A proposito di dots

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
Vincenzo Rapacciuolo
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 480
Iscritto il: ven 14 lug 2017, 11:46

A proposito di dots

Messaggio da Vincenzo Rapacciuolo » sab 15 set 2018, 15:20

Buonasera chitarristi, posto in questa sede quella che è una mia curiosità, ma può rispondermi anche chi liutaio non è. Perché sulle chitarre classiche (di solito) non vi sono i puntini segnatasti? O al limite è presente sul bordo un puntino al VII tasto, mentre sulle chitarre folk abbondano (III, V, VII, IX ecc.), sul XII tasto addirittura due? Ora mi domando è per un fatto estetico, per un motivo filologico (magari Torres non li adottava), perché potrebbero offendere i maestri veri che suonano la classica o perché... ditemelo voi? Sarò davvero grato :merci: a chi vorrà rispondermi, sui dots e sulla loro collocazione in determinati punti della tastiera, conosco davvero poco in tal senso.
:bye: Enzo
Ultima modifica di Vincenzo Rapacciuolo il dom 16 set 2018, 09:00, modificato 1 volta in totale.
E po' ched'è 'a Chitarra?: musica 'nzino ca te scarfa e te cunnulea...
(Tratto dalla Poesia " 'A chitarra" di Giuseppe Marotta)

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3715
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: A proposito di dots

Messaggio da Gabriele Gobbo » sab 15 set 2018, 17:45

La tastiera della chitarra classica interseca la cassa armonica in corrispondenza del 12° tasto, e praticamente sono tutte fatte così. Con un po' di abitudine ci si riesce ad orientare abbastanza agevolmente, anche se per me sono comunque troppi e faccio volentieri uso dei puntini, che mi danno maggiore sicurezza.
Le chitarre folk hanno la tastiera esposta fino al 14° tasto ed alcune anche oltre. Per quelle elettriche non c'è alcuna regola. Una stratocaster ha la tastiera esposta fino al 18° tasto sul lato bassi e 20° sul lato cantini (vado a memoria, ma più o meno è così). Ne deriva che i puntini di riferimento, che in alcuni casi assolvono anche ad una funzione estetica, divengono quasi irrinunciabili. Non credo ci siano altre ragioni e nessuno vieta di metterli anche sulla classica, se ci tolgono un po' di ansia.
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Torna a “Liutai, luthiers”