Un problema di accordatura

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
giuseppe improta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1014
Iscritto il: sab 26 gen 2013, 10:29

Un problema di accordatura

Messaggio da giuseppe improta » gio 28 dic 2017, 21:31

Buona sera a tutti .

il problema è il seguente . Accordo la chitarra con uno degli accordatori che si trovano su Internet , in particolare con questo , che come si vede ha un indice mobile , il quale, al suono della nota, ruota fino a indicare lo zero se la nota è giusta. La luce diventa verde . Naturalmente occorre regolare la tensione della corda , per ottenere la giusta frequenza .

Bene : una volta fatto questo per tutte le corde , vado a verificare se , premendo ciascuna corda al 12º tasto , cioè suonando l'ottava superiore, l'indice si riposiziona nuovamente sullo zero, come dovrebbe essere, trattandosi della stessa nota. Ma mi risultano degli scarti notevoli , specie per le prime tre corde; l'indice va alquanto al di là della posizione centrale , indicando una frequenza più alta .

Chiedo quindi agli esperti : è un problema dovuto alla corde a forte tensione (Savarez, carta rossa) ? O è un problema della chitarra ? Che si sia deformata in qualche modo, nel corso degli anni ? Faccio presente che si tratta di una Yamaha CG 160 S degli anni '80 , o giù di lí , quindi non è uno strumento molto sofisticato , tuttavia la pagai una discreta cifra all'epoca ; e finora non mostra , apparentemente, alcuna deformazione. Inoltre, per lo studio limitato che faccio io, non sembra cattiva, e il suono è sempre stato , per me , accettabile .
Ma se il problema esposto indica che in qualche modo si è verificata una deformazione , il difetto può essere eliminato o ridotto in qualche modo ? ...Oppure...che sia arrivato il momento di cambiare chitarra ? Il budget non è molto elevato...

Grazie per l'attenzione .

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3643
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da Gabriele Gobbo » gio 28 dic 2017, 23:43

Innanzi tutto andrebbe compreso se il problema si presenta ora, d'un tratto, oppure se solo ora ce ne si rende conto, utilizzando l'accordatore come controllo. In secondo luogo, proverei a sostituire le corde, per vedere se il difetto si ripresenta uguale o se non sono le corde montate ora ad avere dei problemi. Fatto questo, se il problema è confermato, occorre compensare l'osso del ponticello. Questo con un minimo di perizia puoi farlo da te, oppure chiedi ad un liutaio, che non dovrebbe farti spendere cifre importanti per questo piccolo intervento. Di sicuro, se non sei stufo della tua chitarra, non c'è ragione per cambiarla.
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Avatar utente
giuseppe improta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1014
Iscritto il: sab 26 gen 2013, 10:29

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da giuseppe improta » ven 29 dic 2017, 00:09

In effetti , me ne sono reso conto soltanto ora , facendo la verifica che ho detto , e cioè suonando le ottave superiori al 12º tasto . Non cambio le corde da molto tempo, proverò a sostituirle per vedere se il problema persiste . In caso affermativo, temo di non essere abbastanza esperto da mettere le mani sul ponticello , e mi sa che ricorrerò ad un liutaio.

Sei sempre molto gentile e premuroso , Gabriele : grazie . Quando il problema sarà risolto , lo farò sapere . Penso anch'io che non sia tanto difficile , per una persona del mestiere. :okok:

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da Marco B. » lun 01 gen 2018, 11:42

Io procederei per step. Prima cosa cambiare le corde, magari con una muta più morbida, e verificare se il problema persiste. Se non si risolve potrebbe essere avvenuto un movimento del manico ( le corde dure possono col tempo provocare dei danni ) che alzando l'action obbliga a una pressione maggiore sul 12 tasto , con probabili squilibri. Ma avresti dovuto accorgertene di un aumento dell'action. Per cui propendo che siano le corde.

Avatar utente
giuseppe improta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1014
Iscritto il: sab 26 gen 2013, 10:29

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da giuseppe improta » lun 01 gen 2018, 11:49

Grazie Marco . Farò come suggerisci . Quanto dovrebbe essere l'action ottimale ? Attualmente è circa 4 mm al mi grave.

Auguri di buon 2018 ! :casque:

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3643
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da Gabriele Gobbo » lun 01 gen 2018, 16:17

giuseppe improta ha scritto:
lun 01 gen 2018, 11:49
Grazie Marco . Farò come suggerisci . Quanto dovrebbe essere l'action ottimale ? Attualmente è circa 4 mm al mi grave.

Auguri di buon 2018 ! :casque:
4 mm misurato dal tasto (il 12°) fino alla parte inferiore della 6^ corda è perfettamente nella norma.
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Franco.I
Messaggi: 466
Iscritto il: mer 13 gen 2010, 22:45
Località: Reggio Emilia

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da Franco.I » lun 01 gen 2018, 20:54

Perchè non pubblichi una foto del ponticello visto dall'alto e anche di fronte;se ne potrebbe capire di più e darti qualche consiglio su come procedere per fare una correzione.

