Disastro annunciato

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 428
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Disastro annunciato

Messaggio da JuriRisso » ven 04 mag 2018, 19:41

Il 16 Aprile ho inviato tramite TNT due chitarre per farle partecipare ad un concorso di liuteria a Civitella Alfedena.
Organizzando la spedizione ho ricevuto informazione tramilke il portale che sarebbero dovute arrivare il 19. Il 20 chiamo per conferma e mi viene comunicato che era assolutamente impossibile far arrivare le chitarre per quella data.
Il corriere poteva raggiungere la destinazione non prima del 23 quando il concorso sarebbe già finito.
Se avessi saputo di ciò non l'avrei neppure inviate.
Il corriere mi comunica che in effetti c'è stata una cattiva comunicazione per cui mi ha organizzato la spedizione di rientro.
Dopo 20 giorni mi sono arrivate. Una intatta, l'altra distrutta.

Ecco le foto

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
Francesco Iannucci
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 149
Iscritto il: gio 23 lug 2015, 15:14

Re: Disastro annunciato

Messaggio da Francesco Iannucci » ven 04 mag 2018, 20:06

Noooooo:-(
Chitarra: Altamira N300+ , Cordoba 45 Limited
Corde:Aquila Alabastro Superior,
Dogal Venetian strong, Augustine Imperial HT, EXP 44, Savarez 510cj

Avatar utente
Maxi78
Messaggi: 178
Iscritto il: gio 11 set 2008, 18:35
Località: Genova

Re: Disastro annunciato

Messaggio da Maxi78 » ven 04 mag 2018, 20:32

Ma non è possibile, una roba da pazzi! Spero che tu riesca a rivalerti su chi ha commesso questo scempio!

Balaju
Messaggi: 818
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Disastro annunciato

Messaggio da Balaju » ven 04 mag 2018, 21:21

Mi dispiace per la sfortunata spedizione. Ho spedito e ricevuto molte chitarre tramite le tanto vituperate Poste Italiane e non ho mai avuto problemi tranne una volta, ma per colpa dell’imballo posticcio di un charango che avevo ricevuto dal Perù. Le Poste si servono di corrieri (TNT, Bartolini, Fedex etc.) e quindi non credo che si possa addebitare la colpa ad uno di questi in particolare.
Avevi spedito le chitarre senza la custodia rigida e solo in un imballo di cartone?
L’imballo è per me la parte più noiosa e pesante di ogni spedizione. Io ci impiego anche diverse ore per imballare una chitarra, a partire dalla ricerca del cartone adatto. Un liutaio famosissimo, al quale ho venduto una chitarra di fine ‘700 (completamente da restaurare), mi consigliò di fare in modo che tra lo strumento e le pareti interne del cartone ci fosse un cuscinetto formato da palline di carta di giornale appallottolate.
Io metto la chitarra nella custodia rigida, poi fodero la custodia con il pluriball, poi infilo il tuto in un cartone per chitarra di grosse dimensioni (es. un cartone di una 12 corde o di un basso acustico rimediati dai negozi di musica che li buttano dopo aver ricevuto gli strumeni), sul fondo del quale creo un letto di palline di carta di giornale. Prima di chiudere il coperchio inserisco in verticale delle colonnine di cartone rigido tagliate a misura che trovo all’esterno dei negozi di stoffe. Queste colonnine tengono il coperchio sollevato dal fondo in modo da poter inserire altre palline sulla superficie della custodia avvolta nel pluriball. In prarica lo strumento non tocca nemmeno il cartone dell’imballo, galleggiando invece tra le palline di carta. Le colonnine di cartone evitano che il cartone si schiacci e se lo fa, le palline, il pluriball e la custodia ammortizzano gli urti.
Poi chiudo il tutto con numerose passarte di nastro da pacchi bello strinto, e il risultato è un imballo talmente compatto che potrebbe rimbalzare.
Certo, se poi gli spedizionieri inforcano l’imballo con i rebbi del muletto (è successo al mio amico liutaio Ragghianti), allora non c’è speranza...
Credimi, sei stato sfortunato.
Per evitare di andare per tribunali ti consiglio di avviare una procedura di conciliazione tramite la locale Camera di Commercio.
Francamente mi ha lasciato invece molto perplesso il tempo di riconsegna degli strumenti: 20 giorni per riaverli indietro?
Balaju

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 428
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: Disastro annunciato

Messaggio da JuriRisso » sab 05 mag 2018, 07:30

effettivamente essendo la prima volta che spedivo una chitarra forse sono stato approssimativo. Grazie per i consigli

CiroLama
Messaggi: 17
Iscritto il: sab 24 set 2016, 11:29

Re: Disastro annunciato

Messaggio da CiroLama » sab 05 mag 2018, 09:32

Cosa intendi fare per quella distrutta? Sostiruire il piano armonico?

