Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
velabianca

Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da velabianca » lun 12 mar 2007, 00:49

Qualcuno ha notizie su un liutaio di Catania che si chiama Giuseppe Indelicato Contarino? Ho visto un mandolino di questo liutaio venduto a 490 Euro su un sito tedesco e mi chiedevo se fosse qualche strumento vintage e se il liutaio faceva anche chitarre.
Grazie!




Velabianca

Lamrostra

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da Lamrostra » ven 13 apr 2012, 09:28

si faceva anche chitarre qui trovi qualcosa

http://www.flickr.com/photos/59894815@N ... otostream/

:bye:

patrizia indelicato

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da patrizia indelicato » mar 31 dic 2013, 18:53

salve,
Giuseppe Indelicato Contarino era mio nonno e fabbricava mandolini , mandole , chitarre , hawajans e banjos a Catania in v. Crescenzio Galatola 27 e poi
in via Botte dell'acqua 17-19 sempre a Catania .Esportava in tutto il mondo , dall'Argentina al Giappone alla Nuova Zelanda (io ,collezionavo i francobolli dei vari clienti) . La fabbrica poi è passata ai 2 figli maschi (fratelli Indelicato) e alla morte di mio zio (circa 50 anni fa ) è
rimasta a mio padre (Giuseppe Indelicato) che da via Botte dell'acqua si è trasferito in via Daniele (CT) .
Mio padre , ha chiuso l'attività circa 35 anni fa , quando io ancora ero al liceo ,perché era anziano (ora ha quasi 101 anni) e poi perché in quel periodo il
Giappone faceva concorrenza ai liutai con chitarre "Yamaha" che avevano un buon rapporto qualità-prezzo , comunque noto con piacere che gli strumenti musicali
di fascia alta (suoi e di suo padre) vengono apprezzati ancora oggi .

tancredi

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da tancredi » mar 31 dic 2013, 20:05

Benvenuta sul forum, Patrizia, e tanti auguri a lei e a suo Padre (101 anni!) per questo 2014 in arrivo.
Conservo qualche immagine di strumenti Indelicato Contarino nel mio database, soprattutto mandolini, tutti di preziosa e ragguardevole fattura.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4696
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da Massimo Di Coste » mer 01 gen 2014, 08:56

mi piacerebbe sapere cosa non hai nel tuo database, caro Tancredi, ti prego!!! :mrgreen: :okok:

:bye:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

tancredi

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da tancredi » mer 01 gen 2014, 12:37

un sacco di auguri per il 2014, Massimo, a te e ai tuoi cari :bye: Ti segnalo un link dove si vede molto bene una chitarra hawaiana di Indelicato Contarino: http://www.mootzproductions.com/my-guit ... uitar.html
Mi ha fatto piacere veder riaffiorare un topic di velabianca, purtroppo sparita dai nostri radar. Una bella sensibilità, interventi sempre molto intelligenti e garbati, peccato che si sia allontanata.
Un abbraccio

Franco.I
Messaggi: 467
Iscritto il: mer 13 gen 2010, 22:45
Località: Reggio Emilia

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da Franco.I » mer 01 gen 2014, 16:34

La richezza di questo forum in questi contesti si dimostra veramente incredibile . Sono pezzi di storia importanti che emergono,pezzi scintillanti che altrimenti rischierebbero di andare perduti e questo fa almeno il pari con gli avvenimenti sgradevoli che a volte accadono e ti fa riconciliare col mondo. Nel database di Tancredi sono convinto caro Massimo che si farebbe prima infatti a sapere cosa non c'è. E' una fonte inesauribile di ricchezza messa a disposizione con una disponibilità che a volte ne offusca l'importanza. Sai, come quando regali i biglietti per il cinematografo e te li ritrovi sparsi e inutilizzati sui tavolini. Un grazie a Tancredi , a Patrizia Indelicato e a Velabianca.

tancredi

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da tancredi » mer 01 gen 2014, 22:11

:merci: fortebraccio!
Chissà se Patrizia Indelicato Contarino continuerà a frequentarci. Sarebbe magnifico se volesse darci altre preziose informazioni sull'attività famigliare, magari intervistando il Babbo e raccogliendo una testimonianza unica su quegli anni fervidi in cui Catania è stata una capitale della liuteria.
Ultima modifica di tancredi il gio 02 gen 2014, 00:09, modificato 1 volta in totale.

