D02 Lezione di chitarra classica 03

I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.
Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Avatar utente
Jean-François Delcamp
Amministrator
Messaggi: 4425
Iscritto il: dom 30 mag 2004, 20:49
Località: Brest, Francia

D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Jean-François Delcamp » mar 06 nov 2018, 09:47

Buongiorno a tutti,
per favore assicuratevi di aver scaricato l'ultima versione del volume D02.
Se siete nuovi, leggete questo messaggio per prendere conoscenza delle condizioni per partecipare ai corsi.
Leggete parimenti il messaggio del primo corso, vi troverete consigli sull'impiego del tempo e le metodiche di lavoro che io vi raccomando.




Innanzitutto, ci accingiamo a ripassare alcuni esercizi tecnici del volume D02.
- pagina 73, numeri 6 e 7.
Suonate questo esercizio per la mano sinistra lasciando le dita posate sulla tastiera il più a lungo possibile, come vi mostro nel video seguente. Se le distanze vi sembrano eccessive, potete agevolare il lavoro della mano sinistra suonando questi esercizi in posizione III o V. Così le distanze tra le dita saranno minori. Evitate di piegare il polso sinistro, cosa che fa male e ostacola l'azione delle dita. Cercate la posizione (del manico della chitarra, del gomito, della spalla) che vi possa permettere di suonare con la mano sn senza piegare il polso, come vi mostro nel video che segue. Suonerete meglio questo esercizio mettendo il pollice sn sotto l'anulare sn, cioè sotto il terzo tasto.




- pagina 74 Scala cromatica
Suonate questa scala lasciando le dita posate sulla tastiera il più a lungo possibile, come vi mostro in questo video. Suonerete meglio questo esercizio ponendo il pollice sn sotto l'anulare sinistro, cioè sotto il terzo tasto.




Infine, studiamo con attenzione due pezzi, pagine 10, 16 e 17.


- pagina 10, ANONIMO (1600), A TOYE.
"A Toye" è costituita da tre parti di quattro misure ciascuna, la terza parte è identica alla prima. Questo pezzo è dunque di struttura a-b-a, cosiddetta "forma lied". [ (in tedesco, canzone). ]

La prima parte usa la tonalità di LA maggiore, vi si nota il ritmo della "siciliana" (breve puntata, doppia breve, breve). La seconda parte usa la tonalità di RE maggiore. LA maggiore e RE maggiore sono tonalità vicine, queste tonalità hanno sei note in comune ed una nota differente. Il SOL è diesato in LA maggiore, il SOL è naturale in RE maggiore.
La "forma lied" è usata spesso dai compositori, ne troverete altri cinque esempi nello stesso volume:
Juan Bobrowitz : Danse polonaise
Joseph Meissonnier : Andante affettuoso
Mauro Giuliani : Écossaise n°10 opus 33
Fernando Sor : Allegretto n°2 opus 44
Felix Horetzky : Amusement opus 18 no.10


- pagine 16-17, Jean-François DELCAMP (1956), SOLEARES.
Questo brano deriva dalla musica flamenca, ma non rispetta l'accentazione tradizionale del ritmo su dodici tempi (1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12). La modalità usata è la modalità andalusa: MI FA SOL# LA SI DO RE MI. I ritornelli sono obbligatori, per mantenere la struttura basata su elementi di quattro misure.




Vi domando prima di tutto di lavorare su questi esercizi e arie per una settimana e poi di pubblicare le vostre registrazioni di:
- pagina 10 ANONYME (1600) ATOYE
- pagine 16-17 Jean-François DELCAMP (1956) SOLEARES



Forza e coraggio!

Vorrei ringraziare Desafinado, Paola Liguori, Alma Steiner, Arteusian, Luigi (luigib952), Ferdinando Bonapace (Magic Guitar), Giovanni (PinGiov) e GabrielePenna che hanno offerto il loro aiuto per la traduzione in italiano dei miei corsi.

