Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
Francesco Iannucci
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 149
Iscritto il: gio 23 lug 2015, 15:14

Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da Francesco Iannucci » mar 12 dic 2017, 14:01

ho notato da un po di anni che le case industriali e semi industriali per esempio aLhambra, altamira, Almansa ed altri marchi usano per il top prevalentemente il cedro rosso canadese abbandonanto quasi del tutto l'abete....non capisco il perchè, per le case industriali e semi industriali sembra che è divenatto raro l'uso dell'abete mi chiedo il perchè, forse il cedro è più facile nella lavorazione bhaaa :roll:
Chitarra: Altamira N300+ , Cordoba 45 Limited
Corde:Aquila Alabastro Superior,
Dogal Venetian strong, Augustine Imperial HT, EXP 44, Savarez 510cj

alessandro lienzo

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da alessandro lienzo » mar 12 dic 2017, 15:25

Per alcuni motivi:
Il cedro garantisce risultati migliori nell'immediato perché è più pronto.
Il cedro è molto amato dagli amatori che ricercano un suono caldo, credendo sia più vicino al mito spagnolo, o comunque vicino al mito Segoviano.
È tendenzialmente più facile da suonare ed il transiente più morbido aiuta il tocco anche meno curato.
Ha bisogno di meno stagionatura (cosa molto rilevante) è può esser tenuto a spessori maggiori per la minor densità rispetto l'abete.

Avatar utente
Francesco Iannucci
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 149
Iscritto il: gio 23 lug 2015, 15:14

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da Francesco Iannucci » mer 13 dic 2017, 11:56

Grazie Alessandro sei sato molto esaustivo
Chitarra: Altamira N300+ , Cordoba 45 Limited
Corde:Aquila Alabastro Superior,
Dogal Venetian strong, Augustine Imperial HT, EXP 44, Savarez 510cj

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 491
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da ilMarzio » ven 15 dic 2017, 22:01

alessandro lienzo ha scritto:
mar 12 dic 2017, 15:25
Per alcuni motivi:
Il cedro garantisce risultati migliori nell'immediato perché è più pronto.
Il cedro è molto amato dagli amatori che ricercano un suono caldo, credendo sia più vicino al mito spagnolo, o comunque vicino al mito Segoviano.
È tendenzialmente più facile da suonare ed il transiente più morbido aiuta il tocco anche meno curato.
Ha bisogno di meno stagionatura (cosa molto rilevante) è può esser tenuto a spessori maggiori per la minor densità rispetto l'abete.
E aggiungerei ancora due considerazioni:
- nei quantitativi richiesti dalle industrie è più facilmente reperibile;
- a parità di qualità costa un terzo dell'abete europeo
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

Balaju
Messaggi: 818
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da Balaju » ven 15 dic 2017, 23:16

E allora io mi chiedo... che senso ha acquistare una chitarra in abete (che suonerà bene tra venti anni) se ho 50 anni, quando ho la possibilità di comprare una chitarra in cedro che suona bene da subito e costa meno?
Viva il cedro! (almeno per i diversamente giovani come me...).
😂😂😂
Balaju

alessandro lienzo

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da alessandro lienzo » sab 16 dic 2017, 10:35

Belaju, ho stima di te però non condivido.
Ha senso comprare una chitarra in abete perché, a prescindere dalla stagionatura, suona diversamente. Io il suono del cedro lo sento limitante.
Ovviamente è un legno che con il giusto lavoro da soddisfazione ma la ricchezza di una tavola d'abete, anche se un po' bloccata, è tutt'altro.
Condivido con il maestro Marzio che ha aggiunto due aspetti importantissimi.

ninoram
Messaggi: 834
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da ninoram » sab 16 dic 2017, 14:46

e poi non è solo una questione di anni. La chitarra in abete va suonata e se è uno strumento buono, cambierà suono nel giro di pochi mesi, di pochi anni...Questa l'esperienza mia.

Saluti!!

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1599
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da Pietro » sab 16 dic 2017, 15:16

Balaju ha scritto:
ven 15 dic 2017, 23:16
E allora io mi chiedo... che senso ha acquistare una chitarra in abete (che suonerà bene tra venti anni) se ho 50 anni, quando ho la possibilità di comprare una chitarra in cedro che suona bene da subito e costa meno? Viva il cedro! (almeno per i diversamente giovani come me...).
Premesso che di anni ne ho una quindicina in più propendo ugualmente per l'abete e gli ultimi strumenti che ho costruito sono con la tavola armonica appunto in abete, questione di gusti e di sensibilità.
Seconda cosa: l'amico =Balaju ha considerato che la vita media è in aumento e che uno strumento in abete comperato ora da diversamente giovane lo potrà gustare tra non molto da relativamente giovane e poi da giovanilmente maturo?
Questo il cedro non lo consentirebbe.

Cordialità - Pietro -

Avatar utente
Francesco Iannucci
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 149
Iscritto il: gio 23 lug 2015, 15:14

Re: Chitarre in Cedro industriali e semi industriali

Messaggio da Francesco Iannucci » sab 16 dic 2017, 16:16

Io preferisco l' Abete perché mi da un suono più antico forse è solo una mia impressione, ma preferisco l'abete, ovviamente parlo di chitarre con top abete massello di ottima qualità come quello tedesco o di valdifiemme
Chitarra: Altamira N300+ , Cordoba 45 Limited
Corde:Aquila Alabastro Superior,
Dogal Venetian strong, Augustine Imperial HT, EXP 44, Savarez 510cj

Torna a “Liutai, luthiers”