spartiti utili

Sonic Infusion

Re: spartiti utili

Messaggio da Sonic Infusion » mer 12 nov 2008, 01:11

grazie flax.
si, del fatto dell'impostazione diversa in base alle falsetas me ne sono accorto, per cui solo l'esercizio e suonare cose diverse mi permetterà di mettere in pratica le impostazioni di pollice ecc...
è normale che chi come me non sapeva, crede che c'è un'impostazione precisa da seguire per tutti i palos...invece l'impostazione è modellata appunto da esso.
ecco un'alta importante falla che si apre a chi non ha un maestro, perchè sbagliare e prendere brutti vizi è facile.

guarda, dolori non ce ne sono più, anche perchè ci vado più cauto rispetto a qualche giorno fa, quando sforzavo molto il pollice: ora distribuisco gli esercizi nell'arco di due giorni, e cioè, quelli che ho fatto oggi non gli faccio domani.
diciamo che la cosa più complicata per ora è il rasgueo coll'indice e golpe simultaneo; tutti gli esercizi gli faccio partendo da 60 battiti di metronomo, anche se alcune cose le potrei fare più veloci, ma credo sia importante non lasciare nulla al caso in questo stile.
comunque, spero tra non molto di poter abbozzare la prima solea del metodo..., pollice permettendo, dato che c'ho la parte di unghia esterna un poco incurvata che speso mi fa inceppare sulle corde...ma ovvierò anche a questo.
a una cosa ancora non ho capito: il golpe conviene farlo dando il colpo con le unghie o con i polpastrelli? dai video mica dai capisce...

Soleà nevel 0
Tango nevel 0
bulerìa nevel 0
etc.

non capisco a cosa ti riferisci. nel metodo ci sono solo gli studi (farruca, granainas, solea ecc)

flax

Re: spartiti utili

Messaggio da flax » mer 12 nov 2008, 09:56

Sonic Infusion ha scritto:grazie flax.
si, del fatto dell'impostazione diversa in base alle falsetas me ne sono accorto, per cui solo l'esercizio e suonare cose diverse mi permetterà di mettere in pratica le impostazioni di pollice ecc...
è normale che chi come me non sapeva, crede che c'è un'impostazione precisa da seguire per tutti i palos...invece l'impostazione è modellata appunto da esso.
ecco un'alta importante falla che si apre a chi non ha un maestro, perchè sbagliare e prendere brutti vizi è facile.

guarda, dolori non ce ne sono più, anche perchè ci vado più cauto rispetto a qualche giorno fa, quando sforzavo molto il pollice: ora distribuisco gli esercizi nell'arco di due giorni, e cioè, quelli che ho fatto oggi non gli faccio domani.
diciamo che la cosa più complicata per ora è il rasgueo coll'indice e golpe simultaneo; tutti gli esercizi gli faccio partendo da 60 battiti di metronomo, anche se alcune cose le potrei fare più veloci, ma credo sia importante non lasciare nulla al caso in questo stile.
comunque, spero tra non molto di poter abbozzare la prima solea del metodo..., pollice permettendo, dato che c'ho la parte di unghia esterna un poco incurvata che speso mi fa inceppare sulle corde...ma ovvierò anche a questo.
a una cosa ancora non ho capito: il golpe conviene farlo dando il colpo con le unghie o con i polpastrelli? dai video mica dai capisce...

Soleà nevel 0
Tango nevel 0
bulerìa nevel 0
etc.

non capisco a cosa ti riferisci. nel metodo ci sono solo gli studi (farruca, granainas, solea ecc)

Ciao ,
io pensavo che tu avessi acquistato il metodo Granados 1 ,al suo interno c'è Soleà,allegria,tientos,tango,bulerìa,seguirilla divisa per livelli appunto nevel0 nevel 1 etc.

Il pollice ti si aggancia alle corde un pò per l'affilatura e forse un pò perchè suoni troppo di lato per cui la corda resta incastrata sotto la naturale curva dell'unghia in quel punto.In realtà la curvatura conferisce una certa rigidità all'unghia per cui è bene che tu controlli soprsattutto il modo di come attacchi le corde ,meglio se più perèendicolare così non dovrebbe aggangiarsi più.

