Gestione del rischio polveri

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
DeGreiff
Messaggi: 15
Iscritto il: gio 05 gen 2017, 00:18

Gestione del rischio polveri

Messaggio da DeGreiff » mar 17 set 2019, 11:52

Ciao a tutti!
Volevo chiedere informazioni su un argomento del quale non ho trovato molto e del quale penso possa essere utile confrontarsi con altri liutai che lavorano col legno. Ho costruito 3 chitarre fin'ora e ho uno spazio a casa che mi sono creato appositamente.
Parlo del rischio polveri.
Mi sono spaventato mentre leggevo sul sito di Siccas alcune righe su Manuel de la Chica: "He unfortunately had to retire due to health problem caused by the inhalation of dust and chemicals in 1973". Ha smesso di costruire a causa delle inalazione di agenti chimici e polveri. E stiamo parlando non solo di un professionista, ma di un grande del mestiere.
Ad oggi ci sono nel mondo migliaia di liutai che svolgono egregiamente il proprio mestiere (liutai di archi, corde a pizzico, chitarre elettriche ecc..), come fanno a gestire la polvere che si crea nel laboratorio? E voi come lo gestite?

Costantino Proietti
Messaggi: 70
Iscritto il: lun 19 giu 2017, 12:40
Località: Roma

Re: Gestione del rischio polveri

Messaggio da Costantino Proietti » mar 17 set 2019, 23:23

Ci sono alcune polveri dichiaratamente sensibilizzanti, altre addirittura pericolose. Una fra tutte il cocobolo. Personalmente trovo la polvere di cedrella amarissima. L'utilizzo della maschera è praticamente obbligatorio se vuoi preservarti la salute, cosa che nel passato si trascurava di fare e probabilmente è il caso di Manuel de la Chica. Credo che la gestione delle polveri sia in qualche modo legata al volume che si crea. E se è imponente bisogna attrezzarsi con degli aspiratori attaccati alle macchine. Nel caso, come il mio, di un laboratorio amatoriale ritengo che un buon aspirapolvere sia sufficiente per le necessità giornaliere. Certo in casa occorre una certa attenzione per evitare che la polvere si diffonda dappertutto. Maschera sempre messa quando si fa polvere.
Un fatto è la cosa più ostinata del mondo. Bulgakov

Torna a “Liutai, luthiers”