Bassi profondi e cantini rotondi

Manutenzione e corde della chitarra.
Mangoriano
Messaggi: 15
Iscritto il: gio 11 lug 2019, 06:52

Re: Bassi profondi e cantini rotondi

Messaggio da Mangoriano » mar 06 ago 2019, 14:31

In effetti le titanium dopo 10 giorni e suonando 3/4 ore al giorno continuano a scordarsi.mi dispiace cambiarle perché le titanium dovrebbero avere una vita più lunga della media delle altre in nylon.ma non vedo altra soluzione.ho preso una cordiera La Bella e le proverò per la prima volta.le ho pagate 13 euro e ne ho sentito parlare molto bene.
Prima di Dio, Mangoré!

rafa55
Messaggi: 78
Iscritto il: mar 25 lug 2017, 16:35

Re: Bassi profondi e cantini rotondi

Messaggio da rafa55 » sab 31 ago 2019, 22:43

Io penso che dipenda molto dallo strumento e dalle condizioni atmosferiche. Sulla mia Esteve suonano bene le Savarez Cantiga e Cantiga Premium bassi profondi e cantinoi forse troppo squillanti, abbastanza sensibili ai cambiamenti repentini di temperatura e umidita'. Le più stabili e bilanciate fino ad ora sono state le Hannabach 815 HT. La prossima muta provero' le Silver 200.

Carlo Di Vicino
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 13
Iscritto il: gio 05 set 2019, 06:35

Re: Bassi profondi e cantini rotondi

Messaggio da Carlo Di Vicino » sab 07 set 2019, 05:50

Ciao a tutti. Sulla mia chitarra classica ho montato un mi cantino Augustin regals media tensione che ha una sonorità insolita: passando dalla corda Sì alla corda Mi il suono si spegne rapidamente. Che tipo di Mi potrei usare per avere un sonorità migliore.Grazie, Carlo

ninoram
Messaggi: 881
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Bassi profondi e cantini rotondi

Messaggio da ninoram » sab 07 set 2019, 09:01

Se non mi sbaglio, le Regals sono extra high tension. Cambia - nelle varie combinazioni - la tensione dei bassi. Ho il sospetto, che il difetto che descrivi dipenda dalla chitarra...
Saluti!!

pippowitz
Messaggi: 2355
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: Bassi profondi e cantini rotondi

Messaggio da pippowitz » sab 07 set 2019, 10:35

Carlo Di Vicino ha scritto:
sab 07 set 2019, 05:50
Ciao a tutti. Sulla mia chitarra classica ho montato un mi cantino Augustin regals media tensione che ha una sonorità insolita: passando dalla corda Sì alla corda Mi il suono si spegne rapidamente. Che tipo di Mi potrei usare per avere un sonorità migliore.Grazie, Carlo
In genere prima e seconda corda si mettono dello stesso tipo, proprio per evitare che ci sia troppa differenza nel suono. La terza corda può anche essere diversa perché è una corda "critica" per molte chitarre. Le Augustine regals non le conosco quindi non ne dico nulla. Però è sempre possibile incappare in una corda difettosa, specialmente se si tratta della prima. Se il suono è ovattato ma solo quando suoni la corda libera mentre le altre note della prima corda vanno bene vuol dire che c'è un problema all'ossicino della paletta. Un suono sempre ovattato potrebbe essere dovuto invece all'ossicino del ponte, ma in quel caso il problema ci dovrebbe essere con qualsiasi corda. Se invece le note hanno un forte attacco, "sparano", ma poi il suono decade troppo in fretta allora potrebbe essere la corda ad essere difettosa.
Che corde sia meglio montare sulla tua chitarra per avere, come dici tu, "una sonorità migliore"... dipende, dipende da quale sia per te "una sonorità migliore" e da come risponde la chitarra. In generale se vuoi un suono più squillante vai verso le corde in carbonio, se vuoi un suono più rotondo allora stai sul nylon. Evita corde troppo economiche (diciamo all'incirca sotto i 10€ per set) e se vuoi incominciare a fare qualche prova inizia con le solite marche di corde che usano un po' tutti con soddisfazione. Io mi trovo bene con le Savarez: in generale la qualità mi sembra ottima, il prezzo buono e tra i vari tipi qualcosa che vada bene per la maggior parte delle chitarre si trova sempre.
Poi va sempre tenuto presente che non esistono corde in grado di trasformare una Yamaha C40 in una Fleta, c'è poco da fare...

Torna a “Corde della chitarra”