solchi su tavola armonica chitarra classica

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
mozzanino

solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da mozzanino » mar 09 ott 2012, 10:33

Buon giorno a tutti,
causa piccolo incidente domestico ho dovuto far riverniciare la tavola della mia chitarra classica. Mi sono rivolto a un sedicente liutaio il quale mi ha rasato la tavola fino a farla diventare un campo arato pronto per la semina.
Ora mi chiedo se posso intervenire con carta vetro molto fine e spianare questi solchi per farla riverniciare.
Grazie per la gentile risposta.
Roberto
Immagine

Immagine

Immagine

salvatore catania
Messaggi: 582
Iscritto il: mer 08 giu 2011, 12:35

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da salvatore catania » mar 09 ott 2012, 14:03

Spero per te che non abbia mangiato troppo spessore, perchè quei solchi lì non vanno via con la carta fine, a naso bisogna rasierare e poi usare le grane fini. Se non c'è abbastanza legno rischi di brutto e comunque lo strumento non sarà più quello. Per la prossima volta: la vernice si riprende, si ritocca, si ravviva. Ci stava una cartata leggera ma non portare tutto a legno.

Avatar utente
setras
Messaggi: 1535
Iscritto il: mer 06 ott 2010, 22:56

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da setras » mar 09 ott 2012, 14:20

Ma che è ?..La Mozzani ?

mozzanino

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da mozzanino » mar 09 ott 2012, 14:49

Sono d'accordo con te, Salvatore, Eppure a Genova questo pseudo liutaio è pure conosciuto... mah...

Già, è proprio la Mozzani ;-((

Grazie delle gentili re.

pippowitz
Messaggi: 2309
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da pippowitz » mar 09 ott 2012, 18:09

I solchi che si vedono sembrano molto profondi. Togliere legno fino a farli scomparire molto probabilmente vorrebbe dire assottigliare troppo la tavola, che comunque è già stata "depredata" di parecchio legno. Se si fa questo il suono non sarà più quello di prima, e non migliorerà di sicuro. Il rischio è di ritrovarsi in mano soltanto un bel soprammobile.
Non sono un liutaio ma per conto mio, volendo preservare il suono ( o quel che ne resta), non ci sono che due soluzioni:
1) sostituire la tavola, ma è un lavorone e bisogna vedere se ne vale la pena: significa smontare mezza chitarra, rifare la tavola, rimontarla, rifare i filetti ... insomma se non è una chitarra di gran classe non mi sembra il caso.
2) riverniciare creando uno strato abbastanza consistente in modo che la vernice possa riempire almeno parzialmente i solchi, e alla fine si possa avere una superficie discretamente liscia e uniforme. In questo modo il peso aggiunto con la vernice andrà a sostituire (almeno in parte) il peso del legno maldestramente tolto. Bisognerebbe usare una vernice il più possibile trasparente, altrimenti il colore della vernice sarà più intenso dove lo spessore sarà maggiore (nei solchi) e ti ritroveresti in mano una chitarra "zebrata". Anche questo non è un lavoretto da ridere, va fatto da mani esperte e ci vorrà un po' di tempo: non si tratta di applicare una mano di vernice e via andare, bisognerà fare parecchie passate e lisciare la vernice tra una e l'altra... insomma una cosa non banale neanche questa, ma abbastanza abbordabile, come costi.

Oppure rassegnarsi e tenere la chitarra così com'è. In ogni caso sarebbe giusto che chi ha fatto quell'intervento rifondesse il danno.

mozzanino

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da mozzanino » mar 09 ott 2012, 18:28

Ciao Pippo,
purtroppo è una chitarra di un certo valore: una Mozzani di 50anni produzione pre-Farfisa.
Mi sono fidato del sedicente liutaio con tanto di bottega. Pure noto!
Fortunatamente, strano a dirsi, la voce è rimasta invariata. E ti assicuro che è dolcissima.
Certo, esteticamente non è più come prima. Potrei fare quell'operazione di verniciatura per
cercare di riempire i solchi, ma ho paura di appesantire troppo la tavola. E allora si che potrebbe
cambiare il suono.
Penso che me la terrò così.
Una lezione in più nella vita.
Saluti

salvatore catania
Messaggi: 582
Iscritto il: mer 08 giu 2011, 12:35

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da salvatore catania » mar 09 ott 2012, 20:08

Se è della produzione pre-Recanati effettivamente ha il suo valore. Se posso darti un consiglio, dovresti cercare di rilevare gli spessori (fatteli rilevare da uno bravo con uno spessimetro speciale). Se non ricordo male queste chitarre stavano quasi a 3 mm di tavola. Il tal caso ci sarebbe margine per scendere e la tavola, così liberata, migliorerà in prestazioni e poi si potrebbe dare il giusto spessore di gommalacca. Effettivamente pareggiare con la vernice appesantirebbe e vincolerebbe troppo, col rischio di uno strumento lento e sordo. La tavola non la cambierei ma per il lavoro che ho appena descritto mi rivolgerei a uno bravo (e onesto); lo strumento vale l'intervento che comunque non dovrebbe essere costosissimo. In bocca al lupo. :bye:

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 495
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da ilMarzio » mer 10 ott 2012, 06:46

mozzanino ha scritto: Fortunatamente, strano a dirsi, la voce è rimasta invariata. E ti assicuro che è dolcissima.
Certo, esteticamente non è più come prima. Potrei fare quell'operazione di verniciatura per
cercare di riempire i solchi, ma ho paura di appesantire troppo la tavola. E allora si che potrebbe
cambiare il suono.
Penso che me la terrò così.
Una lezione in più nella vita.
Saluti
Personalmente la terrei così anche io.
La vena a rilievo è tipica quando lavori di rasiera sui legni delle tavole. In misura molto minore il fenomeno si presenta pure quando dai l'ultima finitura alla tavola con l'equiseto.
In questo caso ad alcuni l'effetto piace addirittura di più.