Jean-François
:( + ♫ = :)

Avatar utente
Paola Liguori
Moderator
Messaggi: 8623
Iscritto il: dom 29 mar 2009, 00:27
Località: ROMA

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Paola Liguori » mar 06 nov 2018, 10:22


Daniele Balduin
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 89
Iscritto il: lun 18 dic 2017, 12:27
Località: Este (Padova)

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Daniele Balduin » mer 07 nov 2018, 11:47

Difficili questi due brani.
Si dovrà lavorare tanto prima di poterli pubblicare.

Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 536
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » mer 07 nov 2018, 20:03

Buonasera chitarristi, prima di pubblicare i miei lavori, è doveroso per me porgere le mie scuse :oops: (mai stato serio come in questo momento) al M° Delcamp, per come sono riuscito a rovinare i suoi due brani (mi riferisco, ovviamente, alla Malaguena ed alla Soleares), pur impegnandomi tantissimo (lo giuro!). Mi ripropongo di ripubblicarli a fine anno accademico, cercando di migliorarli un po' (se mai ci riuscirò). Questa esperienza però mi è servita
da lezione (è proprio il caso di dirlo) per constatare una volta di più, quale sia la distanza siderale che ancora mi separa da chi suona per davvero. Comunque con la faccia tosta che mi ritrovo, non mi scoraggio e continuo a divertirmi mettendoci tutto l'impegno e lo spirito giusto del dilettante. Detto questo, mi appello alla clemenza del vostro giudizio :wink: .
[media][/media][media][/media]
[media][/media][media][/media]
:bye: Enzo
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Giorgio Marras
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 162
Iscritto il: sab 09 dic 2017, 16:01
Località: elini

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Giorgio Marras » gio 08 nov 2018, 04:33

Vincenzo Rapacciuolo ha scritto:
mer 07 nov 2018, 20:03
Buonasera chitarristi, prima di pubblicare i miei lavori, è doveroso per me porgere le mie scuse :oops: (mai stato serio come in questo momento) al M° Delcamp, per come sono riuscito a rovinare i suoi due brani (mi riferisco, ovviamente, alla Malaguena ed alla Soleares), pur impegnandomi tantissimo (lo giuro!). Mi ripropongo di ripubblicarli a fine anno accademico, cercando di migliorarli un po' (se mai ci riuscirò). Questa esperienza però mi è servita
da lezione (è proprio il caso di dirlo) per constatare una volta di più, quale sia la distanza siderale che ancora mi separa da chi suona per davvero. Comunque con la faccia tosta che mi ritrovo, non mi scoraggio e continuo a divertirmi mettendoci tutto l'impegno e lo spirito giusto del dilettante. Detto questo, mi appello alla clemenza del vostro giudizio :wink: .
Buongiorno
Salve
mi permetto di parlare a nome di M°Delcamp :D, e di respingere le scuse porsee, perchè i suoi brani meritano di essere presentati :D ...scherzi a parte :bravo: :bravo: , sono brani tosti e solo con il tempo si raggiunge quel grado di scorrevolezza perfetta, ma attualmente possiamo dire che ci siamo...a presto
Ciao Giorgio

Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 536
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » gio 08 nov 2018, 10:34

Giorgio Marras ha scritto:
gio 08 nov 2018, 04:33
Vincenzo Rapacciuolo ha scritto:
mer 07 nov 2018, 20:03
Buonasera chitarristi, prima di pubblicare i miei lavori, è doveroso per me porgere le mie scuse :oops: (mai stato serio come in questo momento) al M° Delcamp, per come sono riuscito a rovinare i suoi due brani (mi riferisco, ovviamente, alla Malaguena ed alla Soleares), pur impegnandomi tantissimo (lo giuro!). Mi ripropongo di ripubblicarli a fine anno accademico, cercando di migliorarli un po' (se mai ci riuscirò). Questa esperienza però mi è servita
da lezione (è proprio il caso di dirlo) per constatare una volta di più, quale sia la distanza siderale che ancora mi separa da chi suona per davvero. Comunque con la faccia tosta che mi ritrovo, non mi scoraggio e continuo a divertirmi mettendoci tutto l'impegno e lo spirito giusto del dilettante. Detto questo, mi appello alla clemenza del vostro giudizio :wink: .
Buongiorno
Salve
mi permetto di parlare a nome di M°Delcamp :D, e di respingere le scuse porsee, perchè i suoi brani meritano di essere presentati :D ...scherzi a parte :bravo: :bravo: , sono brani tosti e solo con il tempo si raggiunge quel grado di scorrevolezza perfetta, ma attualmente possiamo dire che ci siamo...a presto
Ciao Giorgio
:merci: Giorgio troppo buono.
:bye: Enzo
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Avatar utente
luigi de bono
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 523
Iscritto il: dom 23 lug 2017, 15:16

