Mauro Giuliani Op. 139 n. 5

(1760-1850, Carulli, Sor, Giuliani, Carcassi). In questa sezione si possono postare esclusivamente opere di dominio pubblico (leggere il regolamento del forum). Le registrazioni di opere protette da diritti d'autore saranno soppresse senza preavviso.
Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 272
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15
Località: Gorgonzola (MI)

Mauro Giuliani Op. 139 n. 5

Messaggio da Marco Leonardi » dom 29 lug 2018, 15:43

Questo Andantino fa parte dei sei studi dell'opera 139 che difatto doveva contare 24 studi divisi in quattro parti. Attualmente tre parti non sono reperibili e quindi dell'opera 139 ci sono rimasti solo 6 studi. La data di pubblicazione ad opera dell'editore Ricordi è 1840 anche se gli studi dell'opera vanno retrodatati di dodici anni, quando vennero pubbicati la prima volta dall'editore Girard a Napoli nel 1828. Il numero d'opera 139 fu forse apposto dall'editore Ricordi nel 1840 dodici anni dopo la morte di Giuliani. Pare che Giuliani, quando pubblicò questi brani con Girard, non mise alcun numero d'opera. Il brusco calo da parte di Giuliani della produzione editoriale di quel periodo erano il triste segnale della fine ormai imminente, Giuliani morì nella notte fra il 7 e l'8 maggio del 1829. Negli ultimi anni Giuliani visse in condizioni di salute ed economiche precarie, difatto fu abbandonato e sfruttato fino all'ultimo dagli editori, in particolare dal suo editore storico viennese Artaria e dal milanese Ricordi che assumevano sempre di più il controllo delle sue opere. Morì in povertà lasciandoci un patrimonio di musica inestimabile. Le spoglie di Giuliani andarono purtroppo perdute. Fu più "fortunato" Fernando Sor che riposa in una tomba situata al cimitero di Montmartre a Parigi.



Marco :bye:
D6

Francesco
Messaggi: 56
Iscritto il: mar 06 mag 2014, 14:09

Re: Mauro Giuliani Op. 139 n. 5

Messaggio da Francesco » mer 07 nov 2018, 14:24

:okok:

Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 479
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

Re: Mauro Giuliani Op. 139 n. 5

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » mer 07 nov 2018, 23:31

Marco Leonardi ha scritto:
dom 29 lug 2018, 15:43
Questo Andantino fa parte dei sei studi dell'opera 139 che difatto doveva contare 24 studi divisi in quattro parti. Attualmente tre parti non sono reperibili e quindi dell'opera 139 ci sono rimasti solo 6 studi. La data di pubblicazione ad opera dell'editore Ricordi è 1840 anche se gli studi dell'opera vanno retrodatati di dodici anni, quando vennero pubbicati la prima volta dall'editore Girard a Napoli nel 1828. Il numero d'opera 139 fu forse apposto dall'editore Ricordi nel 1840 dodici anni dopo la morte di Giuliani. Pare che Giuliani, quando pubblicò questi brani con Girard, non mise alcun numero d'opera. Il brusco calo da parte di Giuliani della produzione editoriale di quel periodo erano il triste segnale della fine ormai imminente, Giuliani morì nella notte fra il 7 e l'8 maggio del 1829. Negli ultimi anni Giuliani visse in condizioni di salute ed economiche precarie, difatto fu abbandonato e sfruttato fino all'ultimo dagli editori, in particolare dal suo editore storico viennese Artaria e dal milanese Ricordi che assumevano sempre di più il controllo delle sue opere. Morì in povertà lasciandoci un patrimonio di musica inestimabile. Le spoglie di Giuliani andarono purtroppo perdute. Fu più "fortunato" Fernando Sor che riposa in una tomba situata al cimitero di Montmartre a Parigi.