Concordo con te, con più vernice i solchi si riempirebbero, ma il suono peggiorerebbe.

Rispessorare la tavola probabilmente apporterebbe dei benefici anche al suono,
l'ho dovuto fare varie volte su chitarre di pregio di quell'epoca e quasi tutte avevano spessori sovrabbondanti (3 mm o più).
Quindi c'è margine per rispessorare e rifare un voicing accurato.
Quasi certamente la risposta dello strumento diverrebbe più pronta e il suono più potente. Però sarebbe uno strumento leggermente diverso. Probabilmente migliore, ma leggermente diverso.
Comunque un lavoro del genere va fatto fare solo da qualcuno REALMENTE esperto
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

alexios
Messaggi: 1110
Iscritto il: gio 31 gen 2008, 20:02

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da alexios » mer 10 ott 2012, 08:09

lasciala cosi'
andare di carta per migliorare l'aspetto significa modificare sensibilmente quello che era il progetto di chi l'ha costruita, e il risultato sonoro, puo' essere molteplice.
1)Non cambia niente
2)cambia in peggio/meglio
:bye:
La qualita' non ha fretta...

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da Marco B. » mer 10 ott 2012, 10:06

Ti posso raccontare la mia esperienza. Ho acquistato una Mozzani ( con tanto di timbro a fuoco interno) anni passati. Lo strumento mi è arrivato a causa della spedizione e dell'imballo trascurato, danneggiato. Il ponte si era infossato e ha rotto in più punti la tavola. La riparazione mi ha poi costretto a ridurre lo spessore della tavola, perchè non ho voluto sostituirla ( secondo me è un errore farlo anche nella tua ) e il risultato a 2 mm ai bordi delle fasce mi ha sorpreso. La sonorità è buona . Ma non so come avrebbe suonato se mi fosse arrivata sana. Quindi io affiderei lo strumento a qualcuno che sappia quello che sta facendo ( a proposito il liutaio sedicente cosa dice? non si ritiene responsabile del danno su uno strumento di pregio ? mah) . Potrebbe essere una soluzione abbassare a livello dei solchi tutta la TA. Ma bisogna vedere lo strumento e misurare gli spessori per poterlo dire. Sono anche io di Genova.... che sia la stessa persona che mi ha fatto casino sulla mia Ovation tanti anni fa ?

mozzanino

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da mozzanino » mer 10 ott 2012, 15:04

Caro Marco B.
avrei una gran voglia di dirti chi è per mettere in guardia tutte le persone che, come me, sono pronte a concedere la fiducia a prima vista.
Ti dico solo che ha bottega nel centro storico, puro genovese, che ha la parlantina sciolta, e che quando gli dai un appuntamento non si presenta. A me l'ha fatto per ben 2 volte! Con lui non voglio avere più niente a che fare!
Ho appena cambiato le corde: Savarez super hight tension. Suona che è una meraviglia! Meno male.
Grazie a tutti per i gentili pareri.
Roberto

Giaguaro

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da Giaguaro » ven 19 ott 2012, 14:05

scusate per curiosità...
- come ha fatto a fare quei solchi? tanto per sapere
mica per niente, ma quando andava avanti di rasiera non si è reso conto? sembra quasi l'abbia fatto apposta

- poi...quando te l'ha restituita cosa gli hai detto?

- fagli causa

mozzanino

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da mozzanino » ven 16 nov 2012, 14:57

Salve amici,
tant'è non sopportavo la vista della mia bella Mozzani deturpata da quei solchi e ho deciso di scartavetrare la tavola fino a renderla bella liscia come il culetto di un bimbo. Ho perso in certi punti 1 in altri 2 decimi di mm.
Il suono è cambiato, certo. Ora è meno potente ma sempre molto dolce.
Ora chiedo consiglio a chi ne sa più di me.
Ovviamente vorrei che lo strumento riacquistasse un po' di brillantezza nel suono e mi chiedevo se può aiutare stendere (come facevano gli antichi) una o due mani di albume d'uova sbattuto che cristallizzi direttamente sul legno vivo prima di passare 8/10 mani di gommalacca.
Comunque sia, albume o altro preparato "moderno" che cristallizzi, può essere utile per aumentare la potenza del suono? E sempre per raggiungere lo stesso scopo, è meglio la gommalacca o altra vernice?
Grazie per l'attenzione che mi concedete.
Roberto
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da Marco B. » ven 16 nov 2012, 18:54

Non ho mai usato il procedimento che dici. Quindi non so se è valido. Per quanto ne so per esperienza diretta , per rendere la vernice un pò più robusta io uso miscelare la gommalacca decerata con soluzione di Sandracca diluita con alcol 99°. Percentuali ad occhio ( 1 parte di sandracca 8 parti di gommalacca ) Per stendere meglio il composto , che diventa un pò più gommoso, soprattutto durante le prime passate, metto un pò di olio paglierino o glicerina sul tampone. La tavola diventerà bella lucida e più solida la finitura. Ciao. A me ha funzionato, fammi sapere.

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: solchi su tavola armonica chitarra classica

Messaggio da Marco B. » ven 16 nov 2012, 19:06

Una cosa .... sei sicuro che il ponte sia originale ? Di che epoca è la tua Mozzani ? La mia dev'essere degli anni 20/30 e ha il ponte diverso con la traversa dove poggiano le corde in metallo( tipo tasto di tastiera) .

Torna a “Liutai, luthiers”