Roberto Ferretti

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da Roberto Ferretti » mer 01 gen 2014, 23:25

Mi sono sempre domandato quali sono i motivi storici che fecero di Catania un centro importante per la produzione di chitarre....sarà stata una circostanza casuale o ci sono dei motivi razionali che qualcuno conosce'?

patrizia indelicato

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da patrizia indelicato » gio 02 gen 2014, 09:31

abito fuori Catania da quasi 30 anni ma cercherò di avere informazioni quando vedrò mio padre (a Pasqua).
So pochissimo di mio nonno (mai conosciuto ed effettivamente i francobolli che collezionavo erano dei clienti di mio padre) e mio padre parla poco della sua
famiglia(so che la madre, Maria Fichera , è morta quando lui era piccolo) , comunque penso che il vero "liutaio" fosse lui (il nonno) o mio zio (Mario Indelicato-Fichera) che si firmava anche con il cognome di mia nonna nel periodo quando mio padre era in marina (guerra). Questo Natale ho cercato di avere notizie , ma i suoi ricordi andavano sempre al periodo quando era imbarcato sull'Antoniotto Usodimare o prigioniero degli inglesi in Africa.(nel periodo dei"fratelli Indelicato" Mario si occupava delle chitarre e lui dei rapporti con i clienti).
So che a Catania erano in 2 a costruire chitarre: Indelicato e Carmelo Catania e, a proposito di Carmelo Catania,per farmi capire come si viveva nel periodo del dopoguerra, mi ha raccontato di un baratto scarponi-sci tra lui e quest'ultimo (lui ha dato un paio di scarponi e Carmelo gli ha costruito un bellissimo paio di sci
in legno).

tancredi

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da tancredi » gio 02 gen 2014, 10:34

@ Roberto Ferretti: notizie sul distretto produttivo catanese qui: http://www.fetishguitars.com/portfolio/ ... n-italy-4/ e anche nelle altre pagine.

@ Patrizia: grazie mille per la testimonianza e la condivisione di questa amicizia.
Catania è forse l'esponente più noto della liuteria catanese, alla quale apportò l'esperienza fatta a Napoli coi Calace e a Roma con Embergher, costruttore di una famosa Harp-guitar che fu un po' il suo cavallo di battaglia, oltre che di strumenti a pizzico di tutti i tipi e in grandi numeri. Fra i primi a credere nel futuro industriale (con buona pace di chi pensa che nel Mezzogiorno non esista iniziativa) spostò nel dopoguerra lo stabilimento da Catania a Mascalucia dando lavoro, nel periodo d'oro, a 50 addetti. Frequenti i suoi viaggi a Mirecourt per proficui contatti con la liuteria francese, anzi italo-francese, dal momento che proprio in Francia negli anni 20 erano migrati molti artigiani catanesi come Pappalardo, Castelluccia, Di Mauro, Favino, Petillo e svariati altri.
Bellissima la storia del baratto sci/scarponi. Che Carmelo Catania e Giuseppe Indelicato Contarino fossero amici commuove e non sorprende.

Qui una foto di Catania nella vetrina del suo negozio:
Immagine

Roberto Ferretti

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da Roberto Ferretti » gio 02 gen 2014, 11:40

patrizia indelicato ha scritto: So che a Catania erano in 2 a costruire chitarre: Indelicato e Carmelo Catania
A Catania i liutai abbondavano....da quello che ho capito (confermato dal link di Tancredi) fu la fabbrica Bucolo che generò molti liutai che lavorarono in modo autonomo. Catania era un centro di liuteria importante, insieme a Napoli e Cremona.
Queste vicende confermano la mia idea che il meridione subì una arretratezza economica proprio in conseguenza all'unione con il nord, per la sciagurata politica di depredazione. La Storia è sempre stata narrata dai vincitori. Ma qui si entra in discorsi molto scivolosi che non mi sembra il caso parlarne in questo forum...

tancredi

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da tancredi » gio 02 gen 2014, 23:31

Roberto Ferretti ha scritto:Queste vicende confermano la mia idea che il meridione subì una arretratezza economica proprio in conseguenza all'unione con il nord, per la sciagurata politica di depredazione. La Storia è sempre stata narrata dai vincitori.
Nel caso del nostro Risorgimento accanto all'epica e al mito (probabilmente necessari alla formazione di un'identità nazionale) va detto che da subito non è mancata una storiografia critica, soprattutto sulla questione meridionale.

