Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
davidemooo
Messaggi: 1218
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da davidemooo » dom 26 nov 2017, 15:09

Qualcuno sa dirmi come si procede passo dopo passo nel costruire un manico con incastro s V alla francese? Meglio ancora c'è qualche fonte online da cui attingere? Grazie.
La sapienza è con i modesti!

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3612
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Gabriele Gobbo » dom 26 nov 2017, 16:00

intendi questo?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1531
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Pietro » dom 26 nov 2017, 18:14

Farlo non è difficile, vedi la mia chitarra romantica Rovetta, ci vuole solo calma e precisione in modo che le superfici da incollare combacino perfettamente. Posto uno schema.
aa1_modificato-2 (446x640).jpg
Se può essere utile. :okok:

Cordialità - Pietro -
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

davidemooo
Messaggi: 1218
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da davidemooo » dom 26 nov 2017, 20:30

esattamente! grazie per la foto e lo schema...si possono trovare info più dettagliate passo dopo passo?
La sapienza è con i modesti!

alessandro lienzo

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da alessandro lienzo » dom 26 nov 2017, 22:31

La mia chitarra ha lo scasso così, realizzato perfettamente. L'altra ha invece quello di tipo Hauser coperto con copripaletta posteriore.

davidemooo
Messaggi: 1218
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da davidemooo » lun 27 nov 2017, 05:50

Ma l'incastro tipo Hauser non è lo stesso di cui sopra?
La sapienza è con i modesti!

alessandro lienzo

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da alessandro lienzo » lun 27 nov 2017, 08:15

Quello tipo Hauser se non erro non é a punta ma con un maschio più largo e di sezione rettangolare.

alessandro lienzo

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da alessandro lienzo » lun 27 nov 2017, 10:25

Chiedo scusa ma dovrebbe essere a punta, mi sbagliavo

Benedetto
Messaggi: 525
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Benedetto » lun 27 nov 2017, 13:46

Quello della foto è un incastro a V tipo Hauser, mentre lo schema postato da Pietro ha la differenza che il cuneo sporge dal dorso della paletta.
Personalmente in questa fase non apprezzo l’incastro a V. Un tempo mi sembrava una piccola prova di virtuosismo, elegante solo agli occhi di chi la sapesse apprezzare mentre oggi la vedo più come un orpello non necessario e spesso Non troppo elegante, posto che spesso si accompagna ad una paletta un po’ più spessa del necessario.
Il sistema spagnolo ha la stessa tenuta, è meno visibile e più rapido da eseguire e di conseguenza è un metodo che considero migliore.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1531
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Pietro » lun 27 nov 2017, 15:48

Concordo, sulle chitarre romantiche ci poteva stare perché le palette erano meno spesse in quanto avevano i piroli e non le meccaniche e il manico era più arrotondato. Tra l'altro il vero incastro a V alla francese era proprio questo.
Su una attuale chitarra classica pure io preferisco il sistema spagnolo ma è una preferenza puramente personale in quanto la giunzione a V c'è chi la adotta ancora con ottimi risultati, oltre ad Hauser naturalmente.
Posto un paio di esempi:
SetWidth1400-7-Paletta2017[1] (640x427).jpg
SetWidth1400-Liutaio0409[1] (640x427).jpg
Cordialità - Pietro -
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Livio82
Messaggi: 78
Iscritto il: lun 04 dic 2017, 17:24

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Livio82 » mar 05 dic 2017, 18:21

Posso chiedere se l'incastro a V o alla francese viene chiamato con il nome incastro a rondine? O sono due incastri diversi. Grazie.

Benedetto
Messaggi: 525
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Benedetto » mer 06 dic 2017, 09:16

Ciao, no l’incastro a coda di rondine ha una sagoma diversa: non ha forma di cuneo, come nel caso ma di incastro. Penso che se cerchi un’immagine su google noterai subito le differenze.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1531
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Pietro » mer 06 dic 2017, 11:40

In effetti l'incastro a coda di rondine si adotta anche per le chitarre ma è ben altra cosa. Per non andare troppo fuori argomento posto uno schema.

Immagine

Penso che il sistema spagnolo sia più diffuso ma anche questo tipo di giunzione ha i suoi estimatori: vedi ad esempio il quaderno di liuteria n° 11 della scuola di liuteria di Cremona.

Cordialità - Pietro -

Livio82
Messaggi: 78
Iscritto il: lun 04 dic 2017, 17:24

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da Livio82 » mer 06 dic 2017, 19:14

L' incastro a rondine non si usa sulla paletta?
Ho visto alcuni strumenti moderni con il manico estraibile adottare il sistema a rondine o incastri simili.

mark84

Re: Incastro alla francese del manico. Come si fa?

Messaggio da mark84 » ven 08 dic 2017, 12:48

Salve a tutti ma volevo chiedervi sapete dov'è possibile reperire informazioni sull'incastro del manico a coda di rondine nello zocchetto sempre per quanto concerne la chitarra classica come la foto postata da Pietro?

Torna a “Liutai, luthiers”