Esperimento placchette per corde

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Marco B. » mar 31 mar 2015, 10:46

La mia esperienza per ora , riguarda quasi completamente la riparazione e il restauro. In questo campo posso dire la mia dopo più di dieci anni di interventi su molti strumenti anche di pregio. Chitarre che presentavano un angolo ampio sul ponte , di solito, generavano un suono debole , a volte ovattato o al meglio meno presente. Anche il sustain ne risente e in certi casi anche l'intonazione , quando la pressione delle corde sul traversino diventa troppo debole. Ho provato, quando ancora non si parlava di questi oggettini, a utilizzare la corda legata come se fosse d'acciaio , senza nodi passanti quindi intorno alla torretta. A mio avviso nei casi che ho predetto , le cose miglioravano a colpo d'occhio ( o di orecchio :P ). Se la chitarra è perfetta forse la situazione è tutta diversa, e diventa più difficile cogliere le differenze, ammesso che ci siano. Quindi in fase di restauro, su un ponte vissuto o quando la corda ha ormai ovalizzato il foro, penso che sia consigliabile provare questo escamotage, prima di modificare il ponte in maniera irreversibile. :bye:

Pasquale Mamone

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Pasquale Mamone » mar 31 mar 2015, 22:09

Sono finalmente arrivate le stringe clips originali Bernabé.

Le ho montate cambiando le corde con delle Savarez Cantiga rosse.

Per quello che vale il mio parere, ho notato un suono più pulito e una tenuta dell'accordatura nettamente migliorata. Con l'attacco tradizionale, mi erano necessari frequenti "richiami" sulle chiavette, perché le corde tenevano poco.
Con le string clips, dopo pochi aggiustamenti l'accordatura tiene senza problemi e in modo stabile.

Inoltre, mi sembra migliorato il sustain. Credo proprio che non abbandonerò mai più questo metodo.

E non appena rientrano le placchette di Roberto Fiordaliso ri-proverò anche le sue, magari su una seconda chitarra (sempre che il Capo di Stato Maggiore - Generale Comandate Supremo - mi conceda il permesso di fare un nuovo acquisto... :mrgreen: ).

Gio guitar

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Gio guitar » mer 01 apr 2015, 14:02

Ciao Pasquale sarebbe interessante avere qualche info in più sulle stringe clips.
Potresti postare qualche foto di dettaglio?

Nel caso fosse possibile sarei curioso di conoscere i pesi di questi oggetti, giusto per riuscire a fare dei confronti mirati con le placchette di Roberto.

Come ipotizzavo nel mio precedente post, l'incremento di sustain potrebbe essere dovuto ad un incremento delle masse presenti sulla tavola e conseguente variazione delle dinamiche di risonanza della stessa.

Un saluto, Gio

Pasquale Mamone

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Pasquale Mamone » mer 01 apr 2015, 17:44

Gio guitar ha scritto:Ciao Pasquale sarebbe interessante avere qualche info in più sulle stringe clips.
Potresti postare qualche foto di dettaglio?

Nel caso fosse possibile sarei curioso di conoscere i pesi di questi oggetti, giusto per riuscire a fare dei confronti mirati con le placchette di Roberto.

Come ipotizzavo nel mio precedente post, l'incremento di sustain potrebbe essere dovuto ad un incremento delle masse presenti sulla tavola e conseguente variazione delle dinamiche di risonanza della stessa.

Un saluto, Gio
Ciao Gio.

Volevo allegare alcune foto, ma pesano troppo. Se riesco le alleggerisco fino al limite di 320 KB

Per ora posso dirti che il materiale con cui sono fatte le placchette è.... "segreto", o almeno così mi ha scritto Paulino Bernabé nelle sue mail.
La forma è quella di una rondella circolare, con un lato piatto che va ad appoggiarsi al retro della torretta, e uno concavo, nel quale va ad alloggiarsi il nodo che si fa alla corda dopo che è passata nel foro centrale.

Pasquale Mamone

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Pasquale Mamone » mer 01 apr 2015, 17:58

Ci provo.

