Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Mauriziaccio

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da Mauriziaccio » gio 11 ago 2011, 18:14

A me invece piacerebbe tanto sapere come suonano queste chitarre costosissime.
Credo che intorno ai 4000 € esistano chitarre veramente molto belle (come suono,comodità ed estetica). Mi piacerebbe sentire con le mie orecchie quella differenza di suono valutata 10 o 20 mila € in più dei ...banali 4000 ! Morirei dal godimento.
L'ho scritto su " Capotasto 0" : ho sentito il suono del requinto di Giussani,fatto per il maestro Costa. Non ricordo con esattezza il costo dello strumento,ma credo sia(grosso modo) intorno ai 35oo/4000. Ha un suono meraviglioso,eccellente,stupendo. (Non esagero nulla)
Ora lo stesso Bruno(Costa) mi diceva che prima di farsi fare questo requinto gliene era capitato uno,Ramirez,anni 60 e gli avevano chiesto 10.000(diecimila €) .Mi arebbe proprio piaciuto averlo sotto mano assieme a quello di Giussani per sentire cosa possono essere 6000 € di differenza in suono.
Se poi si parla di un valore per motivi....da collezionista Beh,il discorsdo prende una piega diversa.
Ah il requinto in questione lo vendeva(o magari è ancora in vendita) tale Mike Oldfield
un salutone

antheus

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da antheus » gio 11 ago 2011, 18:41

mauriziaccio ha scritto:A me invece piacerebbe tanto sapere come suonano queste chitarre costosissime.
Credo che intorno ai 4000 € esistano chitarre veramente molto belle (come suono,comodità ed estetica). Mi piacerebbe sentire con le mie orecchie quella differenza di suono valutata 10 o 20 mila € in più dei ...banali 4000 ! Morirei dal godimento.
L'ho scritto su " Capotasto 0" : ho sentito il suono del requinto di Giussani,fatto per il maestro Costa. Non ricordo con esattezza il costo dello strumento,ma credo sia(grosso modo) intorno ai 35oo/4000. Ha un suono meraviglioso,eccellente,stupendo. (Non esagero nulla)
Ora lo stesso Bruno(Costa) mi diceva che prima di farsi fare questo requinto gliene era capitato uno,Ramirez,anni 60 e gli avevano chiesto 10.000(diecimila €) .Mi arebbe proprio piaciuto averlo sotto mano assieme a quello di Giussani per sentire cosa possono essere 6000 € di differenza in suono.
Se poi si parla di un valore per motivi....da collezionista Beh,il discorsdo prende una piega diversa.
Ah il requinto in questione lo vendeva(o magari è ancora in vendita) tale Mike Oldfield
un salutone
non ho esperienza di questo livello sulle classiche ma sulle elettriche si. Escludiamo che si possano pagare 1,2-2 milioni (si leggete bene) per la Washburn 22 usata da Bob Marley e ora dichiarata patrimonio nazionale della Jamaica, oppure 950.000 dollari per la Strato Blackie di Eric Clapton , oppure 2,7 milioni di dollari per la strato firmata... da tutti (vendita di beneficenza in Qatar) perché lì siamo sul feticismo e non più su uno strumento musicale (ma se è per questo non giustificherei neanche il prezzo di un diamante di pari valore.... alla fine sempre carbonio è...).
Ma tornando agli strumenti elettrici, archtop, argomento a me più noto posso dire che ho personale esperienza di strumenti da 4000$ a 18000$ (avendo avuto la possibilità di prova diretta) e sinceramente non esiste una differenza di tale livello. Certamente una Gibson Super 400 è una signora chitarra dal suono meraviglioso, ma già non si capisce più granché la differenza con una L5 che costa qualche migliaio in meno e già a 4000/5000$ si hanno strumenti che fanno il loro lavoro senza rimpianti per quelli blasonatissimi.
Oggi ho letto il listino di Linda Manzer che fa chitarre anche classiche a corde di Nylon (più tendenti al jazz, direi) e una Metheny signature credo si aggiri intorno a 22.000$ che peraltro non le si possono neanche dare perché, scusandosi con gli improbabili clienti, avverte che le prenotazioni sono al momento chiuse e penserà lei ad avvertire quanti lasceranno la loro supplica per mail per un futuro inserimento in ordine cronologico.
Tendenzialmente sono quindi d'accordo con Maurizio nel pensare che, magari non a 4000 euro, ma ad un certo punto il valore "musicale" di uno strumento cessa e comincia quello feticistico che è altra cosa....

