L'ultima nata, la mia n. 3

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
alessandro lienzo

L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mar 24 ott 2017, 21:28

Buonasera, vi presento l'ultima nata, nonché il mio terzo strumento costruito da solo e con tanta fatica, considerando che ho la manualità di un elefante sono più che contento che suoni, ed è anche il suo punto forte!
Tavola in abete val di Fiemme, scelta da me personalmente.
Set in cipresso per fasce e fondo, non bellissimo.
Progetto ispirato a Romanillos con la barra aperta sotto la buca e due raggi esterni che passano sotto di essa.
7 raggi più due di chiusura più piccoli di quelli di Torres.
Ho fatto tesoro dei consigli di tre liutai tanto bravi, Franco Lemmi, Rosario, e Ciro Marzio, pertanto li ringrazio sentitamente!
Ultima modifica di alessandro lienzo il mar 24 ott 2017, 21:41, modificato 1 volta in totale.

alessandro lienzo

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mar 24 ott 2017, 21:31

Immagine

Immagine

alessandro lienzo

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mar 24 ott 2017, 21:36

Una foto incordata!
Immagine

riccardofederico.cimarosti
Messaggi: 21
Iscritto il: ven 27 gen 2017, 12:10

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da riccardofederico.cimarosti » mer 25 ott 2017, 08:19

Bravo Alessandro! I filetti sono in ebano? Posso chiederti che tipo di verniciatura hai usato?

alexios
Messaggi: 1110
Iscritto il: gio 31 gen 2008, 20:02

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alexios » mer 25 ott 2017, 08:38

non vedo le foto...ma e'questo pc che non me lo permette...grrrrrr
La qualita' non ha fretta...

alessandro lienzo

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mer 25 ott 2017, 08:49

riccardofederico.cimarosti ha scritto:
mer 25 ott 2017, 08:19
Bravo Alessandro! I filetti sono in ebano? Posso chiederti che tipo di verniciatura hai usato?
Ciao! I filetti sono in palissandro indiano, invece la verniciatura è nitro su fasce e fondo e gommalacca misto nitro su tavola, prossimamente provvedo a lucidare meglio!
Ammetto che la gommalacca sia molto più bella, ma siccome non mi viene ancora molto bene ho sperimentato questa soluzione
Ultima modifica di alessandro lienzo il mer 25 ott 2017, 08:50, modificato 1 volta in totale.

alessandro lienzo

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mer 25 ott 2017, 08:49

alexios ha scritto:
mer 25 ott 2017, 08:38
non vedo le foto...ma e'questo pc che non me lo permette...grrrrrr
Ho caricato le foto su sito hosting, sarà il problema dell'altra volta...

LUCA.P
Messaggi: 362
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da LUCA.P » mer 25 ott 2017, 10:23

Complimenti , molto bella !

LUCA.P
Messaggi: 362
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da LUCA.P » mer 25 ott 2017, 10:30

Se fosse possibile vedere anche le altre sempre qui sarebbe il top.
Secondo me se uno arriva a costruirsi una o più chitarre da se è già per forza un liutaio.
Volevo infine chiederti ( da non esperto quale io sono) le caratteristiche di quest'ultima , cioè che tipo di suono ha ? si concentra sui medi alti e pochi bassi immagino?
E' più idonea al flamenco o si presta meglio alla classica?

alessandro lienzo

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mer 25 ott 2017, 11:27

Ciao Luca, ovviamente, posso raccontarti le mie impressioni da chitarrista, dato che prima di essere un modestissimo hobbista sono un chitarrista quasi diplomato...
La chitarra è molto aperta, questo vuol dire che il basso è profondo al punto giusto, con quel tocco un po' spagnolo. I cantini mantengono un buon sostegno. In generale lo strumento è equilibrato.
Il volume non è nei miei interessi, mi ispiro alle chitarre storiche e cerco mescolare anche quelle caratteristiche che più mi piacciono delle chitarre moderne.
Ciò che caratterizza questo progetto è la larghezza delle fasce contenuta (85-90mm), la traversa sotto buca aperta sui due raggi esterni e lo spessore del fondo di 2.8 mm circa.
Le fasce sottili aiutano molto le frequenze basse, però nel mio secondo strumento avendo piallato la tavola fino ad 1.8 mm ho notato una carenza di sustain fastidiosa e troppa secchezza del suono con un fondo da 2 mm che Vibra fin troppo..
(in questa il piano armonico è 2mm).

Ho detto all' Inizio Romanillos come progetto, non solo per l'icatenatura ma per l'impressione che mi da il suo suono: fascino antico (dato dall'intonazione più bassa della cassa) e sustain ed equilibrio necessario negli strumenti moderni.
Adesso è incordata da poche ore... Vedremo cosa accade!

LUCA.P
Messaggi: 362
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da LUCA.P » mer 25 ott 2017, 12:33

Grazie per la spiegazione , anche se io non essendo esperto non capisco niente di dinamica del suono in progettazione.
Forse per la tua seconda chitarra per migliorarla potresti ricercare la soluzione nel tipo giusto di corde , visto che ce né per tutti i gusti.

A proposito di incatenature e raggi degli interni delle chitarre , sarebbe interessante se si postassero delle foto esplicative delle fasi del lavoro a chitarra ancora aperta, ma forse sarebbe controproducente per i particolari segreti da non spiattellare a chi non è meritevole e farsi rubare l'idea.

Mi domando spesso come possa fare così tanta differenza un legno massello da uno laminato .
Ne avessi le capacità proverei a costruire una chitarra in doppio laminato secondario leggermente scostato in modo da vedere se la chitarra ,attraverso una sorta di galleria risuoni come con un massello.
Non sapendo nulla di liuteria mi diverto a far congetture fantasiose.
In ogni caso Alessandro complimenti di nuovo!

alessandro lienzo

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mer 25 ott 2017, 12:44

Non ho alcun segreto, sono l'ultimo a cui rubare le idee: ti mostro una foto esplicativa
Immagine

Franco Marino
Messaggi: 219
Iscritto il: mar 06 ott 2015, 14:25

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da Franco Marino » mer 25 ott 2017, 14:13

Quanta robba in quelle catene !!!...

alessandro lienzo

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da alessandro lienzo » mer 25 ott 2017, 14:22

Franco Marino ha scritto:
mer 25 ott 2017, 14:13
Quanta robba in quelle catene !!!...
Ciao Franco, spiegati meglio se puoi, robba ha tante accezioni diverse :D
Si accettano consigli!

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 491
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: L'ultima nata, la mia n. 3

Messaggio da ilMarzio » mer 25 ott 2017, 14:41

Quando me la porti a vedere? ;)
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

Torna a “Liutai, luthiers”