ll Mio Primo Bach

dal Rinascimento al periodo barocco, dal 1500 al 1760 (Dowland, Sanz, Bach, Weiss).
lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » dom 11 ago 2019, 19:35

Buona sera,ogni tanto mi ripresento,seguo sempre (in anonimato)il susseguirsi di discussioni,video o audio di vari iscritti...il mio tempo è sempre poco e da amatore suono quando gli altri impegni me lo permettono e ora sono giunto al punto: Bach! tutto andava bene prima,bel suono bella espressione..ok da amatore un poco stagionato ho scoperto che cambia tutto.Sono diversi mesi che lavoro sulla suite per violoncello (bwv 1007)e quello che per ora sembra ascoltabile è la Sarabanda.Ve la propongo così,senza molte pretese,accetto ovviamente e con piacere ogni critica che qualsivolglia ascoltatore abbia a fare.
Ringrazio sin d'ora per la pazienza
Saluti, Loris
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » dom 11 ago 2019, 19:37

La chitarra è una F.De Gregorio Torres Model e corde Aquila Ambra 2000 mod.leggere

oiram91
Messaggi: 294
Iscritto il: lun 11 lug 2011, 10:07

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da oiram91 » dom 11 ago 2019, 19:51

:bravo: lorisdose :bravo: mi è piaciuto

lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » lun 12 ago 2019, 19:13

Grazie per avermi ascoltato e per l'apprezzamento!
Un saluto,Loris

Davide Sassi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 24
Iscritto il: mar 02 ott 2018, 17:01
Località: Forlimpopoli (FC)

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da Davide Sassi » mar 13 ago 2019, 08:47

Il tocco morbido, l'interpretazione originale e la magia che si crea nell'aria... Tutto queste cose, unite al fatto che questo pezzo mi prende molto, hanno fatto si che mi commuovessi. Grazie infinite, Loridose!

lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » mar 13 ago 2019, 20:50

Davide Sassi ha scritto:
mar 13 ago 2019, 08:47
Il tocco morbido, l'interpretazione originale e la magia che si crea nell'aria..Buonasera Davide Sassi,ringraziandoti per aver ascoltato la mia esecuzione,vorrei mettere in evidenza la tua frase iniziale:al di a della tecnica fine a se stessa si riesce ad arrivare a colpire l'emozione e questo veramente penso sia il massimo.
Sono consapevole che le lacune tecniche siano evidenti e non possono sfuggire ai Maestri(molti) iscritti a questo importante forum dove umilmente ogni tanto mi affaccio,quando posso studio o suono e questi sono traguardi che mi pongo,il prossimo sarà l'allemanda sempre dalla stessa suite
Grazie ancora e a prfesto.
Loris

rafa55
Messaggi: 76
Iscritto il: mar 25 lug 2017, 16:35

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da rafa55 » mer 14 ago 2019, 23:51

Anche io sono un amatore stagionato e autodidatta, e concordo con il fatto che ora cambia tutto, ma nonostante ciò ho sentito suonare in questo brano la saggezza e la sapienza e non solo....Bravo e complimenti anche se è costato qualche mese di studio, ottima esecuzione, invidiabile. Grazie

lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » ven 16 ago 2019, 21:14

Grazie rafa55,troppo buono!!io non sono però autodidatta,ho seguito i corsi al liceo musicale dove come privatista ho fatto l'esame di teoria e solfeggio.Sucessivamente ho seguito i corsi con il maestro William Charles fino ad aver quasi pronto il repertorio per l'esame al V anno(vecchio ordinamento,parlo della metà degli anni ottanta),ma il lavoro e la famiglia ebbero la priorità ed eccomi qui ora a suonare e studiare quando il tempo mi concede spazio.
In realtà è dall'inzio dell'anno che sto lavorando a questa suite,sarabanda i due minuetti e l'allemanda.Ho da poco impostato il preludio ed è ancora in costruzione ma arriverà.
Certo che le tue parole sono uno stimolo ulteriore!grazie ancora
Un saluto,Loris

Umberto Nostro
Messaggi: 78
Iscritto il: mar 20 dic 2016, 11:31

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da Umberto Nostro » lun 19 ago 2019, 20:13

L'Interpretatione è piacevole e promettente. Aspettiamo fiduciosamente la pubblicazione degli altri movimenti della suite bwv 1007. Bravo.