Nell'ordine:
la torretta di fronte (la tavola non è bombata, sono io che avevo la fotocamera un po' inclinata)
la torretta dall'alto
l'angolo delle corde
la placchetta sul mio macbook
la string vista dall'alto nella faccia piatta (purtroppo la foto è uscita in Raw e quindi sembra bianca, ma è nera)

Calcola che non sono riuscito a fare un nodo piccolo, quindi è rimasto fuori un po' di corda.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Balaju
Messaggi: 946
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Balaju » mer 01 apr 2015, 19:35

Fibra di carbonio?
Balaju

Pasquale Mamone

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Pasquale Mamone » mer 01 apr 2015, 21:49

Balaju ha scritto:Fibra di carbonio?
Balaju
Se ti riferisci al materiale delle strings non ti saprei dire. Nella sua mail Bernabè mi ha detto che la composizione è un segreto.

Sono placchette che non vende come accessorio: le da con la chitarra se il cliente le vuole.
Me le ha vendute in via eccezionale solo perché ho una M5.

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Marco B. » gio 02 apr 2015, 09:59

Non so, ma a parte il materiale top secret (??) mi sembrano un semplice tondino forato e poi tagliato a fette. Oltretutto costringe a fare un nodo alle corde per non farle scivolare. Allora tanto vale usare i cilindrerti delle corde per acustica ottonati , come a suo tempo provai io . Basta recuperare i cilindrerti da sets di corde usati e annodare le corde. Altra cosa mi sembrano quelli a tre fori, che bloccano le corde senza nodi e per salvare il ponte , incollare una striscia sottile di ebano precedentemente forata a misura. Ma questa è solo una mia idea, naturalmente. :bye:

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Marco B. » gio 02 apr 2015, 09:59

Marco B. ha scritto:Non so, ma a parte il materiale top secret (??) mi sembrano un semplice tondino forato e poi tagliato a fette. Oltretutto costringe a fare un nodo alle corde per non farle scivolare. Allora tanto vale usare i cilindretti delle corde per acustica ottonati , come a suo tempo provai io . Basta recuperare i cilindrerti da sets di corde usati e annodare le corde. Altra cosa mi sembrano quelli a tre fori, che bloccano le corde senza nodi e per salvare il ponte , incollare una striscia sottile di ebano precedentemente forata a misura. Ma questa è solo una mia idea, naturalmente. :bye:

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Marco B. » gio 02 apr 2015, 10:01

Non so, ma a parte il materiale top secret (??) mi sembrano un semplice tondino forato e poi tagliato a fette. Oltretutto costringe a fare un nodo alle corde per non farle scivolare. Allora tanto vale usare i cilindretti delle corde per acustica ottonati , come a suo tempo provai io . Basta recuperare i cilindrerti da sets di corde usati e annodare le corde. e per salvare il ponte , incollare una striscia sottile di ebano precedentemente forata a misura. Altra cosa mi sembrano quelli a tre fori, che bloccano le corde senza nodi . Ma questa è solo una mia idea, naturalmente. :bye:[/quote][/quote]

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Marco B. » gio 02 apr 2015, 10:14

Ho fatto un po' di cas....scusate

Carmine Nobile
Messaggi: 897
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Carmine Nobile » gio 02 apr 2015, 13:00

Credo che lo stesso risultato delle placchette, cioè miglioramento dell'angolo delle corde sul ponticello, si possa raggiungere con il ponte a 12 fori.
Che ne penZano i liutari?

Gio guitar

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Gio guitar » gio 02 apr 2015, 13:38

Pasquale Mamone ha scritto:Ci provo.

Nell'ordine:
la torretta di fronte (la tavola non è bombata, sono io che avevo la fotocamera un po' inclinata)
la torretta dall'alto
l'angolo delle corde
la placchetta sul mio macbook
la string vista dall'alto nella faccia piatta (purtroppo la foto è uscita in Raw e quindi sembra bianca, ma è nera)

Calcola che non sono riuscito a fare un nodo piccolo, quindi è rimasto fuori un po' di corda.
Ciao Pasquale, grazie sei stato molto gentile e dettagliato nel servizio fotografico.
Ora è più chiaro.

Ok per il materiale segreto (che visto l'uso non costituisce nessun problema) ma sarebbe interessante poter conoscere il peso delle singole "rondelle" giusto per poterle comparare con altre soluzioni e capire quale sia la differenza in termine di masse che si aggiungono alla tavola.
Da un punto di vista puramente logico mi verrebbe da dire che maggiori sono le masse maggiore sarà l'energia necessaria per mettere in vibrazione la tavola armonica ma è anche vero che più lungo sarà poi il tempo di vibrazione. Idea che potrebbe spiegare il maggior sustain dichiarato da alcuni che hanno provato la soluzione.

