Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

I metodi e l'insegnamento di Carulli.
Avatar utente
Alma Steiner
Moderator
Messaggi: 3992
Iscritto il: mar 12 feb 2008, 15:58

Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

Messaggio da Alma Steiner » dom 13 apr 2008, 17:22

Brevissime note sui Metodi di Carulli:

Carulli espone la sua tecnica chitarristica nel Méthode complète op. 27 pubblicato nel 1810 da Carli. In quest'opera definisce l'accordatura della chitarra (corrispondente a quell'attuale) e l'uso del poggiapiede per il piede sinistro. Istituzionalizza l'alternanza del medio e dell'indice della mano destra per i passaggi in note congiunte e l'uso dell'anulare sul Mi cantino per gli arpeggi e gli accordi di quattro suoni.
All'inizio del XIX secolo gran parte di coloro che praticano la chitarra sono chitarristi "amatoriali" con una preparazione limitata per cui Carulli evita di inserire nel suo Metodo nozioni troppo complesse e, per non comprometterne la vendita, sceglie di editarlo in due parti: nella prima espone principi accessibili agli amateurs completandoli con piacevoli brani didattici, pubblicati successivamente. Nella seconda parte le nozioni musicali e tecnici sono più approfondite e rivolte a chitarristi competenti. Così egli accontenta un vasto pubblico, dagli amateurs ai chitarristi più eruditi, offrendo a tutti possibilità di approfondire la propria conoscenza chitarristica.
Il Metodo fu tradotto in italiano e tedesco e pubblicato in quattro edizioni. Successivamente Carulli si trovò di fronte alla concorrenza di nuovi maestri che si andavano affermando a Parigi (Molino, Aguado, Carcassi, Sor) e alla necesità, quindi, di soddisfare un livello strumentale più elevato e vario.
Per aggiornare il suo insegnamento e per mantenere il prestigio presso il pubblico, Carulli pubblicò, dopo diverse controversie col suo editore Carli, tra il 1825 e il 1826, il Méthode complète pour parvenir à pincer de la guitare op. 241.
:::===(o| )

Giulio Mantis

Re: Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

Messaggio da Giulio Mantis » sab 17 gen 2009, 18:53

Bel commento al metodo, lo ritieni utile per chi comincia a suonare la chitarra da zero, se no, quale metodo consigli? ciao

Avatar utente
Alma Steiner
Moderator
Messaggi: 3992
Iscritto il: mar 12 feb 2008, 15:58

Re: Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

Messaggio da Alma Steiner » dom 18 gen 2009, 23:12

Grazie Giulio. Non sono un'insegnante e quindi non posso/non so consigliarti metodi o piani di studio. Che andrebbero comunque concordati, possibilmente, insieme a un maestro. Per le opinioni o i consigli sui metodi puoi fare una ricerca nella sezione Studio: scambio opinioni e consigli.
:bye:
:::===(o| )

chef85

Re: Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

Messaggio da chef85 » ven 07 ago 2009, 15:30

:bye: ragazzi......ma questo metodo posso trovarlo nel forum??.......... :merci:

Avatar utente
Alma Steiner
Moderator
Messaggi: 3992
Iscritto il: mar 12 feb 2008, 15:58

Re: Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

Messaggio da Alma Steiner » mar 11 ago 2009, 01:24

nella collezione Rischel puoitrovare due edizioni (non complete e non in italiano)

http://www2.kb.dk/elib/noder/rischel/RiBS0134.pdf
http://www2.kb.dk/elib/noder/rischel/RiBS0133.pdf

Ma ti conviene comprare una edizione "moderna" per facilità di lettura e per le note introduttive e/o storiche che puoi trovarci: ci sono varie revisioni fatte da vari autori: Benvenuto Terzi, Carmen Lenzi-Mozzani, Mauro Storti, anche Roberto Fabbri ha pubblicato una revisione con un cd dei duetti per esercitarsi da soli. :bye:
:::===(o| )

Avatar utente
Pillo
Messaggi: 48
Iscritto il: dom 03 giu 2007, 12:17

Re: Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

Messaggio da Pillo » ven 02 ott 2009, 13:43

Grazie per la segnalazione! :okok:

Tom Savini

Re: Primi Appunti- Metodo op. 27, Metodo op. 241

Messaggio da Tom Savini » mer 29 gen 2014, 13:21

Il metodo di Carulli contiene ottimi brani da suonare, ma dubito che sia un buon metodo attuale per insegnare agli studenti di oggi la chitarra...

Torna a “Didattica”