provocazione

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
ninoram
Messaggi: 876
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: provocazione

Messaggio da ninoram » mar 06 ago 2019, 13:36

avete ragione. Ma la cosa che più mi sorprende è che nessuno dei visitatori esprima un giudizio, una valutazione delle chitarre esposte e spesso anche provate durante l'esposizione, su questo sito. Ovvio che sarebbe a titolo personale, ma ci vuole veramente tanto coraggio a dire: la chitarra di xy che ho provato, mi è sembrata... Ci sarà una differenza tra una chitarra e l'altra.
Saluti!!

Costantino Proietti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 51
Iscritto il: lun 19 giu 2017, 12:40
Località: Roma

Re: provocazione

Messaggio da Costantino Proietti » mar 06 ago 2019, 14:37

ninoram ha scritto:
mar 06 ago 2019, 13:36
avete ragione. Ma la cosa che più mi sorprende è che nessuno dei visitatori esprima un giudizio, una valutazione delle chitarre esposte e spesso anche provate durante l'esposizione, su questo sito. Ovvio che sarebbe a titolo personale, ma ci vuole veramente tanto coraggio a dire: la chitarra di xy che ho provato, mi è sembrata... Ci sarà una differenza tra una chitarra e l'altra.
Saluti!!
Uscendo un po' fuori topic.
Una parziale idea si può ottenere dalla prova comparativa degli strumenti che è pubblicata su Youtube. Forse quest'anno un pochino meno per la inspiegabile, IMHO, brevità della prova rispetto alle prove degli anni precedenti, decisamente più adeguate allo scopo. Dal vivo, avviene che ti accomodi e inizi ad ascoltare cercando di memorizzare le chitarre che ti colpiscono di più per questo o quell'altro aspetto. Dopo un po', ( sono 30 le chitarre presentate delle circa 60 che i liutai portano alla mostra) è come quando annusi i profumi, perdi il conto. Personalmente mi sono rimasti impressi gli strumenti di Tacchi, Lodi, Coriani, Migliorini e Illotta. Ma ne avrei potuto citare altri 20 o magari tutti i restanti strumenti. Le chitarre sono tutte fantastiche e con finiture di assoluta eccellenza e in alcuni casi delle vere opere di altissima ebanisteria.
Ovviamente anche i prezzi sono adeguati.
Certamente, una valutazione mirata al singolo strumento credo che difficilmente possa trovare posto qui e men che meno una valutazione negativa, quant'anche ci fosse.
Un fatto è la cosa più ostinata del mondo. Bulgakov

pippowitz
Messaggi: 2309
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: provocazione

Messaggio da pippowitz » mar 06 ago 2019, 15:20

Costantino Proietti ha scritto:
mar 06 ago 2019, 14:37
(...)
Personalmente mi sono rimasti impressi gli strumenti di Tacchi, Lodi, Coriani, Migliorini e Illotta. Ma ne avrei potuto citare altri 20 o magari tutti i restanti strumenti.
(...)
Avresti potuto citarne altri 20 ma guarda caso ti sono rimasti impressi proprio questi, che non sono affatto liutai esordienti né dilettanti, ma professionisti sulla piazza da parecchi anni. Lodi e Illotta li conosco poco o niente e non dico nulla, Di Coriani ho provato anni fa una chitarra che forse avrei fatto bene a comprare, molto bella. Di Migliorini ho suonato per un po' una chitarra che suonava molto bene, peccato poi avesse problemi di altro tipo, e ne ho sentita recentemente una in mano a Guido Fichtner, molto bella. Tacchi mi piace molto, le sue chitarre sono quelle che mi convincono di più tra quelle che ho potuto ascoltare. Purtroppo non ho mai avuto modo di provarne una... ogni tanto provo a vedere se ci sia in circolazione l'annuncio di qualcuno che vende una sua chitarra ma, guarda caso, non ce ne sono mai...

Torna a “Liutai, luthiers”