Avatar utente
giuseppe improta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1014
Iscritto il: sab 26 gen 2013, 10:29

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da giuseppe improta » lun 01 gen 2018, 21:07

Gabriele Gobbo ha scritto:
lun 01 gen 2018, 16:17
4 mm misurato dal tasto (il 12°) fino alla parte inferiore della 6^ corda è perfettamente nella norma.
Benissimo. Quindi il problema , se un problema c'è , riguarda le corde. Procederó con la sostituzione.
Probabilmente il materiale di cui sono fatte le corde , come in fondo tutti i materiali che si adoperano nelle costruzioni meccaniche, acciaio incluso, perde con l'invecchiamento le caratteristiche di elasticità che ha da nuovo , e la distribuzione degli sforzi e delle deformazioni elastiche non è più cosí uniforme come nelle corde nuove .

Scusa Franco, ho letto in ritardo il tuo messaggio . Dovrei capire prima come si fa a pubblicare una foto qui .... :oops:

Franco.I
Messaggi: 466
Iscritto il: mer 13 gen 2010, 22:45
Località: Reggio Emilia

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da Franco.I » mar 02 gen 2018, 00:23

Ciao Giuseppe.
Fai due foto del ponte,una visto dall'alto e l'altra vista di fronte e le collocherai in una cartella.
Sotto alla finestra del testo di risposta fai clic su "aggiungi file",cerchi la tua cartella dove hai messo le foto,fai doppio clic prima su una foto, ripeti il procedimento anche per la seconda e ti appariranno entrambe sotto al messaggio.Tieni presente però che le foto non devono superare i 140 Kb e se sono troppo pesanti bisogna ridimensionarle con qualche programmino che trovi sul pc. Non hai un nipote che possa aiutarti?(ma forse lo sai fare meglio di me e ti chiedo scusa).

Avatar utente
giuseppe improta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1014
Iscritto il: sab 26 gen 2013, 10:29

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da giuseppe improta » mar 02 gen 2018, 10:28

Non hai un nipote che possa aiutarti?(ma forse lo sai fare meglio di me e ti chiedo scusa).
Non devi scusarti di niente , Franco ! Il nipotino ce l'ho , ma ha solo 2,5 anni , e i computer lui li rompe :lol: , me ne ha già rotto uno ...!
Proverò stasera a fare le foto e a pubblicarle .Sopra il riquadro dove si scrivono i messaggi ci sono vari pulsanti, tra cui [img] , dopo l'asterisco. Devo capire come funziona.

Vorrei montare delle corde a tensione normale , non forte. Che mi consigli ?

Ciao .

Franco.I
Messaggi: 466
Iscritto il: mer 13 gen 2010, 22:45
Località: Reggio Emilia

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da Franco.I » mar 02 gen 2018, 12:16

Secondo me fai bene a montare corda e media tensione anche se non credo che questo risolva il tuo problema che forse è solo di "compensazione".

Avatar utente
giuseppe improta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1014
Iscritto il: sab 26 gen 2013, 10:29

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da giuseppe improta » mar 02 gen 2018, 16:33

Ciao Franco.I .

Allego 3 foto , caricate da Imgur , perchè sono troppo pesanti per caricarle come allegato al messaggio :

https://imgur.com/3cVGXaD

https://imgur.com/SxqQwIf

https://imgur.com/tPXm96v

Non so che cosa si possa capire da esse. L'altezza max del ponticello dal piano ( lato Mi basso, a Sn nella prima foto) è 14 mm , l'altezza minima (lato mi cantino, a destra nella stessa foto) è 12,5 mm.

Hai qualche idea ?

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1599
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da Pietro » mar 02 gen 2018, 17:22

Un'idea la avrei pure per limitare l'aumento della frequenza al dodicesimo tasto ma prima proverei a sostituire le corde con una muta a media tensione, ma che lo siano veramente in quanto ci sono ditte che hanno delle medie tensioni che tirano più della tensione alta.
Proverei anche (visto che siamo in presenza al ponticello di una compensazione sulla corda SOL) a vedere se l'aumento di frequenza della corda SOL è uguale a quello delle altre corde.
Proverei pure per ultimo a verificare con un altro accordatore digitale o analogico se persiste l'aumento generalizzato di frequenza in quanto le sorprese con questi aggeggi non sono una novità.
Detto questo tutto il resto sembra OK, presumo (dalle immagini) che se la corda MI 6 misurata al dodicesimo tasto tra la sommità del tasto e la parte inferiore della corda stessa è quattro millimetri che al MI cantino la stessa prova darà una misura inferiore di qualche decimo.

Cordialità - Pietro

Avatar utente
giuseppe improta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1014
Iscritto il: sab 26 gen 2013, 10:29

Re: Un problema di accordatura

Messaggio da giuseppe improta » mar 02 gen 2018, 18:16

Grazie Pietro.
Ho pensato anch’io che di questi accordatori che si trovano in rete non ci sia da fidarsi molto, anche perché l’orecchio mi dice che le note al 12^ tasto sono “giuste” . Proverò dapprima a cambiare accordatore. Certo è che, prima di usare il Tuner della rete, accordavo tranquillamente con il diapason del “la” , proseguendo poi col noto metodo a orecchio , e controllavo gli unisoni su corde distanti, avendo sempre risultati soddisfacenti.
Sono un po’ in dubbio sull’opportunità di montare corde a media tensione, lo feci una volta anni fa, ma la chitarra sembrava soffocare...con le Savarez a forte tensione i suoni sono più brillanti, a mio giudizio, anche se fatico di più....Certo che la media tensione gioverebbe anche ai dolori da artrosi che ho nelle mani : è la vecchiaia che bussa alla porta😩! E allora, devo fare una scelta...

Torna a “Liutai, luthiers”