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da luigi de bono » gio 08 nov 2018, 10:46

Ciao Enzo,ho ascoltato la tua lezione, e sia Toys che la Solearis sono state eseguite molto bene.Per quanto attiene alle tue considerazioni devi essere orgoglioso di quanto fatto fin ora.La tua passione con il tempo ti farà superare gli ostacoli che ora ti sembrano insormontabili.
Bene ha detto Giorgio i brani sono tosti;e tu li hai eseguiti bene.Un abbraccio Luigi

Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 536
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » gio 08 nov 2018, 10:59

luigi de bono ha scritto:
gio 08 nov 2018, 10:46
Ciao Enzo,ho ascoltato la tua lezione, e sia Toys che la Solearis sono state eseguite molto bene.Per quanto attiene alle tue considerazioni devi essere orgoglioso di quanto fatto fin ora.La tua passione con il tempo ti farà superare gli ostacoli che ora ti sembrano insormontabili.
Bene ha detto Giorgio i brani sono tosti;e tu li hai eseguiti bene.Un abbraccio Luigi
:merci: Luigi per il tuo incoraggiamento. Sai bene che per me, in questo forum, costituisci un solido punto di riferimento ed il modello cui ambire.
:bye: Enzo
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Ivan Martino
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 115
Iscritto il: ven 04 mag 2018, 08:24
Località: Torino

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Ivan Martino » mer 14 nov 2018, 18:20

Vincenzo Rapacciuolo ha scritto:
mer 07 nov 2018, 20:03
Buonasera chitarristi, prima di pubblicare i miei lavori, è doveroso per me porgere le mie scuse :oops: (mai stato serio come in questo momento) al M° Delcamp, per come sono riuscito a rovinare i suoi due brani (mi riferisco, ovviamente, alla Malaguena ed alla Soleares), pur impegnandomi tantissimo (lo giuro!). Mi ripropongo di ripubblicarli a fine anno accademico, cercando di migliorarli un po' (se mai ci riuscirò). Questa esperienza però mi è servita
da lezione (è proprio il caso di dirlo) per constatare una volta di più, quale sia la distanza siderale che ancora mi separa da chi suona per davvero. Comunque con la P8faccia tosta che mi ritrovo, non mi scoraggio e continuo a divertirmi mettendoci tutto l'impegno e lo spirito giusto del dilettante. Detto questo, mi appello alla clemenza del vostro giudizio :wink: .

Ciao Vincenzo, complimenti per l'esecuzione e per l'umiltà. Figurati che io sono ancora impantanato sulla malaguena della seconda lezione. Un saluto e coraggio che supereremo tutte le difficoltà.....

Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 536
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » mer 14 nov 2018, 19:51

Ivan Martino ha scritto:
mer 14 nov 2018, 18:20
Vincenzo Rapacciuolo ha scritto:
mer 07 nov 2018, 20:03
Buonasera chitarristi, prima di pubblicare i miei lavori, è doveroso per me porgere le mie scuse :oops: (mai stato serio come in questo momento) al M° Delcamp, per come sono riuscito a rovinare i suoi due brani (mi riferisco, ovviamente, alla Malaguena ed alla Soleares), pur impegnandomi tantissimo (lo giuro!). Mi ripropongo di ripubblicarli a fine anno accademico, cercando di migliorarli un po' (se mai ci riuscirò). Questa esperienza però mi è servita
da lezione (è proprio il caso di dirlo) per constatare una volta di più, quale sia la distanza siderale che ancora mi separa da chi suona per davvero. Comunque con la P8faccia tosta che mi ritrovo, non mi scoraggio e continuo a divertirmi mettendoci tutto l'impegno e lo spirito giusto del dilettante. Detto questo, mi appello alla clemenza del vostro giudizio :wink: .