Balaju
Messaggi: 818
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Disastro annunciato

Messaggio da Balaju » sab 05 mag 2018, 10:13

Credo che la sostituzione della tavola sia fattibile. In questo forum ci sono degli utili consigli del liutaio Roberto Ceretti, uno dei quali è quello di non staccare mai la catena maestra.
Piuttosto mi incuriosisce la strana forma del ponte...
Balaju

Avatar utente
Cristiano Cuomo
Messaggi: 105
Iscritto il: ven 07 mar 2014, 07:44
Località: Arcore

Re: Disastro annunciato

Messaggio da Cristiano Cuomo » sab 05 mag 2018, 11:49

Ciao Iuri,
mi dispiace per quello che è accaduto alla tua chitarra.

Ti consiglio comunque di provare a ripararla,
è fattibile e sarà una bella esperienza che ti arricchirà.
Ovviamente la riparazione sarà visibile.
Poi deciderai se, anche solo per esperienza, sostituire la tavola.

Vorrei però chiederti se puoi dare un giudizio a quel concetto di ponte che è ha lo stesso principio del mio.

CiroLama
Messaggi: 17
Iscritto il: sab 24 set 2016, 11:29

Re: Disastro annunciato

Messaggio da CiroLama » sab 05 mag 2018, 16:19

Le fasce e il fondo sono anche loro danneggiati?

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 428
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: Disastro annunciato

Messaggio da JuriRisso » sab 05 mag 2018, 21:11

le fasce e il fondo sono integre. Penso di provare ad aggiustare la tavola. se poi il risultato non è buono allora proverò a sostituire la tavola.
Il ponte l'ho scopiazzato da Cuomo.
Ogni volta che lo sento ha dei preziosi consigli da darmi e secondo me la sua concezione del ponte è la più interessante, magari unita ai fori passanti.

Da Cristiano mi sono impossessato della dima per la paletta e per l'incastro a v del manico. Anche un bambino riuscirebbe ad ottenere dei bei risultati usando le sue dime. Potrebbe commercializzarle.....

Vi terrò aggiornati sulla riparazione dello strumento... magari suonerà ancora meglio!

giannini awn71
Messaggi: 561
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Disastro annunciato

Messaggio da giannini awn71 » sab 05 mag 2018, 23:19

ciao Iuri....
sono fortemente dispiaciuto per quello che ti è successo...credo che per un liutaio una chitarra sia come una figlia,dietro ci sono sacrifici,magari nottate...e vedersela arrivare in questo stato sono pugnalate. .adesso assisterai purtroppo ad un infinito ping pong di responsabilità tra le poste italiane ed il vettore ,in questo caso T.N.T...
Il problema sorge nel dare un giusto valore allo strumento...mi spiego....se fosse stata una chitarra industriale...più o meno buona....li c'e un listino prezzi da riferimento e amen....ma nel caso di uno strumento artigianale...come fai a chiedere x oppure y ????
credo diventi un po più complicato, e lo stesso discorso credo valga anche per il miglior liutaio d'europa....
personalmente non ho mai avuto fiducia nelle poste italiane, e dei loro vettori di comodo.
quando mi è capitato di spedire uno strumento delicato come una chitarra, mi sono sempre rivolto a D.H.L...paghi molto di più..però sei assicurato..e ti trattano il pacco come una sacra reliquia....non te lo prendono a calci come fanno gli impiegati delle poste italiane
comunque mi auguro di cuore di avere torto e che tu possa essere rimborsato come meriti.....la prima volta che capiterò a Torino..farò in modo di incontrarti e assaggiare la tua cucina che dicono essere mooolto buona
con affetto...

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 428
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: Disastro annunciato

Messaggio da JuriRisso » dom 06 mag 2018, 07:15

grazie per le vostre dimostrazioni di affetto.... vi voglio bene!

Torna a “Liutai, luthiers”