Per il modo di studiare mi sento di consigliarti,oggi che già è un pò che mi impegno ,uno studio sistematico giornaliero di tutto!
UsA solo 5 minuti per esercizio tutti i giorni avanzando di difficoltà solo quando esegui correttamente tutto a metronomo.
Come già detto sopra un esempio è:
La minore scala im tocco libero am e ai alernandoli senza cercare la velocità ma solo la precisione e la sicurezza del tocco.
Poi la stessa scala a tre dita ami e ima due ottave andata e ritorno .
Recuperi la stanchezza dell'esercizio passando agli esercizi per il pollice i' avanzamento cromatico semitono per semitono lungo la tastiera ti aiuterà a fraternizzare con tutto il manico.Solo mi basso la e re e nel frattempo indice anulare e medio si riposano tranquilli.
Alzapùa sempre eserc semplice propeteudico e in seguito alzapùa vera e propria.
Poi un arpeggio in tonalità della scala una sequenza armonica suonata ima e ami ti rifarà prendere confidenza con la tonalità mentre fai l'arpeggio .
Dopo l'arpeggio passi ai Rasquesdos ,lenti e non tutti ,solo quelli che userai ,per gradi di difficoltà .
Il picado sempre senza insistere troppo,ma gradadatamente prima il movimento alternato im ma mi poi le terzine poi 5 ine e cambio corda etc. progredendo man mano e lasciiando dietro quello che si è fatto con sicurezza.Quando fai il picado cerca di suonare come se stessi facendo un legato anche se il mov è altrnato.

Meglio tutto tutti i giorni senza ammazzarsi le mani che un approfondimento di 1 ora su una singola tecnica.Poi dipende dal tempo che hai a disposizione perchè se hai la possibilità di studiare di più devi farlo dopo che le mani hanno recuperato e lì potrai iniziare ad avanzare allenandoti diove sei più debole.

Come ti ho detto sopra è inutila arrivare a suonare il livello massimo di una soleà e non conoscere un tango meglio un livello basso di ogni singolo palos base perchè uno è il complemento dell'altro.


Il golpe dovresti darlo con am in modo da non scaricare tutta la forza sul anulare.L'unghia colpisce la tavola di punta e spesso si scheggia.
Sovente trovi gente di calibro che durante un tangos esempio colpisce la tapa solo con l'anulare,esigenze del rasqueos del momento ,ancora una volta un adattamento al genere e alla tecnica che si sta usando.


Queste cose te le scrivo perchè sono conclusioni che ho raggiunto provando e sbagliando ,ascoltando e chiedendo e oggi credo sia corretto fare così poi non sò gli altri come e cosa fanno.

Saluti
Lino

Sonic Infusion

Re: spartiti utili

Messaggio da Sonic Infusion » mer 12 nov 2008, 16:50

no no, ho prorpio il primo metodo, e cioè il"metodo elemental de guitarra flamenca", per wquesto mi pareva stano il fatto del nevel 0.
per il pollice ci vado più perpendicolarmente...vedendo molto flamenchisti che lo usavano più laterale credevo che la posizione perpendicolare fosse sbagliata, ma meglio adattarsi colle proprie peculiarità.
il mio primo maestro di classica, quando mettevo la mano destra un pò inclinata e non perpendicolare ale corde, cercava sempre di correggermi perchè secondo lui era sbagliato...
la mia nuova prof invece mi ha detto che la miglior posizione è quella che si usa in modo naturale, è inutile ammazzarsi i polsi per stabilire posizioni che ti fanno solo male.

infatti, pergli esercizi ho poco meno di un'ora, e cerco di fare il più possibile il meno superficialmente possibile.

per il golpe la mia curiosità era se conveniva colpire la tapa con i polpastrelli di am o con le unghie...

nel rasgueo ho un dubbio: se il pollice deve stare appoggiato, come mai nella partitura indica di suonare anche la 6 corda?
e sono dubbioso anche sul numero di corde che l'inice colpisce in senso ascendente...non ho capito se colpisce solo le prime tre o fino alla quarta..o addirittura fino alla quinta.

ciao :merci:

flax

Re: spartiti utili

Messaggio da flax » gio 13 nov 2008, 12:00

Sonic Infusion ha scritto:no no, ho prorpio il primo metodo, e cioè il"metodo elemental de guitarra flamenca", per wquesto mi pareva stano il fatto del nevel 0.
per il pollice ci vado più perpendicolarmente...vedendo molto flamenchisti che lo usavano più laterale credevo che la posizione perpendicolare fosse sbagliata, ma meglio adattarsi colle proprie peculiarità.
il mio primo maestro di classica, quando mettevo la mano destra un pò inclinata e non perpendicolare ale corde, cercava sempre di correggermi perchè secondo lui era sbagliato...
la mia nuova prof invece mi ha detto che la miglior posizione è quella che si usa in modo naturale, è inutile ammazzarsi i polsi per stabilire posizioni che ti fanno solo male.