Anche ipotizzando 2-3 gr a placchetta (ma potrebbero essre anche di più) avremmo circa 12-18 gr che si aggiungono sulla tavola armonica. Forse qui i liutai ci potrebbero confortare con loro interventi per conoscere quali possano essere gli effetti di questi 18 gr sul ponte.

Da un punto di vista puramente estetico devo dire che l'idea del nodo alle corde la trovo poco pulita e preferisco la placchetta che permette di bloccare la corda senza far nodi. Ma questo attiene solo all'estetica della soluzione e non alla sua funzionalità.

Un saluto,
Gio

Pasquale Mamone

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Pasquale Mamone » gio 02 apr 2015, 14:13

Gio guitar ha scritto:
Pasquale Mamone ha scritto:Ci provo.

Nell'ordine:
la torretta di fronte (la tavola non è bombata, sono io che avevo la fotocamera un po' inclinata)
la torretta dall'alto
l'angolo delle corde
la placchetta sul mio macbook
la string vista dall'alto nella faccia piatta (purtroppo la foto è uscita in Raw e quindi sembra bianca, ma è nera)

Calcola che non sono riuscito a fare un nodo piccolo, quindi è rimasto fuori un po' di corda.
Ciao Pasquale, grazie sei stato molto gentile e dettagliato nel servizio fotografico.
Ora è più chiaro.

Ok per il materiale segreto (che visto l'uso non costituisce nessun problema) ma sarebbe interessante poter conoscere il peso delle singole "rondelle" giusto per poterle comparare con altre soluzioni e capire quale sia la differenza in termine di masse che si aggiungono alla tavola.
Da un punto di vista puramente logico mi verrebbe da dire che maggiori sono le masse maggiore sarà l'energia necessaria per mettere in vibrazione la tavola armonica ma è anche vero che più lungo sarà poi il tempo di vibrazione. Idea che potrebbe spiegare il maggior sustain dichiarato da alcuni che hanno provato la soluzione.

Anche ipotizzando 2-3 gr a placchetta (ma potrebbero essre anche di più) avremmo circa 12-18 gr che si aggiungono sulla tavola armonica. Forse qui i liutai ci potrebbero confortare con loro interventi per conoscere quali possano essere gli effetti di questi 18 gr sul ponte.

Da un punto di vista puramente estetico devo dire che l'idea del nodo alle corde la trovo poco pulita e preferisco la placchetta che permette di bloccare la corda senza far nodi. Ma questo attiene solo all'estetica della soluzione e non alla sua funzionalità.

Un saluto,
Gio
Ciao Gio.
Ti rispondo nell'ordine.

1. il peso delle rondelle non ho modo di verificarlo (ci vorrebbe una bilancia di precisione), ma "a naso" direi che non pesano più di 1 grammo. Quindi il peso sulla tavola aumenterebbe di sei grammi. Non ho notato una modifica in senso positivo o negativo del suono, e quindi credo che non influiscano più di tanto.

2. La questione estetica è colpa delle mie manacce, che non sanno fare un nodo pulito e corto. Se vai sul sito di Paulino Bernabè e selezioni la chitarra "Royal" vedrai che il nodo è quasi nascosto.

http://www.paulinobernabe.com/DetalleGuitarra.php?ID=10

3. Le placchette: su questo concordo con te. Soprattutto se parliamo delle placchette di Roberto Fiordaliso, che avendo una scanalatura interna nascondono l'attorcigliamento del giro della corda. Me ne sono ritornate solo tre, quindi aspetto di completare il set per ri-provarle.

Pasquale Mamone

Re: Esperimento placchette per corde

Messaggio da Pasquale Mamone » gio 02 apr 2015, 14:16

nucho2000 ha scritto:Credo che lo stesso risultato delle placchette, cioè miglioramento dell'angolo delle corde sul ponticello, si possa raggiungere con il ponte a 12 fori.
Che ne penZano i liutari?
Lungi da me spacciarmi per liutaio.

L'idea mia era di non far passare sulla torretta nessuna sezione della corda, per evitare che a lungo andare le corde (soprattutto i bassi che sono rivestiti di materiale metallico) possano deteriorare il legno e/o la madreperla che si trova sulla torretta.

Calcola che uno meno arruffone di me saprebbe fare un nodo più piccolo, più elegante e meno appariscente.

Torna a “Liutai, luthiers”