Ponticello a sola pressione

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
stenko
Messaggi: 16
Iscritto il: mer 14 dic 2016, 10:51

Ponticello a sola pressione

Messaggio da stenko » sab 30 dic 2017, 09:54

Mozzani antica 03.jpg
Buongiorno
Mi sono sempre chiesto perché le chitarre sono costruite con un ponticello di tipo diverso
rispetto agli archi.
Le corde della chitarra, legate al ponticello, effettuano uno sforzo di trazione e compressione
sulla tavola armonica mentre per gli archi la tavola armonica viene solamente compressa.
Ho trovato su internet un chitarra Mozzani costruita con un ponticello simile a quello degli
archi e vorrei sapere se qualcuno ha mai suonato una chitarra e simile e quali impressioni ha ricavato.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Balaju
Messaggi: 818
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Ponticello a sola pressione

Messaggio da Balaju » sab 30 dic 2017, 11:33

La Mozzani della foto sembra essere stata adattata a chitarra con il ponte mobile. Aveva il ponte con le corde passanti attraverso la tavola e fermate da piroli (come nelle attuali acustiche), e sembra che il ponte sia stato rimosso, i fori dei piroli chiusi e che sia stato montato un ponte mobile posticcio.
Gli archi hanno la tavola e il fondo bombati, con l’anima che mette in contatto. E’ una costruzione diversa.
Comunque le tue osservazioni le fece anche Orville Gibson agli inizi del ‘900, quando creò mandolini e chitarre archtop costruiti con tavola e fondo scolpiti come nei violini. Per i mandolini, mandole e mandoloncelli, con corde metalliche, il risultato è ottimo. Per le chitarre molto meno, visto il timbro che fa risaltare troppo i toni medi. Pel il repertorio della classica non vanno bene.
Balaju

mimmo2us
Messaggi: 89
Iscritto il: ven 24 ott 2014, 09:45
Località: italy

Re: Ponticello a sola pressione

Messaggio da mimmo2us » sab 30 dic 2017, 12:15

il ponte fisso o ponte 'da budello' non consentiva ai metalli del passato (parlo del cinque, see e settecento) di poter effettuare la piega brusca o loop per poterle fissare dopo aver attraversato il foro. Erano in altre parole troppo fragili e pertanto si spezzavano nell'operazione di piega. Cosi nelle cetre, che avevano corde di metallo, si usava questo sistema che permetteva di non rompere le corde le quali si appoggiano soltanto sopra di esso. Questo metodo è poi rimanso in uso tutte le volte che si era in presenza di corde di metallo.
La torsione che subisce la tavola armonica a causa di un ponte incollato è molto importante per la produzione del suono: mi riferisco alla bombatura che si forma tra il ponte e la parte retrostante della tyavola armonica. In pratica è una membrana che si innarca e lavora meglio acusticamente. Cosa che non avviene con i ponti mobili. Se si ossserva questa chitarra ha la cordiera tipica per le corde di metallo. Gli archi lavorano in tutt'altro modo, tanto è vero che le loro corde, se le pizzichi, sono molto sorde e così anche il responso acustico al pizzicato che è di brevissima durata. Ciao

Torna a “Liutai, luthiers”