infatti, pergli esercizi ho poco meno di un'ora, e cerco di fare il più possibile il meno superficialmente possibile.

per il golpe la mia curiosità era se conveniva colpire la tapa con i polpastrelli di am o con le unghie...

nel rasgueo ho un dubbio: se il pollice deve stare appoggiato, come mai nella partitura indica di suonare anche la 6 corda?
e sono dubbioso anche sul numero di corde che l'inice colpisce in senso ascendente...non ho capito se colpisce solo le prime tre o fino alla quarta..o addirittura fino alla quinta.

ciao :merci:
Il golpe purtroppo lo dai con le unghie ecco spiegato ciò che ti ho scritto sopra,scarichi su due e non su un unghia.

Il rasqueos mi dovresti specificare quale hai letto.
Ne esistono tantissimi e quelli dove hai il pollice poggiato tipo mami I su, non richiedono chiaramente di suonare il mi basso.
Stessa cosa per ami I ,mi I,.
Altra cosa sono gli abanico psù migngiù i giù dove puoi per esempio spostarti a seconda di ciò che vuoi ottenere.


P.s. quando parlo un pò più perpendicolare non significa esattamente a 90 gradi.

Sonic Infusion

Re: spartiti utili

Messaggio da Sonic Infusion » gio 13 nov 2008, 13:47

flax ha scritto:
Sonic Infusion ha scritto:no no, ho prorpio il primo metodo, e cioè il"metodo elemental de guitarra flamenca", per wquesto mi pareva stano il fatto del nevel 0.
per il pollice ci vado più perpendicolarmente...vedendo molto flamenchisti che lo usavano più laterale credevo che la posizione perpendicolare fosse sbagliata, ma meglio adattarsi colle proprie peculiarità.
il mio primo maestro di classica, quando mettevo la mano destra un pò inclinata e non perpendicolare ale corde, cercava sempre di correggermi perchè secondo lui era sbagliato...
la mia nuova prof invece mi ha detto che la miglior posizione è quella che si usa in modo naturale, è inutile ammazzarsi i polsi per stabilire posizioni che ti fanno solo male.

infatti, pergli esercizi ho poco meno di un'ora, e cerco di fare il più possibile il meno superficialmente possibile.

per il golpe la mia curiosità era se conveniva colpire la tapa con i polpastrelli di am o con le unghie...

nel rasgueo ho un dubbio: se il pollice deve stare appoggiato, come mai nella partitura indica di suonare anche la 6 corda?
e sono dubbioso anche sul numero di corde che l'inice colpisce in senso ascendente...non ho capito se colpisce solo le prime tre o fino alla quarta..o addirittura fino alla quinta.

ciao :merci:
Il golpe purtroppo lo dai con le unghie ecco spiegato ciò che ti ho scritto sopra,scarichi su due e non su un unghia.

Il rasqueos mi dovresti specificare quale hai letto.
Ne esistono tantissimi e quelli dove hai il pollice poggiato tipo mami I su, non richiedono chiaramente di suonare il mi basso.
Stessa cosa per ami I ,mi I,.
Altra cosa sono gli abanico psù migngiù i giù dove puoi per esempio spostarti a seconda di ciò che vuoi ottenere.


P.s. quando parlo un pò più perpendicolare non significa esattamente a 90 gradi.

infatti, io non lo metto prorpio "appecorato", ma meno laterale, per permettere all'unghia di non incepparsi.

il rasgues è quello mignolo anulare medio indice, con pollice sulla sesta corda...ma nel metodo la sesta corda risulta da suonare. boh

flax

Re: spartiti utili

Messaggio da flax » gio 13 nov 2008, 16:04

Sonic Infusion ha scritto:
flax ha scritto:
Sonic Infusion ha scritto:no no, ho prorpio il primo metodo, e cioè il"metodo elemental de guitarra flamenca", per wquesto mi pareva stano il fatto del nevel 0.
per il pollice ci vado più perpendicolarmente...vedendo molto flamenchisti che lo usavano più laterale credevo che la posizione perpendicolare fosse sbagliata, ma meglio adattarsi colle proprie peculiarità.
il mio primo maestro di classica, quando mettevo la mano destra un pò inclinata e non perpendicolare ale corde, cercava sempre di correggermi perchè secondo lui era sbagliato...
la mia nuova prof invece mi ha detto che la miglior posizione è quella che si usa in modo naturale, è inutile ammazzarsi i polsi per stabilire posizioni che ti fanno solo male.

infatti, pergli esercizi ho poco meno di un'ora, e cerco di fare il più possibile il meno superficialmente possibile.

per il golpe la mia curiosità era se conveniva colpire la tapa con i polpastrelli di am o con le unghie...

nel rasgueo ho un dubbio: se il pollice deve stare appoggiato, come mai nella partitura indica di suonare anche la 6 corda?
e sono dubbioso anche sul numero di corde che l'inice colpisce in senso ascendente...non ho capito se colpisce solo le prime tre o fino alla quarta..o addirittura fino alla quinta.

ciao :merci:
Il golpe purtroppo lo dai con le unghie ecco spiegato ciò che ti ho scritto sopra,scarichi su due e non su un unghia.