pippowitz
Messaggi: 2309
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da pippowitz » mar 20 ago 2019, 10:17

Bello, il fraseggio è convincente, si sente che c'è parecchio studio. Se posso dare un consiglio dovresti fermare le risonanze dei bassi dove danno fastidio. Ti faccio un solo esempio: il La basso a 0:40 che prosegue e disturba il re maggiore che segue. Ma ci sono anche altri punti da valutare: se riascolti facendo attenzione ai bassi te ne accorgerai. Basta fare un po' di pulizia e vedrai che il brano ci guadagnerà. Purtroppo non abbiamo pedali e smorzatori come i pianisti e ci tocca lavorare di più: strumento sfigato, non basta far partire le note e tenerle, a volte bisogna pure fermarle...

lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » mar 20 ago 2019, 19:55

Umberto Nostro ha scritto:
lun 19 ago 2019, 20:13
L'Interpretatione è piacevole e promettente. Aspettiamo fiduciosamente la pubblicazione degli altri movimenti della suite bwv 1007. Bravo.
Grazie per l'apprezzamento,il brano più vicino alla registrazione è l'allemanda...dovrete armarvi però di un pò di pazienza,i ritmi sono ahimè blandi ma arriverà.
Saluti,Loris

lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » mar 20 ago 2019, 20:08

pippowitz ha scritto:
mar 20 ago 2019, 10:17
Bello, il fraseggio è convincente, si sente che c'è parecchio studio. Se posso dare un consiglio dovresti fermare le risonanze dei bassi dove danno fastidio. Ti faccio un solo esempio: il La basso a 0:40 che prosegue e disturba il re maggiore che segue. Ma ci sono anche altri punti da valutare: se riascolti facendo attenzione ai bassi te ne accorgerai. Basta fare un po' di pulizia e vedrai che il brano ci guadagnerà. Purtroppo non abbiamo pedali e smorzatori come i pianisti e ci tocca lavorare di più: strumento sfigato, non basta far partire le note e tenerle, a volte bisogna pure fermarle...
Buonasera Pippowitz,consiglio accettatissimo!,queste sono solo alcune cose che sfuggono a chi non ha più una guida,si cerca di suonare ascoltando prima una voce poi l'altra ma purtroppo va così.Ho solo riascoltato (con lo spartito in mano)il pezzo un paio di volte prima di risponderti ed ho notato infatti che i bassi sono un pò "anarchici",dovrò però suonarlo per capire meglio come fare.
Grazie per l'analisi,oltre che per l'ascolto.
Cercherò di ripostare la Sarabanda corretta
Saluti,Loris

pippowitz
Messaggi: 2309
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da pippowitz » mar 20 ago 2019, 20:33

lorisdose ha scritto:
mar 20 ago 2019, 20:08
(...)
queste sono solo alcune cose che sfuggono a chi non ha più una guida (...)
Studiare da soli purtroppo è così: ti tocca fare sia l'allievo che il prof, tutto da solo. Con un bravo insegnante si fa meno fatica, ovviamente, e soprattutto si risparmia tempo, e questo è parecchio importante perché, anche se non sembra, la vita è breve. Ma anche per chi ha un insegnante prima o poi arriva il momento in cui, per ragioni diverse, il rapporto insegnante/allievo finisce. E da lì in avanti ti tocca fare da solo. E da imparare ce n'è sempre. Non so quale sia la tua situazione, ma se ti è possibile potresti valutare l'idea di farti seguire da qualcuno, magari anche con lezioni distanziate nel tempo, tipo una volta o due al mese, visto che te la cavi già bene. Anch'io ho studiato parecchio da solo... non so se sia sempre stata una buona idea...

lorisdose
Messaggi: 301
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: ll Mio Primo Bach

Messaggio da lorisdose » mar 20 ago 2019, 21:29

Come detto in un post precedente ho avuto un periodo dove ho dedicato il mio tempo alla musica ed alla chitarra,poi ad un certo punto ho dovuto dividere questo tempo con lavoro e famiglia.Lo scorso anno ho avuto l'occasione di poter riprendere a seguire delle lezioni ma il lavoro per ora non mi permette di mantenere programmi per cui ho lasciato perdere.Continuo da solo cercando di sfruttare il tempo a disposizione e cercando di trarre vantaggio da qualsiasi possibile opportunità.Per fortuna c'è internet che aiuta.
A presto e grazie ancora.

Torna a “Audio e Video di musica antica”