto è fattibile, a livello accademico non credo però perché una laurea ha dei tempi specifici, ed oggi anche composizione è una laurea a quanto so..
Questo vuol dire, laurearsi in chitarra e poi in composizione e così via.
Il problema non è il tempo ma la preparazione.

SandroII
Messaggi: 13
Iscritto il: mar 23 gen 2018, 10:30

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da SandroII » ven 02 mar 2018, 19:12

Quindi è obbligatoria la laurea in composizione e pianoforte?
Io nei requisiti presentati dai vari conservatori avevo letto che bastasse il diploma in uno strumento qualsiasi

Balaju
Messaggi: 825
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da Balaju » mer 02 mag 2018, 15:45


ninoram
Messaggi: 836
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Futuro della chitarra

Messaggio da ninoram » mer 02 mag 2018, 18:06

Ha ragione Alma Steiner. La Gibson è fallita proprio perchè non ha puntato sulle chitarre ma su altri settori dell'economia...
Saluti!!

Torna a “Luogo pubblico”