intuizione sulla morbidezza della tastiera

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 428
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

intuizione sulla morbidezza della tastiera

Messaggio da JuriRisso » mer 25 apr 2018, 07:19

Ho appena montato le corde sulla n. 16
Ho adottato il sistema con le corde passanti e per sicurezza ho lasciato un angolo abbastanza largo.
Non so se sia stato questo ma al tatto la tastiera è molto morbida, anche se le corde che ho usato erano savarez con bassi ad alta tensione e cantini medi

é possibile che l'angolo delle corde dopo l'osso del ponticello possa influire sulla suonabilità dello strumento?
Non parlo di suono più o meno forte, ma della sensazione di avere sotto le dita una tastiera agevole e morbida.

In questa chitarra nello specifico ho montato il truss road ma al momento non l'ho ancora regolato dato che per ora la tastiera è perfetta.

Balaju
Messaggi: 818
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: intuizione sulla morbidezza della tastiera

Messaggio da Balaju » mer 25 apr 2018, 08:41

Poi postare una foto del ponte per poter vedere l’angolo?
Non credo che l’angolo che la corda fa dopo il traversino renda la tastiera più agevole o morbida, ma ho notato che le corde passanti rendono i suoni più “determinati” cioè meno “impastati” tra loro, oltre a restituire un maggior volume. La sensazione è quindi quella di una migliore resa acustica generale che stimola la voglia di suonare :D (in questo caso si può certo parlare di migliore suonabilità :roll: ). Ho già scritto che ho fatto le prove su strumenti un po’ afoni e non posso quindi affermare che la cosa valga sempre.
Balaju

Torna a “Liutai, luthiers”