Ciao Vincenzo, complimenti per l'esecuzione e per l'umiltà. Figurati che io sono ancora impantanato sulla malaguena della seconda lezione. Un saluto e coraggio che supereremo tutte le difficoltà.....
Buonasera Ivan :merci: per i complimenti e per l'incoraggiamento, fanno sempre piacere :okok: .
:bye: Enzo
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Ivan Martino
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 115
Iscritto il: ven 04 mag 2018, 08:24
Località: Torino

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Ivan Martino » lun 19 nov 2018, 12:06

Buongiorno chitarristi. Sto studiando il brano a toye. Mi stavo chiedendo se le fioriture e i mordenti che vedo nel video del M' Delcamp non siano indicati nello spartito oppure non abbia io la versione aggiornata del brano. Qualcuno può farmi sapere?
Grazie
:discussion: :casque: :merci:

Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 536
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » lun 19 nov 2018, 15:17

Ivan Martino ha scritto:
lun 19 nov 2018, 12:06
Buongiorno chitarristi. Sto studiando il brano a toye. Mi stavo chiedendo se le fioriture e i mordenti che vedo nel video del M' Delcamp non siano indicati nello spartito oppure non abbia io la versione aggiornata del brano. Qualcuno può farmi sapere?
Grazie
:discussion: :casque: :merci:
Ciao Ivan, dagli archivi anche gli altri allievi l'hanno suonato senza abbellimenti così come da spartito.
:bye: Enzo
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Ivan Martino
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 115
Iscritto il: ven 04 mag 2018, 08:24
Località: Torino

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Ivan Martino » lun 19 nov 2018, 19:21

Vincenzo Rapacciuolo ha scritto:
lun 19 nov 2018, 15:17
Ivan Martino ha scritto:
lun 19 nov 2018, 12:06
Buongiorno chitarristi. Sto studiando il brano a toye. Mi stavo chiedendo se le fioriture e i mordenti che vedo nel video del M' Delcamp non siano indicati nello spartito oppure non abbia io la versione aggiornata del brano. Qualcuno può farmi sapere?
Grazie
:discussion: :casque: :merci:
Ciao Ivan, dagli archivi anche gli altri allievi l'hanno suonato senza abbellimenti così come da spartito.
:bye: Enzo
Grazie mille per la risposta. A presto. :discussion: :casque:

Ivan Martino
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 115
Iscritto il: ven 04 mag 2018, 08:24
Località: Torino

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Ivan Martino » ven 23 nov 2018, 10:16

Buongiorno chitarristi. Sto studiando il brano soleares del M' Delcamp. Avrei due domande da porre. 1) va eseguito tutto con tocco appoggiato? 2) in caso affermativo, anche il terzinato della falseta 3 va eseguito così? Mi riferisco in particolar modo al mi cantino. Grazie. Ci aggiorniamo. :discussion: :casque:

Avatar utente
Giuseppe Gasparini
Allievi tutor
Messaggi: 354
Iscritto il: sab 02 apr 2016, 17:57
Località: Genova

Re: D02 Lezione di chitarra classica 03

Messaggio da Giuseppe Gasparini » sab 24 nov 2018, 21:09

Ivan Martino ha scritto:
ven 23 nov 2018, 10:16
Buongiorno chitarristi. Sto studiando il brano soleares del M' Delcamp. Avrei due domande da porre. 1) va eseguito tutto con tocco appoggiato? 2) in caso affermativo, anche il terzinato della falseta 3 va eseguito così? Mi riferisco in particolar modo al mi cantino. Grazie. Ci aggiorniamo. :discussion: :casque:
Ciao Ivan,secondo me la linea del canto è con il pollice,perciò dove tu indichi non serve l'appoggiato :ouioui: :bye:

Torna a “Corsi di chitarra classica in linea”