Marco :bye:
Buonasera Marco, complimenti :okok: per la stesura delle righe che ben presentano la figura di Giuliani (il suo triste ed immeritato declino)ed il suo brano, :bravo: :bravo: :bravo: per come lo hai suonato e, soprattutto, mi congratulo con te, per la bellissima chitarra romantica. Sai per caso se ne esistono anche di serie e non solo di liuteria?
:bye: Enzo
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 272
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15
Località: Gorgonzola (MI)

Re: Mauro Giuliani Op. 139 n. 5

Messaggio da Marco Leonardi » lun 12 nov 2018, 18:27

Vincenzo Rapacciuolo ha scritto:
mer 07 nov 2018, 23:31
Marco :bye:
Buonasera Marco, complimenti :okok: per la stesura delle righe che ben presentano la figura di Giuliani (il suo triste ed immeritato declino)ed il suo brano, :bravo: :bravo: :bravo: per come lo hai suonato e, soprattutto, mi congratulo con te, per la bellissima chitarra romantica. Sai per caso se ne esistono anche di serie e non solo di liuteria?
:bye: Enzo
[/quote]
Ciao Vincenzo, innanzitutto grazie per aver ascoltato e per i complimenti anche se ho ancora molto da sistemare.
Non vorrei sbagliarmi ma non mi risulta che questo tipo di chitarre siano prodotte in serie. Sicuramente ci sono diverse proposte da parte dei liutai dai quali puoi acquistare una chitarra romantica sicuramente al top spendendo introno ai 2000€. Nel mio caso ho preferito prendere qualche rischio acquistando questa chitarra romantica originale ma da sistemare, senza spendere una fortuna (350€) e quindi farla appunto sistemare da un liutaio che ha rifatto la tastiera, ha sistemato il ponte più altri ritocchi sulla rosetta e chiedendomi alla fine una cifra molto onesta pari a 300 €. Se noi sei un professionista ma un dilettante come me ti consiglio di cercare una chitarra romantica originale che non sia troppo messa male e farla sistemare da un liutaio. Con un pò di fortuna, come è il mio caso, ti ritrovi tra le mani una chitarra con +150 anni di legno "sulle spalle" e gradevolissima da suonare.
Inoltre fa veramente un certo effetto suonare uno strumento che è nato proprio in quel periodo storico romantico del 1800 dove, secondo il mio gusto personale, è stato composto il meglio del meglio per questo nostro amatissimo strumento.
Marco
D6

Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 479
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

Re: Mauro Giuliani Op. 139 n. 5

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » lun 12 nov 2018, 18:37

Marco Leonardi ha scritto:
lun 12 nov 2018, 18:27
Vincenzo Rapacciuolo ha scritto:
mer 07 nov 2018, 23:31
Marco :bye:
Buonasera Marco, complimenti :okok: per la stesura delle righe che ben presentano la figura di Giuliani (il suo triste ed immeritato declino)ed il suo brano, :bravo: :bravo: :bravo: per come lo hai suonato e, soprattutto, mi congratulo con te, per la bellissima chitarra romantica. Sai per caso se ne esistono anche di serie e non solo di liuteria?
:bye: Enzo
Ciao Vincenzo, innanzitutto grazie per aver ascoltato e per i complimenti anche se ho ancora molto da sistemare.
Non vorrei sbagliarmi ma non mi risulta che questo tipo di chitarre siano prodotte in serie. Sicuramente ci sono diverse proposte da parte dei liutai dai quali puoi acquistare una chitarra romantica sicuramente al top spendendo introno ai 2000€. Nel mio caso ho preferito prendere qualche rischio acquistando questa chitarra romantica originale ma da sistemare, senza spendere una fortuna (350€) e quindi farla appunto sistemare da un liutaio che ha rifatto la tastiera, ha sistemato il ponte più altri ritocchi sulla rosetta e chiedendomi alla fine una cifra molto onesta pari a 300 €. Se noi sei un professionista ma un dilettante come me ti consiglio di cercare una chitarra romantica originale che non sia troppo messa male e farla sistemare da un liutaio. Con un pò di fortuna, come è il mio caso, ti ritrovi tra le mani una chitarra con +150 anni di legno "sulle spalle" e gradevolissima da suonare.
Inoltre fa veramente un certo effetto suonare uno strumento che è nato proprio in quel periodo storico romantico del 1800 dove, secondo il mio gusto personale, è stato composto il meglio del meglio per questo nostro amatissimo strumento.
Marco
[/quote]

:merci: per la cortese e dettagliata risposta. Quando sarà il momento seguirò, certamente, i tuoi consigli :wink: .
:bye: Enzo
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Torna a “Audio e Video di musica classica”