Da Alfredo Oriani (La lotta politica in Italia, fu pubblicato nel 1892) a Benedetto Croce, Gaetano Salvemini, Adolfo Omodeo, Giustino Fortunato, Francesco Saverio Nitti, fino alle tesi più apertamente polemiche (oggi si direbbe "revisioniste"...) di Carlo Alianello, Lorenzo Del Boca, Gigi Di Fiore, George Macaulay Trevelyan, Denis Mack Smith e tanti altri che hanno parlato senza mezzi termini di conquista regia o sabauda. Senza contare il contributo possente che ha dato la Letteratura, come sempre la regina delle rappresentazioni: I viceré di Federico De Roberto, Noi credevamo di Anna Banti, il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Le terre del Sacramento di Francesco Iovine, Fuochi nel Basento di Raffaele Nigro, per non citare alla rinfusa che questi. La storia fortunatamente non la scrivono né i vincitori né i vinti, ma gli scrittori.

Bisognerebbe anche chiedersi come mai tutta questa ricca produzione, questi studi e questa consapevolezza non siano mai riusciti nemmeno a sfiorare le popolazioni meridionali e a influenzarle perché agissero a migliorare, ma è discorso che rischia di essere frainteso, lasciamo stare. D'altra parte non è che la presenza nel DNA di Porta, Cattaneo, Manzoni o Gadda abbia prodotto tutta questa gran cultura amministrativa nei milanesi a giudicare dalla pessima condotta di cui sono stati capaci (ahi... la mia città!). Taccio, già ho detto troppo, Admin cancella lo sfogo!

Resta il fatto che nel 1861, l'anno dell'impresa garibaldina, il Regno delle Due Sicilie aveva già ampiamente avviato la sua industrializzazione in bell'anticipo sul Nord.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Roberto Ferretti

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da Roberto Ferretti » ven 03 gen 2014, 13:13

tancredi ha scritto: La storia fortunatamente non la scrivono né i vincitori né i vinti, ma gli scrittori.
"La storia viene scritta dai vincitori" è solo un modo di dire. C'è però un fondo di verità. Se è vero che ci sono state tante persone che hanno visto la questione meridionale in modo più complesso è anche vero che per la massa è il settentrione che era più lanciato al progresso ed il meridione arretrato e legato all'oppressione borbonica. Per tanti anni ce l'hanno raccontata così, l'italiano medio non legge Salvemini o Croce... I vari Governi si sono sempre preoccupati di riscrivere la Storia per giustificare il proprio operato. Proprio ieri ho visto un programma alla Rai (Il tempo e la Storia, è una bella trasmissione la potete vedere qui: http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv. ... 01-02&vc=3 ) dove Luciano Canfora ha citato Marco Velleio Patercolo a proposito della Pax Augustea e di come Augusto in realtà fosse ben diverso dal mite e saggio pacificatore quale era descritto... Non c'è niente di nuovo sotto il sole. Nonostante che a Catania o in altri luoghi del sud sotto i Borbone fiorissero attività e innovazioni tecnologiche per molti c'erano solo fichi d'india e rozzi "cafoni" :)

tancredi

Re: Giuseppe Indelicato Contarino - Liutaio siciliano

Messaggio da tancredi » dom 05 gen 2014, 14:18

Roberto Ferretti ha scritto:... Per tanti anni ce l'hanno raccontata così, l'italiano medio non legge Salvemini o Croce...
Neanche le sue elites, se per questo. Come ben si vede qui http://www.youtube.com/watch?v=M6EFmkHw6CQ dove non si sa se ridere o piangere. il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d'Europa... diceva quello. Mi fermo, scendo qui. Non vorrei fare il Guidobaldo Maria Riccardelli. Rimando giusto a viewtopic.php?f=37&t=24241 dove il tema è stato trattato abbondantemente

Torna a “Liutai, luthiers”