Giaguaro

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da Giaguaro » gio 11 ago 2011, 22:33

Albe76 ha scritto:Sul forum inglese vendono una Fleta del 1965 a 50mila dollari. :)

se la tengono

paolor

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da paolor » ven 12 ago 2011, 08:11

Certo che se i prezzi di alcuni strumenti si aggirassero veramente su cifre simili, probabilmente diventerebbe conveniente falsificarli. Voglio dire, un buon liutaio con del legno antico, quanto ci metterebbe a costruire (avendo le misure) una Torres inindistinguibile dall'originale? A quel punto basterebbe costruirgli dietro una storia tipo "la chitarra del nonno che ha fatto la guerra civile in spagna e che l'ha avuta in regalo da un suo compagno morente sotto il fuoco nemico". dire di averla ritrovata in solaio e metterla in vendita a 100000 euro. Chissà quante chitarre false girano per il mondo?
Ve lo vedete il buon Arsenio Lupin entrare in uno dei blasonatissimi negozi di chitarre americani (tipo Classic Guitar International, ad esempio), ripulirlo e lasciarsi indietro uno strumento con un bigliettino "questa chitarra è falsa, A.L.".
Ciao, Paolo.

matteo_it

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da matteo_it » dom 21 ago 2011, 14:23

Vi segnalo (tra le tante) il prezzo raggiunto in una recente asta di Christie's (2009) da una Hermann Hauser I: 134.500 dollaroni! Il prezzo base era di molto più basso. Anche quello previsto di vendita...
http://www.christies.com/features/2009- ... 114-1.aspx
Saluti

zen

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da zen » dom 21 ago 2011, 19:22

alla faccia!!! e pensare che nella foto la Hauser assomiglia a una chitarra cinese che ho io da 100 euro :D

Echi

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da Echi » dom 21 ago 2011, 19:58

Questo è un link che è apparso nella versione inglese di Delcamp. Suonate dal vivo le differenze si sentirebbero molto di più , ma forse in molti una Fleta o una Hauser non sanno come siano fatte, per cui può tornar utile. È un video comparativo di strumenti molto costosi di in noto dealer inglese.
http://youtube.com/watch?v=5jQP2zf18EM&feature=feedlik

zen

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da zen » dom 21 ago 2011, 21:58

ahi, sei un delcamper distratto :D , è appena stato pubblicato anche qui sul delcamp italiano dallo stesso cadiz!
:bye:

Mauro Marchesini

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da Mauro Marchesini » lun 22 ago 2011, 07:24

Massimo Piazza ha scritto:...
Hai fatto bene a specificare che si tratta di violini e di grandi costruttori di violini,ma per la chitarra è un altra storia! I grandi chitarristi di oggi suonano quasi esclusivamente strumenti costruiti di recente...
notarius ha scritto:... di solito gli strumenti usati, anche se ben tenuti, costano meno di quelli nuovi.
Forse sono OT, ma la cosa è interessante. Perchè nell'ambito degli archi si apprezza moltissimo il violino o il violoncello d'annata, suonato fino alla consunzione, e per le chitarre no?
Ricordo di aver seguito una discussione, non sò più se su questo o altro forum, in cui si ipotizzava che le chitarre abbiano "una vita utile" soltanto di qualche decina d'anni, non tanto per l'integrità della costruzione quanto per la qualità del suono, a differenza appunto degli archi che a quanto pare migliorano o perlomeno mantengono la loro qualità nel tempo.

Qualcuno, soprattutto fra i chitarristi, ha commenti in merito?

ninoram
Messaggi: 842
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da ninoram » lun 22 ago 2011, 08:13

ho sentito una Enrique Garcia (1918) in un concerto qualche giorno fa a Bolzano. Suono bello nonostante le crepe sulla t.a. ...Sicuramente ancora "viva" nel suono, nonostante l'età!

Saluti!!

Avatar utente
Magic Guitar
Messaggi: 2937
Iscritto il: lun 24 dic 2007, 07:21
Località: Bologna

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da Magic Guitar » lun 22 ago 2011, 10:02

ninoram ha scritto:ho sentito una Enrique Garcia (1918) in un concerto qualche giorno fa a Bolzano. Suono bello nonostante le crepe sulla t.a. ...Sicuramente ancora "viva" nel suono, nonostante l'età!

Saluti!!
Io ho avuto il piacere di suonare su una Garcia (1917) di proprietà del M° Catemario. Non aveva crepe e suonava che era una meraviglia.

:bye:
Ferdinando Bonapace

matteo_it

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da matteo_it » lun 22 ago 2011, 10:34

Per quanto riguarda suonabilità e qualità del suono degli strumenti antichi (XIX sec.), vi invio il link di due dei più grandi liutai al mondo esperti in questi strumenti.
http://sinierderidder.free.fr/can_antiq ... layed.html
In sostanza suonano, eccome! La storia che le chitarre antiche non suonino (se ben tenute e non abbiano avuto una vita travagliata) è una panzana colossale.
Ne ho sentite diverse, come ho anche tenuto in mano strumenti di buoni liutai contemporanei. Il suono di queste vecchiette, quando sono a punto, è letteralmente magico.
Tre o quattro anni fa la rivista "La Guitarra" del compianto Rocco Peruggini fece un DVD di una "gara" tra antiche e moderne. Se non erro parteciparono una Dammann ed altre moderne di grido. Tra le antiche, se ben ricordo, Esteso e SImplicio. Ma stiamo parlando di una decina di strumenti. Ebbene vinse la Simplicio, sia come proiezione (le moderne suonano più forte??), sia come qualità del suono..La commissione era composta da eminenti liutai e chitarristi professionisti.
Un saluto,

notarius
Messaggi: 165
Iscritto il: gio 09 set 2010, 11:26
Località: Treviso

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da notarius » lun 22 ago 2011, 11:23

