Tastiera piatta

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
stenko
Messaggi: 16
Iscritto il: mer 14 dic 2016, 10:51

Tastiera piatta

Messaggio da stenko » mer 20 dic 2017, 13:32

Salve a tutti
Qualcuno di voi sa spiegarmi perché sulle chitarre classiche la tastiera, in ebano, è sempre piatta? e non viene invece costruita con un leggero raggio di curvatura proprio delle chitarre acustiche. La leggera curvatura renderebbe più agevole il compito della mano sinistra sopratutto nell'esecuzione dei barrè.
Grazie

luigib952
Messaggi: 981
Iscritto il: dom 17 mag 2009, 15:34
Località: Tenerife (Spagna)

Re: Tastiera piatta

Messaggio da luigib952 » mer 20 dic 2017, 14:12

Quello che dici é inesatto. Le chitarre di alta gamma hanno la tastiera tutt'altro che piatta.
Caminante, no hay camino,
se hace camino al andar.
(Antonio Machado)

alessandro lienzo

Re: Tastiera piatta

Messaggio da alessandro lienzo » mer 20 dic 2017, 20:13

Io preciserei che le chitarre di alta gamma possono avere tastiere piatte o Bombate.
È tradizionale la tastiera piatta ed è anche più facile da costruire. Poi c'é chi preferisce l'una or l'altra.

stenko
Messaggi: 16
Iscritto il: mer 14 dic 2016, 10:51

Re: Tastiera piatta

Messaggio da stenko » gio 21 dic 2017, 08:47

Confesso la mia ignoranza, ma io ho sempre e solo viso tastiere piatte e le mie chitarre non costano poco.
Considerando che a me (che non sono un liutaio) una tastiera grezza 50x7x0,7cm in ebano nero indiano,
a piani paralleli (quindi piatta), costa 19 euro, la stessa, con un piano curvo, "bombato" costerebbe 1 o 2 euro in più.
Non è quindi una questione di prezzo, ma di scelte costruttive.
Qualche liutaio potrebbe chiarire perché e quando si è scelto di costruire tastiere piatte.
Se uno prova a suonare su una tastiera curva (con raggio di curvatura non eccessivo) non credo possa poi preferire quella piatta.
Saluti

Benedetto
Messaggi: 537
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: Tastiera piatta

Messaggio da Benedetto » gio 21 dic 2017, 11:52

Normalmente è piatta per tradizione e perché i musicisti in tendenza la richiedono piatta.
Credo sia stato Tom Humphrey ad introdurre la novità della tastiera bombata sugli acuti; se ricordo bene più tardi ha iniziato a proporre una tastiera radio-composita come sulle elettriche (che cioè va progressivamente da piatta a bombata piu ci si avvicina alla buca) e ricordo non poco criticismo da parte dei tradizionalisti.
Personalmente non ho mai sentito la necessità di una tastiera bombata o di una spaziatura diversa da quella tradizionale. Penso sia solo questione di tecnica.
Credo che i liutai si diano più pena per una tastiera intonata che non per una bombata.

alessandro lienzo

Re: Tastiera piatta

Messaggio da alessandro lienzo » gio 21 dic 2017, 12:19

Benedetto, se ti va, puoi spiegarmi quali accorgimenti conviene seguire per fare una tastiera intonata?

stenko
Messaggi: 16
Iscritto il: mer 14 dic 2016, 10:51

Re: Tastiera piatta

Messaggio da stenko » gio 21 dic 2017, 17:12

Certo che la tastiera prima di tutto deve essere intonata.
Noi però cerchiamo tastiere morbide, che non stanchino la mano sinistra.
E io credo che una tastiera leggermente bombata faciliti il compito della mano sinistra
indipendentemente dalla tecnica.
Quelli che arricciano il naso hanno già provato una tastiera leggermente "bombata", in modo uniforme?
Aspetto sempre l'opinione di qualche liutaio.

alessandro lienzo

Re: Tastiera piatta

Messaggio da alessandro lienzo » gio 21 dic 2017, 17:40

Io ho provato entrambe le soluzioni, il problema della bombata è che fa mancare un po' di grip ai cantini.
Comunque non mi dispiace.

