acquistereste una chitarra riparata?

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 428
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

acquistereste una chitarra riparata?

Messaggio da JuriRisso » gio 24 mag 2018, 06:28

sto procedendo alla riparazione della chitarra massacrata dalla TNT.
La riparazione sta venendo bene e i danni pur notandosi sono mascherati al meglio.
A questo punto la domanda fatidica: ma ha senso procedre in questa riparazione? In particolare qualcuno potrebbe essere interessato ad acquistare/possedere una chitarra che pur suonando benissimo è stata riparata e presenta evidenti segni di precedenti spoaccature?

La riparazione è sicuramente una sfida e riportare una chitarra ed essere suonata è una soddisfazione, ma per il suo futuro non vedo altra possibilità se non quella di essere regalata.

cosa ne pensate?

giannini awn71
Messaggi: 570
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: acquistereste una chitarra riparata?

Messaggio da giannini awn71 » gio 24 mag 2018, 07:01

Juri buon giorno...
Sapendo quanta dedizione e passione metti nel costruire i tuoi strumenti ed essendo certo della qualità dei legni impiegati.....regalarla..assolutamente no...
Certo la tnt ti ha procurato un danno non da poco...l'unica cosa che puoi fare è quella di riprenderti i soldi spesi per acquistare le essenze parliamo sempre di una chitarra in massello..il tuo buon nome e la reputazione che ti sei guadagnato ti aiuterà senza alcun dubbio........
Non la regalare...è una questione anche di orgoglio personale.
certo l'occhio vuole anche la sua parte,ma se suona bene un chitarrista con un minimo di esperienza e orecchio, di fronte ad un prezzo di favore sono certo passerà sopra al lato estetico..
ciao e buon lavoro
comunque quando avrai completato i lavori posta qualche foto :bye:

Marco B.
Liutaio amatore
Messaggi: 893
Iscritto il: mar 22 dic 2009, 22:49
Località: Genova

Re: acquistereste una chitarra riparata?

Messaggio da Marco B. » ven 25 mag 2018, 22:04

Non ho fatto altro negli ultimi anni che riparare chitarre gravemente danneggiate. In alcuni casi riuscendo a farle suonare molto bene sanando le fratture e sostituendo elementi che non si potevano aggiustare. La soddisfazione è grande anche se il lavoro necessita di impegno, col dubbio fino alla fine di avere faticato per niente. Ho costruito una sola chitarra ex novo, ma ritengo che la riparazione in certi casi dia ancora più soddisfazione . I segni rimangono, per bene che gli incollaggi siano eseguiti, la chitarra riparata è visibile ed è onesto che lo sia. Anche nelle chitarre riuscite meglio e che potrebbero passare inosservate ai più, io metto sempre un cartiglio dove elenco i lavori fatti e firmo con data...dico per i posteri ! Ma a me pare giusto farlo. Quindi se la riparazione è fatta al meglio, non è giusto regalare lo strumento. Forse neppure valutarlo con il costo della materia prima, perché il restauro ha impegnato altre ore di lavoro. Se ritieni che la chitarra abbia riacquistato le sue prerogative sonore e strutturali ,praticare uno sconto al 50% dovrebbe essere ben accetto da un possibile acquirente.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1608
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: acquistereste una chitarra riparata?

Messaggio da Pietro » sab 26 mag 2018, 19:52

Senza volere sfuggire alla domanda da semplice appassionato della musica e della liuteria vorrei dare un paio di alternative:

1 - riparo la chitarra e la uso per le mie prove e nei miei spostamenti visto che il suono è buono e lo strumento mi va'... se poi qualcuno me lo compera tanto meglio...
2 - cambio la tavola armonica e vado sul sicuro, si tratta in fondo sempre di uno strumento di nuova costruzione.

Naturalmente meglio se non fosse accaduto il fattaccio... ma ora come ora :(


Cordialità - Pietro -

Torna a “Liutai, luthiers”