Ammetto di non essere un esperto di strumenti antichi, ma credo che sia necessaria una puntualizzazione: quando parliamo di violini "antichi" ci riferiamo a strumenti prodotti nel '700 (a volte anche nel '600); molti di questi, se restaurati, suonano ancora ottimamente.

Se definiamo "antica" una chitarra Garcia o Simplicio del 1917-1918, è evidente che il termine di paragone non è omogeneo: non sono passati neppure cento anni !
Non dubito che queste chitarre suonino ancora bene (Stefano Grondona lo ha ampiamente dimostrato nelle sue incisioni), ma non sono strumenti realmente antichi.
Bisognerebbe provare su una chitarra del '700 o del primo '800. Quel poco che ho sentito su youtube (ad esempio una incisione del maestro Andrea Damiani su uno strumento del 1770) registrato su strumenti di quell'epoca francamente non mi ha entusiasmato; mi è parso che avessero poco suono e poca varietà timbrica, comunque nulla di paragonabile con le migiori chitarre odierne.

Naturalmente posso essere smentito e ciò non mi dispiacerebbe affatto.

Saluti
Maurizio Viani

matteo_it

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da matteo_it » lun 22 ago 2011, 11:38

Caro Notarius,
ti rinvio al link di Sinier de Ridder che ho postato prima per una risposta esauriente. E' bene leggerlo per capirsi.
E' ovvio che il termine "antico" va un pò stretto a strumenti dei primi del '900, ma qui non si tratta di sottilizzare sull'aggettivo italiano corretto. L'importante è intendersi.
Per quanto concerne le chitarre del XIX secolo bisogna fare la distinzione tra pre-Torres (la c.d. chitarra romantica) e post Torres. Tra le pre-Torres esiste una vaietà di qualità sonore e culture musicali d'"area" geografica che noi moderni neanche immaginiamo. Ma è ovvio che suonino diversamente: forma e dimensioni della cassa, incatenatura, diapason, incordatura in budello sono molto differenti dalle chitarre di oggi. Eppure ci sono fior di concertisti (vedi, tra gli altri, i nostri bravissimi Maccari-Pugliese) che si ostinano a suonare ed incidere dischi con queste vecchie. Ci sarà un motivo? Sarà che forse anche nel mondo della chitarra si sta finalmente facendo strada un minimo di filologia e si cominci a suonare Legnani con una Stauffer o Coste con una Lacote eptacorde?
Un saluto,

Fabio Rizza

Re: Le Chitarre Classiche Più Costose Del Mondo

Messaggio da Fabio Rizza » lun 22 ago 2011, 15:11

Mauro Marchesini ha scritto:Forse sono OT, ma la cosa è interessante. Perchè nell'ambito degli archi si apprezza moltissimo il violino o il violoncello d'annata, suonato fino alla consunzione, e per le chitarre no?
Ignoranza, più che altro.
Mauro Marchesini ha scritto: Ricordo di aver seguito una discussione, non sò più se su questo o altro forum, in cui si ipotizzava che le chitarre abbiano "una vita utile" soltanto di qualche decina d'anni, non tanto per l'integrità della costruzione quanto per la qualità del suono, a differenza appunto degli archi che a quanto pare migliorano o perlomeno mantengono la loro qualità nel tempo.

Qualcuno, soprattutto fra i chitarristi, ha commenti in merito?
Posso dirti che sono tutte sciocchezze. Fino a venti-trent'anni fa era di moda sostenere tesi del genere, soprattutto da parte di persone che su strumenti d'epoca non ci avevano messo mai le mani sopra. Oppure l'avevano fatto, ma avevano suonato questi strumenti con la tecnica moderna, che certo non è adatta soprattutto per le chitarre cosiddette "romantiche". Ergo, quelle chitarre, suonate in quel modo, suonavano "male". Ma il problema non erano le chitarre, erano i chitarristi.
Oggi per fortuna non è più così. Chiunque provi a suonare uno strumento d'epoca con un po' di sale in zucca e senza tanti stupidi pregiudizi nelle orecchie, non può non convenire che si tratta di strumenti che — proprio grazie all'invecchiamento dei legni — hanno una ricchezza timbrica e una proiezione sonora che uno strumento nuovo raramente può avere.

Torna a “Liutai, luthiers”