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 364
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Tastiera piatta

Messaggio da Davide Pirillo » gio 21 dic 2017, 17:42

Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

stenko
Messaggi: 16
Iscritto il: mer 14 dic 2016, 10:51

Re: Tastiera piatta

Messaggio da stenko » ven 22 dic 2017, 09:16

https://imgur.com/a/MZDlG
Ho letto il post di Roberto Ceretti.
Certo che gli ossi del ponticello e capotasto devono seguire la bombatura.
E l'action deve essere regolata di conseguenza.
Questa modifica non può influenzare la vibrazione della tavola armonica.
Mi fa piacere che qualcuno si esprima sul fato che è più comoda.

ninoram
Messaggi: 834
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: Tastiera piatta

Messaggio da ninoram » ven 22 dic 2017, 14:28

Come chitarrista ho fatto l*esperienza che la leggera bombatura sembra facilitare la mano sinistra. Dopo decenni di Ramirez (1a) direi che non è vero, che il suonare "facile" dipende da molti altri fattori. Mi sono meravigliato di avere problemi con la sinistra con una chitarra di liuteria spagnuola. Un liutaio amico mi ha fatto vedere che il manico ha una leggera bombatura... Ma so anche che qualche liutaio affermato preferisce quest'ultima. Meglio quindi chiedere prima di ordinare uno strumento...

Saluti e auguri!!

Benedetto
Messaggi: 537
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: Tastiera piatta

Messaggio da Benedetto » sab 23 dic 2017, 10:03

Concordo con Ninoram. Alla fine è una questione di abitudine e tecnica.
D’altra parte, esistono strumenti più o meno comodi anche nel sottoinsieme delle chitarre con tastiera piatta.
A titolo d’esempio, ho posseduto una bella chitarra che aveva un manico facilissimo da suonare: ero convinto fosse molto più sottile del solito e con spaziatura ridotta tra le corde. Invece, misurazioni alla mano, si è rivelato essere nei limiti: tutto pressoché standard: la comodità era frutto della lavorazione congiunta di parametri come la sagoma del manico, l’altezza dei tasti e l’azione delle corde.

Altro esempio: ho suonato per anni una chitarra con un’azione un po’ troppo alta per i miei gusti. Sull’ordine deila frazione di mm in eccesso. Il manico era stato costruito con un angolo eccessivo che non offriva margini ulteriori e mi sembrava eccessivo intervenire strutturalmente per così poco.
Oltre al manico, mi sembrava troppo duro anche il suono; duro nel senso di poco malleabile.
Per andare al dunque, alla fine ho sostituito la tastiera cambiandone l’angolo ecc. e lo strumento adesso mi sembra rinato anche timbricamente. È cambiato anche l’angolo delle corde al ponte, la sagoma dei tasti e della tastiera: non posso imputare la cosa ad un parametro in particolare.
Conclusione: a mio parere non è un parametro in se che fa la differenza, ma la lavorazione complessiva e ragionata di vari parametri e il settaggio accurato.
Potresti ben avere una chitarra con tastiera bombata e poi trovarla più scomoda di altre.

stenko
Messaggi: 16
Iscritto il: mer 14 dic 2016, 10:51

Re: Tastiera piatta

Messaggio da stenko » mar 26 dic 2017, 21:30

Mettiamo che un liutaio costruisca una chitarra con un manico comodo, facile da suonare e poniamoci la domanda se, nelle stesse
condizioni, sia meglio una tastiera piatta o una leggermente bombata.
Non si tratta di rispondere: "mi va bene la piatta", ma di chiedersi
quale delle due facilita l'esecuzione e migliora le qualità sonore dello strumento.
Secondo il mio modesto parere le qualità sonore restano tali, anche se Alessandro dice che "fa mancare un po' di grip ai cantini".

alessandro lienzo

Re: Tastiera piatta

Messaggio da alessandro lienzo » mer 27 dic 2017, 01:17

Il grip è la stabilità che si ha, non intendevo il suono, impossibile stabilire se la bombata della tastiera condizioni la timbrica. Invece sulla prima corda con tastiera bombata ho notato che la corda può scivolare più facilmente.

stenko
Messaggi: 16
Iscritto il: mer 14 dic 2016, 10:51

Re: Tastiera piatta

Messaggio da stenko » ven 29 dic 2017, 17:06

Se il radius non è eccessivo e se il capotasto è regolato a dovere, la prima corda non dovrebbe scivolare.

Torna a “Liutai, luthiers”