Il rasqueos mi dovresti specificare quale hai letto.
Ne esistono tantissimi e quelli dove hai il pollice poggiato tipo mami I su, non richiedono chiaramente di suonare il mi basso.
Stessa cosa per ami I ,mi I,.
Altra cosa sono gli abanico psù migngiù i giù dove puoi per esempio spostarti a seconda di ciò che vuoi ottenere.


P.s. quando parlo un pò più perpendicolare non significa esattamente a 90 gradi.

infatti, io non lo metto prorpio "appecorato", ma meno laterale, per permettere all'unghia di non incepparsi.

il rasgues è quello mignolo anulare medio indice, con pollice sulla sesta corda...ma nel metodo la sesta corda risulta da suonare. boh
Scansiona la pagina e fammela vedere perchè non ho mai visto un simbolo (frecce e dita)che indicano un rasqueos dicendo che deve suonare questa o quella corda.
Tu certamente stai leggendo l'accordo che prende anche la sesta corda e pensi che il tuo rasquesdos deve suonare toccando la sesta corda.
Credo sia così ma non lo sò!
Scansiona,sarà utile anche per altri oltre che per te.

ciao

Sonic Infusion

Re: spartiti utili

Messaggio da Sonic Infusion » gio 13 nov 2008, 17:23

ehm, non ho lo scanner purtroppo
comunque mi sono spiegato male sicuramente. non ci sono segni nei ragueos che indicani che corde suonare, ma c'è l'accordo es, MI in cui tutte le note dell'accordo sono segnate per essere suonate. mi spiego meglio: non c'è qualcosa che fa capire che il mi basso non si deve suonare.
poi c'è una cosa che mi fa impazzire: in molti esercizi si sentono dei colpi, ma non ci sono segnalati dei golpe.
tipo nell'esercizio pulgar - indice si sentono ma non c'è il tipico quadrettino bianco sul rigo.
così come nella prima solea: si sentono molti colpi, senza segnalazione di golpe, mentre in alcune battute il golpe è segnalato normalmente.
caspiterina!!! :evil:

ciao flax

gianlucaxyz

Re: spartiti utili

Messaggio da gianlucaxyz » ven 21 ago 2009, 16:03

Grazie per le tue domande sonic infusion e per le tue risposte flax!

Anche io mi chiedevo più o meno le stesse cose e adesso mi sono più chiare

Volevo chiedere se è normale che quando provo a fare il rasgueado i in simultanea col golpe,
le dita am tendano ad "addrizzarsi". Questo inconveniente comporta un golpe brutto, fiacco e che quasi non si sente (coperto dal suono delle corde) perché con le dita allungate la tapa viene colpita con i polpastrelli e più debolmente.
In piu' l'effetto piu'brutto e' che quando il rasgueado è alternato al golpe esce fuori una cosa accettabile, definita e precisa, quando è simultaneo no. Mi sembra un controsenso...è bello che il colpo sottolinei e rinforsi l'impatto dell'accordo! Come lo eseguo io viene fuori l'opposto! un vuoto buco musicalmente inopportuno!
Lo fa solo a me? Sbaglio la postura secondo voi oppure devo solo esercitarmi?

grazie!!

Giaguaro

Re: spartiti utili

Messaggio da Giaguaro » sab 12 set 2009, 12:04

w me ha scritto:grazie, io vi volevo dire che mi piace molto il flamenco di paco de lucia e segovia :D

segovia, flamenchista gitano che si dedicava solo a tango e buleria :lol:

enrico O

Re: spartiti utili

Messaggio da enrico O » lun 05 ott 2009, 22:51

w me ha scritto:Io ho incominciato adesso le scale di segovia e vorrei chiedervi quali spartiti potrebbero essere al mio livello :merci:
salve,credo che le scale di Segovia siano un ottimo metodo per iniziare!!!

Torna a “Didattica, metodi, tecniche e musiche”